Come risolvere per evitare che i debiti dei genitori ricadano sui figli?

Sono una figlia preoccupata per le sorti della madre e per le mie e di mia sorella: entrambe lavoriamo e ci troviamo spesso a pagare per gli errori di mia madre.

Di recente mia madre, inoccupata e senza alcun reddito, ha ricevuto una lettera dall'Agenzia delle entrate per il pagamento di redditi non dichiarati e il pagamento non è rateizzabile.

Mia madre ha chiuso il conto in banca con tanta furbizia per salvare quel poco che aveva da chiunque potesse chiedergli e né lavora, né percepisce disoccupazione.

Le uniche persone fisiche su cui rivalersi e che "possono" pagare ,cosa per niente semplice da fare, siamo io e mia sorella.

Non riusciamo a sborsare l'intera somma perché troppo alta.

Io ho il timore che un giorno lo Stato possa venire a chiedermi la cifra maggiorata di eventuali penali.

Temo che l'Agenzia chieda a me di sanare il debito toccando il mio conto bancario o eventuali beni a me intestati in un futuro (macchina).

Quindi vorrei capire se noi figlie siamo obbligate a pagare i debiti di un genitore in vita se ci trova nel suo stato di famiglia e abbiamo la stessa residenz ?

Vorrei inoltre capire cosa fare per tutelarsi dal pagamento di debiti famigliari sia quelli che contrarrà in vita e quelli che verranno fuori quando sarà defunta.

Si tratta di preoccupazioni assolutamente infondate: i tributi ed i contributi previdenziali ed assicurativi dovuti dai genitori, non versati, evasi o pagati parzialmente non possono essere richiesti ai figli, fin quando i genitori sono in vita. Così come il rimborso di debiti contratti dai genitori presso banche e finanziarie non possono essere pretesi dai figli durante il periodo in cui i debitori sono in vita, a meno che i figli non abbiano prestato garanzia in favore dei propri genitori o non siano coobbligati (abbiano, cioè, richiesto il prestito sottoscrivendolo insieme ai propri genitori).

Quando il debitore muore, i figli, al fine di evitare l'obbligo di pagare i debiti lasciati dal genitore, possono esercitare il diritto di rinuncia all'eredità. A quel punto, chi ha avuto, ha avuto e chi ha dato, ha dato ...

28 agosto 2018 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati ...
Debiti e responsabilità patrimoniale dei soci sas
In una Sas i soci accomandanti rispondono solo nei limiti della quota conferita (responsabilità limitata), i soci accomandatari, invece, rispondono illimitatamente e solidalmente per i debiti della società. Da quello che riferisce Lei sarebbe una socia accomandante, pertanto, in assenza di eventuali ed ulteriori vincoli o garanzie prestate, al momento ...
Acquisto prima casa per i figli » Consigli da seguire ed errori da evitare: la guida
Nell'ipotesi dell'acquisto della prima casa per i figli, quali sono, in linea generale, i consigli da seguire e gli errori da evitare? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. Purtroppo, visto il lungo e duraturo momento di crisi economica sempre più spesso accade che i genitori aiutino i propri figli nell'acquisto della loro ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
Amore e prestiti – come evitare debiti di relazione
Il debito di relazione è quando qualcuno rimane coinvolto nei prestiti o debiti di un'altra persona a causa di un legame emotivo invece di cercare di ottenere dei benefici per se stesso. A molte donne viene chiesto di firmare documenti in qualità di coobbligato in un prestito o di garante, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca