Decadenza del beneficio del termine - Quando?

Sono in ritardo nel pagamento delle rate del mutuo contratto con la BNL a marzo 2011: a settembre, ottobre e novembre 2017 dovetti saltare il pagamento di 3 rate, perché c'è stato un imprevisto e ho dovuto destinare la somma delle 3 rate ( mille e 500 euro in tutto) al pagamento imprevisto.

A dicembre ho ricominciato a pagare regolarmente 500 euro mensili, ma purtroppo ancora non riesco a coprire le tre rate arretrate.

Vorrei chiederVi se rischio con tre rate insolute che la banca possa notificarmi la decadenza del beneficio del termine, e conseguentemente richiedere il pagamento del debito residuo totale di circa 70 mila, e quindi pignorare e vendere la casa all'asta. Vengo contattata ogni settimana dalla banca che mi chiede di pagare, ma purtroppo ora non riesco.

Perché la banca possa risolvere il contratto di mutuo e notificare la Decadenza del Beneficio del Termine (DBT) esigendo il rientro immediato del capitale residuo in un'unica soluzione devono verificarsi sette eventi (anche non consecutivi) di ritardo nel pagamento delle rate (articolo 40, comma 2, Testo Unico Bancario).

Ma attenzione, una volta sanati i ritardi arretrati il conto non riparte da zero. Sette sono, e sette restano, i ritardi ammessi anche se successivamente sanati, in tutta la durata del piano di ammortamento del mutuo.

Inoltre, tenga presente che si intende per ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata.

In altre parole, per evitare la DBT, lei deve sanare il ritardo entro (al massimo) sei mesi dalla scadenza. Altrimenti risulta inadempiente: pertanto, la rata a scadenza settembre 2017 va sanata, assolutamente, entro marzo 2018.

Se si trova in difficoltà meglio pagare la rata di settembre 2017 e ritardare quella di marzo 2018 (così ad aprile e maggio 2018 meglio pagare le rate di ottobre e novembre 2017), purchè non arrivi ai sette ritardi complessivi (in questo modo maturerebbe sei ritardi e non avrebbe ulteriori chances: ma riuscirebbe a tamponare ancora, anche se solo momentaneamente, la situazione).

25 marzo 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

decadenza dal beneficio del termine (DBT)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La decadenza dal beneficio del termine
Decadenza del beneficio del termine per ritardi nel pagamento delle rate - Risoluzione del contratto di mutuo o di finanziamento La decadenza dal beneficio del termine è la facoltà che ha il finanziatore di esigere immediatamente il debito residuo di un prestito in un'unica soluzione, a seguito di specifiche inadempienze ...
Controlli automatici e formali della dichiarazione dei redditi » Rateazione e decadenza dal beneficio
Il versamento delle somme dovute in seguito ai controlli automatici e ai controlli formali delle dichiarazioni dei redditi può essere rateizzato. Le rate sono trimestrali, di pari importo o di importo decrescente. Sulle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi al tasso del 3,5% annuo. Per comunicazioni di irregolarità ...
Rinuncia eredità con beneficio di inventario - i creditori possono chiedere di abbreviare il termine decennale per l'accettazione
A tutela dei creditori del de cuius e a tutela dei creditori nei confronti del chiamato all'eredità che accetta con beneficio di inventario, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace, il cui scopo è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile può ...
La decadenza dal diritto di accettare l'eredità con beneficio di inventario
Come sappiamo, colui che accetta l'eredità con beneficio d'inventario è erede, con l'unica rilevante differenza, rispetto all'accettazione pura e semplice, che il patrimonio del defunto é tenuto distinto da quello dell'erede, producendosi così la limitazione della sua responsabilità per i debiti ereditari entro il valore dei beni lasciati dal defunto. ...
Quando una proprietà indivisa è per il debitore un peso di cui sbarazzarsi
Illustro brevemente la mia situazione che da circa 2 mesi a questa parte, mi logora. Ho due contratti di finanziamento con la Santander Consumer Bank, di cui uno di circa 28.000€ e l'altro di 4500 €, in più, sempre con loro ho una carta revolving (per 1500 €).  Un altra ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca