Conviene protestare un assegno di 400 euro?

Argomenti correlati:

Mi è stato dato un assegno di 400 euro per l’acquisto di miei beni personali: non ho potuto incassarlo e alle poste mi hanno riferito che era meglio informare le autorità competenti.

Assolutamente non conviene protestare un assegno privo di sufficiente copertura e questo, indipendentemente dall’importo, se si intendere procedere nei confronti del traente (colui che ha emesso l’assegno), e non nei riguardi degli eventuali giranti qualora l’assegno risultasse trasferibile.

Il beneficiario dovrebbe sostenere spese per bolli e onorari del notaio inutili al fine della riscossione coattiva, per la sola soddisfazione di vedere il traente sbattuto nel Registro Informatico dei protesti per cinque anni.

Non è lei a dover informare le Autorità competenti come le ha erroneamente riferito il postino addetto allo sportello bancoposta. Infatti, il debitore, traente dell’assegno privo di sufficiente copertura, ha 60 giorni di tempo, decorrenti dal termine ultimo di presentazione correlato alla data di emissione, per procedere al pagamento tardivo dell’assegno, gravato da una penalità, nella fattispecie di 40 euro a favore del beneficiario e degli interessi moratori giornalieri.

In mancanza dell’adempimento tardivo, Poste Italiane dovrà (per legge) segnalare il titolare del conto corrente, su cui è stato tratto l’assegno, alla Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), inibire il correntista dall’emettere altri assegni per sei mesi e inviare l’informativa al Prefetto territorialmente competente perchè possa applicare al trasgressore (il soggetto che ha emesso l’assegno scoperto) una sanzione amministrativa e, in caso di recidiva, un ulteriore periodo di inibizione alla loro emissione.

Ma, per dare avvio alla procedura, bisogna mettere formalmente all’incasso l’assegno, facendo ufficialmente rilevare a Poste Italiane l’inadempimento, senza accontentarsi dei malfidati consigli del postino addetto allo sportello.

Con l’assegno, riportante la dichiarazione di Poste italiane dell’impossibilità di pagare per insufficiente copertura, il beneficiario, senza passare dal giudice (e senza protesto), potrebbe notificare il precetto al debitore inadempiente e, in caso di persistente rifiuto a versare il dovuto entro 10 giorni (importo facciale, interessi moratori ed eventuali competenze legali per l’avvocato) procedere con il pignoramento dei beni del debitore (conto corrente, stipendio, pensione, beni mobili anche presenti presso la residenza).

12 Gennaio 2019 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quali sono i termini per poter protestare un assegno?
Per un assegno bancario non trasferibile su piazza, con data di emissione 31 luglio, qual è la data termine per cui non scatta il protesto? Il giorno 8 o il 9 agosto? ...

Assegno annullato e presentato al pagamento
Ho avuto una revoca CAI per pagamento in seconda presentazione di un assegno postale nel mese di novembre 2013. Non ho pagato la penale del 10% ed ho fatto passare i 6 mesi come da prassi e la cancellazione CAI è avvenuta. Pochi giorni fa ho emesso un assegno, utilizzando il blocchetto assegni che avevo in mio possesso, ma poste non lo ha pagato in quanto era stato precedentemente annullato da poste stesse, anche se coperto. Ora io mi chiedo, per questo piccolo errore, posso essere soggetto a conseguenze penali/amministrative? Premetto che il beneficiario è stato già saldato con bonifico ...

REI - reddito di inclusione » Un assegno mensile fino a 485 euro per le famiglie con reddito complessivo ISEE non superiore ai seimila euro
Il Reddito d'inclusione (ReI), è uno strumento di contrasto alla povertà che sostituisce sia il Sostegno all'Inclusione Attiva (SIA) che l'Asdi (Assegno Sociale di DIsoccupazione) e gli aventi diritto potranno beneficiarne a partire dal primo gennaio 2018. La misura consiste in un assegno mensile di importo variabile dai 190 fino ai 485 euro, in caso di famiglie molto numerose, per una durata massima di 18 mesi. Il REI potrà essere richiesto a partire dal 1° dicembre 2017. Come abbiamo accennato, l'importo massimo del reddito d'inclusione è pari a quello dell'assegno sociale per gli over 65 senza reddito, cioè 485 euro ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Conviene protestare un assegno di 400 euro?