Disdetta contratto telecom per decesso intestatario – costi realmente dovuti

In seguito al decesso dell’intestatario di una linea fissa telecom è stata effettuata la richiesta di disdetta e cessazione della linea.

A questo proposito volevo sapere quali sono i costi dovuti a Telecom, considerando appunto che l’intestatario (e unico fruitore della linea) non c’è più e quindi materialemente impossibilitato a pagare.

Telecom richiede il pagamento della bolletta relativa al mese in cui è avvenuto il decesso, quella relativa al mese successivo (perchè loro ci mettono 20 giorni per staccare la linea….peccato che nel frattempo nessuno poteva utilizzarla) e i costi di disattivazione.

Questi costi sono realmente dovuti a Telecom nonostante il motivo di disdetta?

Al contrario, visto il motivo della disdetta, Sky non ho voluto nemmeno il pagamento della fattura relativa al mese del decesso.

Telecom Italia deve provvedere alla dismissione del servizio entro il termine di efficacia dei 30 giorni, decorrenti dalla ricezione della richiesta di disdetta contrattuale.

Com’è noto, il d.l. 7/2007, convertito dalla la legge 40/2007, ha riconosciuto al consumatore la facoltà di recedere dai contratti per adesione stipulati con operatori di comunicazione elettronica o di trasferire la propria utenza presso altro operatore con il solo obbligo di preavviso e ha stabilito che il recesso o il trasferimento debbano essere garantiti senza ritardi e senza penali. Ai sensi dell’art.1, comma 3, del d.l. n.7/2007 I contratti per adesione stipulati con operatori di telefonia…devono prevedere la facoltà del contraente di recedere dal contratto … senza vincoli temporali e non possono imporre un obbligo di preavviso superiore a trenta giorni.

In attuazione della delibera Agcom n. 664/06/Cons, allegato A, all’art. 5, comma 9 stabilisce che L’operatore che in caso di recesso non disattivi tempestivamente il servizio oggetto di recesso non può addebitare all’utente alcun importo per le prestazioni eventualmente da questo fruite a decorrere dalla data di efficacia del recesso stesso.

Ai sensi dell’art. 1335 c.c., la disdetta contrattuale si reputa conosciuta nel momento in cui giunge all’indirizzo del destinatario, se questi non prova di essere stato senza sua colpa nell’impossibilità di averne notizia.

E’ inoltre dovuto un indennizzo di euro 5 per ogni giorno di indebita continuazione nella fornitura dei servizi, conseguente alla ritardata lavorazione del recesso.

14 Luglio 2016 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Disdetta contratto telecom per decesso intestatario - ritardo cessazione linea
A fine dello scorso novembre purtroppo è venuta a mancare la madre del mio ragazzo: abbiamo prontamente inviato la raccomandata a Telecom per la disdetta della linea telefonica allegando il certificato di decesso e la richiesta di recesso del contratto telefonico. Telecom riceve la raccamandata il 2 dicembre. Stupiti di ricevere ancora bollette da parte di telecom, ci siamo accorti a febbraio che la linea non era stata staccata! Quindi contatto il 187, l'operatrice mi stacca la linea e mi dice di non preoccuparmi delle bollette ricevute. Purtroppo continuano ad arrivare bollette di morosità fino ad arrivare al recupero crediti. ...

Recupero crediti per conto di Telecom
Nel mese di luglio ho chiesto per motivi di cambio di residenza il trasloco della mia linea telecom fibra e il centro assistenza mi ha detto che non era possibile fare il cambio di residenza per la linea fibra e che quindi dovevo chiudere il vecchio contratto e aprirne uno nuovo e cosi ho fatto. Nel mese di settembre mi sono resa conto che la vecchia linea era ancora arriva nonostante io non abitassi più li da due mesi! E hanno provveduto a chiuderla non facendomi pagare le due fatture. Poi ho visto che mi risultava una fattura di 123 ...

Disdetta ADSL con Telecom e ultima bolletta non pagata - Cosa rischio?
Nel 2011, quindi quasi 10 anni fa, avevo l'abbonamento adsl con telecom, poi ho fatto la disdetta mesi dopo con un importo di 250 euro da pagare e che non ho pagato, ho cambiato casa e mi sono trasferito in Irlanda. Qualche anno dopo avevo chiamato il servizio clienti spiegando la situazione e mi hanno detto che mi avrebbero fatto sapere. Vivendo all'estero non ho più il numero italiano da tanti anni ormai e non ho ricevuto alcuna comunicazione. In cosa potrei incorrere? Questa bolletta è andata in prescrizione? L'importo della bolletta può essere aumentato di molto con tanto di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Disdetta contratto telecom per decesso intestatario – costi realmente dovuti