Disdetta contratto telecom per decesso intestatario - ritardo cessazione linea

A fine dello scorso novembre purtroppo è venuta a mancare la madre del mio ragazzo: abbiamo prontamente inviato la raccomandata a Telecom per la disdetta della linea telefonica allegando il certificato di decesso e la richiesta di recesso del contratto telefonico. Telecom riceve la raccamandata il 2 dicembre.

Stupiti di ricevere ancora bollette da parte di telecom, ci siamo accorti a febbraio che la linea non era stata staccata! Quindi contatto il 187, l'operatrice mi stacca la linea e mi dice di non preoccuparmi delle bollette ricevute.

Purtroppo continuano ad arrivare bollette di morosità fino ad arrivare al recupero crediti. Ho aperto due contestazioni al 187 per richiedere il ricalcolo corretto di quanto effettivamente dovuto (la linea doveva essere staccata a dicembre!) che mi sono state chiuse e rigettate senza nemmeno contattarci (al contrario di quanto promesso dagli operatori del 187) e oggi ne ho aperto una terza, ma credo che finirà allo stesso modo delle precedenti.

A questo punto pensavamo di aprire una contestazione direttamente al Corecom. Può essere la strada giusta per tutelarci e avere il conteggio corretto di quanto dobbiamo a Telecom a partire dalla bolletta di novembre e se i costi di disattivazioni sono dovuti visto il motivo della disdetta?

A quali diritti e articoli ci possiamo riferire in sede di contestazione presso il Corecom per sostenere la nostra causa?

La procedura di risoluzione stragiudiziale delle controversie tra utenti ed operatori di telefonia ed internet sono regolate da una specifica disciplina definita in dettaglio dall'Autorità per le Garanzie nelle Telecomunicazioni (AGCOM) con la delibera numero 173/07/CONS e prevede, sostanzialmente, l'avvio di un tentativo di conciliazione innanzi al CO.RE.COM. (COmitato REgionale per le COMunicazioni) territorialmente competente.

Tuttavia, prima di intraprendere la strada della conciliazione, evitando un estenuante, lungo e dispendioso contenzioso giudiziale, è necessario, obbligatoriamente, presentare un reclamo direttamente all'operatore TELECOM (oggi TIM): in tal modo, si attiva un'apposita procedura finalizzata a individuare una possibile soluzione al problema.

Il reclamo può essere proposto al servizio di assistenza clienti dell'operatore (c.d. customer care) a mezzo posta, fax o telefono; a tal fine, nel contratto, nella Carta dei servizi e nelle fatture sono indicati i recapiti utilizzabili.

L'invio del reclamo a mezzo posta con raccomandata AR consente di avere prova dell'avvenuta ricezione da parte del gestore.

L'esito del reclamo deve essere comunicato al cliente entro il termine massimo di 45 giorni dal ricevimento.

La comunicazione può essere informale (per esempio telefonica), nel caso di accoglimento del reclamo e risoluzione del problema. Se il reclamo è respinto, l'operatore è obbligato a fornire all'utente una risposta adeguatamente motivata in forma scritta e deve indicare gli accertamenti compiuti per esaminare il problema.

Solo in caso di rigetto del reclamo o di mancata risposta da parte dell'operatore nei termini precedentemente indicati, il cliente potrà rivolgersi al CO.RE.COM territorialmente competente.

4 luglio 2016 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

morosità fornitura gas e luce
tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Morosità bollette telefoniche - come funziona
L'Antitrust aveva avviato una istruttoria per verificare se il comportamento di Telecom di subordinare l'attivazione della linea telefonica al pagamento delle morosità accumulate da terzi su quell'utenza, potesse costituire un abuso di posizione dominante o precludesse l'accesso ai servizi di telefonia ai clienti, penalizzando gli altri operatori. L'istruttoria è stata ...
Disservizi voce ed internet - L'utente può chiedere il risarcimento danni all'operatore con cui ha stipulato il contratto di fornitura
Un professionista stipulava con un operatore telefonico alternativo (OLO) un contratto per la fornitura di servizi telefonici relativi alla rete fissa (chiamate voce ed ADSL per l'accesso ad internet). L'utente conveniva in giudizio l'operatore, rilevando il non corretto funzionamento dei servizi e chiedendone la condanna al risarcimento dei danni. I ...
Linea internet ADSL molto lenta » Come comportarsi?
Dopo aver stipulato un contratto per internet, in Adsl, con un noto gestore, ho riscontrato un problema. La navigazione è molto più lenta di quella promessa dal gestore, visto che ho sottoscritto un servizio ad alta velocità. Ho segnalato il disservizio più volte, ma la faccenda non è mai stata ...
Contratto per la fornitura di energia elettrica attivato con vocal ordering senza l'invio successivo del contratto? » Scatta il risarcimento danni per il consumatore
Scatta il risarcimento danni non patrimoniale per il consumatore a cui sia stato attivato un contratto per la fornitura di energia elettrica con la tecnica del vocal ordering, ma senza il successivo invio del contratto scritto. Cominciamo dicendo che per vocal ordering si intende l'acquisizione del consenso attraverso la registrazione ...
La conciliazione » Ecco come contestare bollette di luce telefono e gas
Per risolvere le controversie relative a ipotetici abusi o discordanze sulle bollette di luce telefono o gas, è possibile, senza dover per forza attivare un giudizio in tribunale promuovere una conciliazione al fine di tentare una soluzione bonaria alla vertenza ed evitare gli ingenti costi di una causa, evitando anche ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca