Costretto a versare assegno divorzile ex articolo 8 legge 898/1970 con pensione gravata da cessione – Quanto mi resta?


Sono titolare di una pensione ex Inpdap di 1250 euro di cui circa 630 sono decurtati per due cessioni quindi vivo con 620 euro. Purtroppo per ragioni economico familiari non riesco più a pagare un vecchio assegno divorzile ex coniuge di 260 euro. Il quesito è il seguente con l’invito fatto a inps a versare tale assegno lo stesso verrà decurtato dalla metà a me rimanente o mettendo in coda una delle cessioni come nel pignoramento presso terzi classico.

L’articolo 8 della legge 898/1970 dispone che il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell’assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è stabilita la misura dell’assegno ai terzi tenuti a corrispondere periodicamente somme di denaro al coniuge obbligato con l’invito a versargli direttamente le somme dovute, dandone comunicazione al coniuge inadempiente.

Peraltro anche l’articolo 156 del codice civile dispone che, su richiesta dell’avente diritto, il giudice può ordinare all’INPS, tenuto a corrispondere periodicamente la pensione all’obbligato, che una parte di essa venga versata direttamente agli aventi diritto, cioè sua moglie e suo figlio.

Non sono dunque applicabili le regole dettate dall’articolo 545 del codice di procedura civile secondo le quali la somma dei prelievi per pignoramenti concorrenti e per cessione del quinto non può mai superare la metà della pensione.

Tuttavia, il DPR 180/1950 (che si estende anche ai dipendenti di aziende private e dovrebbe estendersi anche ai pensionati), all’articolo 35 (Riduzioni di stipendi o di salari gravati da cessione) prevede che, qualora lo stipendio o salario gravato di cessione subisca una riduzione non superiore al terzo, la trattenuta continua ad essere effettuata nella misura stabilita. Ove la riduzione sia superiore al terzo, la trattenuta non può eccedere il quinto dello stipendio o salario. In tal caso la differenza con i relativi interessi è ricuperata mediante corrispondente prolungamento della ritenuta mensile.

Ma sia chiaro: per calcolare l’entità percentuale effettiva della decurtazione deve calcolare il rapporto fra la quota destinata dal giudice al coniuge divorziato e l’importo della pensione al netto degli oneri fiscali e al lordo di quelle che indica come cessioni.

Se il rapporto è superiore ad un terzo allora potrà chiedere la sospensione della cessione del quinto.

5 Gennaio 2018 · Ludmilla Karadzic

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , , , , , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 217 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Costretto a versare assegno divorzile ex articolo 8 legge 898/1970 con pensione gravata da cessione – Quanto mi resta?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.