Quali sono i termini per poter protestare un assegno?

Per un assegno bancario non trasferibile su piazza, con data di emissione 31 luglio, qual è la data termine per cui non scatta il protesto? Il giorno 8 o il 9 agosto?

L'articolo 32 della legge assegni (regio decreto 1736/1933) stabilisce che l'assegno bancario su piazza (pagabile, cioè, nello stesso Comune in cui è stato emesso) deve essere presentato al pagamento nel termine di otto giorni, che decorrono dalla data di emissione indicata nel modulo.

Pertanto, per un assegno emesso il 31 luglio, l'ultimo giorno utile di presentazione è il 7 agosto.

A beneficio degli altri lettori aggiungiamo anche che, una volta scaduti i termini di presentazione, chi ha emesso l'assegno (il traente) ha la possibilità di procedere alla sua revoca: in altre parole, con la revoca, la banca è obbligata a non pagare l'assegno anche in presenza di disponibilità in conto corrente. Con la revoca dell'assegno, intervenuta dopo la scadenza dei termini di presentazione, il traente non è soggetto a protesto e alla segnalazione nella Centrale Rischi Interbancaria (CAI). In assenza di un ordine revoca, invece, la banca può pagare (come di solito avviene) anche dopo la scadenza dei termini di presentazione.

L'articolo 46, sempre in riferimento alla legge assegni, afferma che il protesto (ad esempio, qualora ci fosse insufficiente provvista sul conto corrente del traente) può scattare solo prima che sia spirato il termine di presentazione: tuttavia, se l'assegno è presentato l'ultimo giorno utile, il protesto può essere levato anche il primo giorno feriale successivo.

8 agosto 2017 · Simonetta Folliero


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno - termini di presentazione
protesto assegno

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno – sbarrato postdatato e da accreditare
Quando l'assegno bancario presenta sulla facciata anteriore due sbarre tracciate dal traente o dal portatore, l'assegno può essere pagato dalla Banca soltanto ad un suo cliente o ad un'altra Banca. L'assegno bancario può recare anche tra le due sbarre il nome di un banchiere: è lo sbarramento speciale, col quale ...
Assegno protestato – prescrizione dell'azione di regresso
Il regresso del portatore contro i giranti, il traente e gli altri obbligati si prescrive in sei mesi dallo spirare del termine di presentazione. Le azioni di regresso tra i diversi obbligati al pagamento dell'assegno bancario gli uni contro gli altri si prescrivono in sei mesi a decorrere dal giorno ...
L'assegno bancario privo di data di emissione è nullo
L'assegno bancario, o postale, privo di data di emissione è nullo, nel senso che vale solo come mera promessa di pagamento: l'eventualità che il portatore metta in circolazione il titolo nonostante la mancanza di data, può essere fonte di pregiudizi per il traente, dato che agli effetti della validità dell'assegno ...
Mancata levata del protesto e perdita dell'azione di regresso - Ne risponde il notaio
La normativa vigente subordina il regresso, esercitabile dal portatore quando l'assegno bancario presentato in tempo utile non viene pagato, contro i giranti, il traente e gli altri obbligati, alla condizione che il rifiuto del pagamento sia constatato mediante il protesto o mediante le dichiarazioni che la stessa disposizione qualifica equipollenti. ...
Assegno non trasferibile pagato a soggetto diverso dal beneficiario
Come è noto, la legge assegni precisa che la banca che paga un assegno non trasferibile a persona diversa dal beneficiario risponde del pagamento. Per giurisprudenza consolidata, ove la banca girataria per incasso di assegno, munito di clausola di intrasferibilità, abbia eseguito il pagamento nei confronti di un soggetto non ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca