Recupero crediti per conto di Telecom

Nel mese di luglio ho chiesto per motivi di cambio di residenza il trasloco della mia linea telecom fibra e il centro assistenza mi ha detto che non era possibile fare il cambio di residenza per la linea fibra e che quindi dovevo chiudere il vecchio contratto e aprirne uno nuovo e cosi ho fatto.

Nel mese di settembre mi sono resa conto che la vecchia linea era ancora arriva nonostante io non abitassi più li da due mesi! E hanno provveduto a chiuderla non facendomi pagare le due fatture.

Poi ho visto che mi risultava una fattura di 123 euro per chiusura contratto, fattura non dovuta in quanto la chiusura del contratto mi è stata costretta da loro e non richiesta da me.

Giorni fa mi chiama il recupero crediti per conto di Telecom che insiste che devo pagare e io spiegando le mie ragioni, continua a chiamarmi minacciandomi di inviarmi gli interessi. Ho contattato la telecom e l'operatore mi ha detto appunto che ho ragione e che mi contatteranno a giorni per capire che fare.

Secondo voi cosa posso fare?

Innanzitutto ignori le richieste della società di recupero crediti cui Telecom ha affidato un contenzioso che, palesemente, non sussiste.

Ricordi all'operatore del call center che se vuole, può inviare comunicazioni scritte al presunto debitore, ma deve astenersi da qualsiasi contatto telefonico non desiderato.

Chieda all'operatore di identificarsi, annoti l'ora della chiamata, e poi con la massima determinazione gli intimi di non scocciarla più e che, persistendo nel suo comportamento lei procederà a segnalarlo ala società per cui egli lavora, all'Autorità per la tutela della privacy nonchè all'Autorità giudiziaria per i reati di molestie e stalking.

Poi, metta per iscritto la situazione paradossale in cui è venuta, suo malgrado, a trovarsi, ed invii, con raccomandata AR un formale reclamo al customer care di Telecom Italia, con riferimento anche alle pressanti richieste di denaro e minacce di aggravi che le sono state inoltrate dalla società cui Telecom stessa ha affidato il recupero del credito assolutamente non dovuto.

La gestione del reclamo da parte di Telecom Italia deve avvenire entro il termine massimo di 45 giorni dal ricevimento e l'esito della gestione deve essere comunicato all'utente.

Decorsi i 45 giorni, qualora non ricevesse riscontri e persistessero le sollecitazioni di recupero del credito, potrà comunque tutelare le sue ragioni ricorrendo alla procedura di risoluzione delle controversie tra utenti ed operatori regolate da una specifica disciplina definita dall'Autorità per le Garanzie nelle Telecomunicazioni (AGCOM).

Comprendo la frustrazione nel vedersi costretta a incombenze ulteriori e a perdite di tempo per la superficialità con cui l'operatore telefonico ha trattato la sua pratica, ma, tant'è, seguire la procedura consigliata (ed avere le prove di aver inoltrato formale reclamo) è l'unico modo per non passare, in futuro, dalla ragione al torto.

17 marzo 2015 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Morosità bollette telefoniche - come funziona
L'Antitrust aveva avviato una istruttoria per verificare se il comportamento di Telecom di subordinare l'attivazione della linea telefonica al pagamento delle morosità accumulate da terzi su quell'utenza, potesse costituire un abuso di posizione dominante o precludesse l'accesso ai servizi di telefonia ai clienti, penalizzando gli altri operatori. L'istruttoria è stata ...
Non è possibile chiudere un conto corrente se è utilizzato per il pagamento delle rate di un prestito concesso dalla stessa banca
Abbiamo già avuto modo di vedere, in altri articoli, che è illegittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente motivandolo con l'esistenza di un saldo negativo, dal momento che la giurisprudenza ha evidenziato che il diritto di recesso dai contratti a tempo indeterminato è riconosciuto al correntista ai ...
Chiusura conto corrente » termine prescrizionale per la ripetizione degli interessi
Chiusura di un conto corrente: in tema di ripetizione dell'indebito, il termine prescrizionale è decennale. L'azione di ripetizione di indebito, proposta dal cliente di una banca, il quale lamenti la nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi anatocistici maturati con riguardo ad un contratto di apertura di credito bancario ...
Chiusura unilaterale conto corrente e conseguente protesto assegno - la banca deve risarcire
La clausola di buona fede nell'esecuzione del contratto di conto corrente opera come criterio di reciprocità, imponendo a ciascuna delle parti del rapporto di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra e costituisce un dovere giuridico autonomo a carico delle parti contrattuali, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali ...
Prescrizione decennale dei contratti di mutuo e di conto corrente bancario – decorrenza
"Il momento iniziale del termine prescrizionale decennale per il reclamo delle somme indebitamente trattenute dalla banca a titolo di interessi su un'apertura di credito in conto corrente (nella specie: perché calcolati in misura superiore a quella legale senza pattuizione scritta), decorre dalla chiusura definitiva del rapporto, trattandosi di un contratto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca