Contributi previdenziali versati al dipendente invece che all’INPS

Fino al 2016 ero appartenente ad un amministrazione pubblica, dal 2017 ad oggi per effetto di legge sono passato ad altra amministrazione pubblica, la quale facendo bene i calcoli ha eccepito che dal primo gennaio 2009 a fino dicembre 2016 la vecchia amministrazione ha versato per 10 anni, nella mia totale inconsapevolezza nelle competenze stipendiali mensili la quota contributiva del 15% ex art. 4 dlgs 165/1997. Per risolvere la problematica tali quote le ha anticipate all’INPS la nuova amministrazione, ma richiede a me personalmente la restituzione di quanto anticipato. Volevo chiedere 1) sono esigibili le quote degli ultimi 10 anni? 2) mi posso appellare? e, in caso affermativo, quale è la normativa di riferimento?

Il problema consiste nel fatto che la nuova amministrazione pubblica ha sanato l’errore commesso da quella presso la quale lei precedentemente prestava servizio, senza gli aggravi aggiuntivi per il dipendente che ci sarebbero stati, in conseguenza al ritardato versamento (sanzioni civili e interessi moratori) per un dipendente di una azienda privata: la regolarizzazione è avvenuta al costo, forse, dei soli interessi legali per la somma arbitrariamente inclusa in busta paga e non puntualmente versata all’INPS (della quale lei ha comunque beneficiato).

Questa operazione, in sostanza, è stata portata a termine anche, e soprattutto, nell’interesse del dipendente, al quale verrà garantito il medesimo trattamento pensionistico che gli sarebbe stato erogato, una volta in quiescenza, qualora vi fosse stata continuità nel versamento all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale della maggiorazione del 15% ex articolo 4 del decreto legislativo 165/1997.

Peraltro, avendo sanato la sua situazione contributiva con uno stanziamento presumibilmente risalente al 2017, non si può, da questo punto di vista, eccepire alcuna intervenuta prescrizione.

Il voler rilevare, invece la prescrizione dei contributi non versati a suo favore dalla precedente amministrazione e la indebita regolarizzazione portata a termine dalla nuova, si risolverebbe, paradossalmente, in un danno per il dipendente stesso: il quale avrà comunque diritto ad una dilazione sostenibile dell’importo con cui sono stati regolati i conti con l’INPS, trattandosi di un errore non al dipendente attribuibile.

9 Gennaio 2019 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Avvisi di addebito INPS per contributi previdenziali non versati dall'amministratore pro tempore di azienda
Mi sono iscritta al sito dell'inps e ho trovato due notifiche riferite a contributi non versati nel 2009 e nel 2010 (totale circa 5000 euro) Sono stata amministratore unico di un'azienda dal 2008 al 2011. Poi sono uscita come amministratore e come socio. Ho ricevuto due avvisi nel sito dell'inps di due diffide riguardati questi mancati contributi versati. Una diffida l'ho ricevuta nel 2013 e una nel 2014, MA NON ME NE SONO MAI ACCORTA perchè non sono mai entrata nel sito nell'inps. Ora mi chiedo se queste richieste vanno in prescrizione o meno.. Ed eventualmente il responsabile è il ...

Diniego pensione di vecchiaia a chi ha maturato i requisiti da lavoratore dipendente a causa di eventuali contributi non versati alla gestione separata?
Classe 1953 e compleanno ad agosto prossimo venturo, ho i requisiti per presentare domanda per la pensione di vecchiaia (67 anni e 25 anni di contributi versati): i 25 anni di contributi erano già maturati alla fine del 2012 (con sistema calcolo MISTO). Dal 2014 ho aperto partita iva come consulente grafico e da allora non ho più pagato i contributi minimali INPS (con cartelle esattoriali già in notifica). A fronte di questi debiti INPS può non accettare la mia domanda di pensione di vecchiaia? Da simulazione l'assegno mensile sarebbe di 748,00 euro. In caso di accettazione quanto ammonterebbe la ...

Contributi previdenziali versati dal socio successivamente fallito
Contributi INPS versati regolarmente e accreditati dal 1980 al 2012: per un certo periodo come lavoratore dipendente e poi come titolare d'impresa sas. Nel 2012 la società fallisce per insolvenza e io come socio accomandatario. A causa di questo fallimento vi chiedo, essendo prossimo alla pensione, se i contributi versati e accreditati regolarmente andranno PERSI o se invece rimangono utili per il conteggio pensione. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Contributi previdenziali versati al dipendente invece che all’INPS