Contratto di manutenzione estintori con tacito rinnovo

Una sas aveva 3 estintori nei propri locali ed era stato stipulato contratto di manutenzione semestrale con una ditta specializzata. Nel 2014 l’attività è cessata e i locali lasciati. La ditta specializzata ha scritto che vuole i canoni di 6 annualità (dal 2013 in poi) perchè secondo loro il contratto prevede così. Intanto il contratto porta data 2006, rinnovabile se non c’è disdetta 3 mesi prima. Siamo arrivati al 2012, quindi per loro dovrei pagare fino al 2018, più spese varie. Possono essere clausola vessatorie (legge 52/96)? Il fatto che l’attività sia cessata rientra nei gravi motivi?

Secondo quanto disposto dal codice civile (articolo 1341) le condizioni generali di contratto predisposte da uno dei contraenti sono efficaci nei confronti dell’altro, se al momento del suo perfezionamento, questi le ha conosciute o avrebbe dovuto conoscerle.

In ogni caso, non hanno effetto, se non sono specificamente approvate per iscritto, le condizioni che sanciscono a carico dell’altro contraente tacita proroga o rinnovo del contratto.

In prima battuta, pertanto, è necessario accertare se la clausole in discussione è stata specificatamente (in un allegato a parte approvata e sottoscritta dal rappresentante legale della sas.

C’è da aggiungere che la società di manutenzione degli estintori, alla scadenza della prima semestralità del contratto ritenuto tacitamente rinnovato ed a fronte del mancato pagamento del canone, avrebbe dovuto notificare formale comunicazione di messa in mora.

Se non lo ha fatto, la circostanza integra una violazione dei principi di correttezza e buona fede nell’esecuzione contrattuale, che si sostanzia, nel caso specifico, nell’obbligo di informare tempestivamente la controparte circa ogni questione che sia per essa rilevante (il presunto obbligo di pagamento di sei annualità in mancanza di disdetta).

Infine, in seguito alla cessazione dell’attività da parte della sas che ha stipulato il contratto, non potrebbero comunque essere pretesi i canoni successivi al 2014 per prestazioni che non avrebbero potuto mai essere rese.

17 Aprile 2015 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinnovo tacito del contratto di mandato per vendita di un immobile - Ma quando scade?
Ho la necessità di capire quando scade il mandato che ho conferito all'Agenzia immobiliare, in data 10 aprile 2018, per la vendita (in esclusiva) dell'immobile di mia proprietà. L'articolo 6 del contratto di mandato da me sottoscritto recita che il mandato ha durata fino al 31 dicembre 2018 compreso e si intenderà tacitamente rinnovato per un pari periodo di tempo, e per una sola volta, salvo disdetta da inviarsi 20 giorni prima della sua naturale scadenza con raccomandata A/R. Secondo me, il mandato è stato quindi rinnovato per un periodo pari al primo, ossia 8 mesi e 21 giorni. Ritengo ...

Assicurazione auto e garanzie accessorie - Vale il tacito rinnovo ed è necessaria la disdetta del contratto?
Ho problemi con la mia ex-assicurazione: praticamente io ho cambiato assicurazione senza dare nessun preavviso alla vecchia assicurazione e quindi mi hanno mandato una lettera in cui dicevano che dovevo pagare la rata dell'assicurazione perché non ho mandato la disdetta. Però, da quello che so, c'è la legge del "TACITO RINNOVO". Quindi io non sarei obbligato a mandare una disdetta alla vecchia assicurazione. Comunque ero andato dal mio nuovo assicuratore per chiedere informazioni e lui mi ha detto di non preoccuparmi e di non fare niente a riguardo. Adesso però mi è arrivata un'altra lettera di pagamento con una multa ...

Clausole di tacita proroga o di rinnovo tacito del contratto
Le clausole di proroga o di rinnovo tacito del contratto, se predisposte dal contraente più forte nell'ambito di un contratto per adesione sono prive di efficacia, anche quando hanno carattere di reciprocità e bilateralità, qualora non siano specificamente approvate per iscritto dal contraente aderente. Infatti, secondo il Codice civile (articolo 1341) le condizioni generali di contratto predisposte da uno dei contraenti non hanno effetto, se: non sono specificamente approvate per iscritto, se stabiliscono, a favore di colui che le ha predisposte, limitazioni di responsabilità, facoltà di recedere dal contratto o di sospenderne l'esecuzione; sanciscono a carico dell'altro contraente decadenze, limitazioni ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Contratto di manutenzione estintori con tacito rinnovo