Comodato di una porzione di immobile a favore di mio marito separato legalmente e debitore in odore di azioni esecutive

Sono proprietaria di un immobile sul quale mio marito possiede il diritto di abitazione: ci siamo separati legalmente da oltre un anno e mio marito è andato a vivere e ha preso la residenza presso un parente, ora che il parente è morto, non avendo altre possibilità vorrebbe che gli concedessi una PORZIONE del mio immobile nel quale trasferire la propria residenza, siccome ha grossi problemi di debiti vorrei cortesemente sapere se concedendogli la porzione di immobile nel caso di pignoramento l’ufficiale giudiziario potrebbe pignorare tutti i mobili dell’intera abitazione o potrebbe limitarsi a pignorare solo quelli presenti nella porzione di immobile in cui vive.

Con l’assegnazione in comodato di una pozione di immobile (una stanza identificata nella piantina dell’unità abitativa allegata al contratto) unitamente alla possibilità di utilizzare gratuitamente i servizi accessori (cucina e bagno), in caso di pignoramento presso la residenza del comodatario, l’ufficiale giudiziario può pignorare esclusivamente i beni che sono collocati nel locale concesso in comodato e la cui proprietà è giudizialmente presunta in capo al debitore.

Il contratto di comodato può addirittura prevedere la concessione in comodato di una porzione di immobile arredata, per cui l’eventuale azione dell’ufficiale giudiziario dovrà limitarsi al pignoramento del contenuto di armadi e cassetti.

Per essere opponibile a terzi (nella fattispecie, l’ufficiale giudiziario), il contratto di comodato andrà registrato all’Agenzia delle Entrate con modello 69, e nel quadro C andrà indicato l’identificativo dell’atto a cura del notaio che l’ha redatto oppure a cura dell’ufficiale comunale rogante adibito ad autenticare gli atti pubblici e le scritture private, o, infine, a cura dell’ufficio dell’Agenzia delle entrate preposto a registrare le scritture private non autenticate (per risparmiare sulle spese notarili o di autenticazione dell’atto da parte dei funzionari comunali, si può scegliere quest’ultima opzione al costo, tuttavia, dei tempi di attesa presso la sede dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente).

Solo per inciso, va aggiunto che suo marito non è più detentore del diritto di abitazione se, dopo la concessione di tale diritto (presumibilmente in seguito ad accordo dispositivo contestuale alla separazione giudiziale), aveva acquisito la residenza altrove, come ci viene riferito nel quesito.

28 Settembre 2020 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contratto di comodato d'uso di mobili a favore di mio marito debitore - Possono pignorare i miei mobili?
Ho registrato presso l'agenzia delle entrate circa un anno fa un contratto di comodato d'uso dei mobili in favore di mio marito che possiede il diritto di abitazione nella mia casa. A causa della precaria situazione economica mio marito smetterà di pagare un prestito personale, possono pignorare i miei mobili anche in presenza del suddetto comodato registrato un anno fa e con il pagamento regolare di tutte le rate a tutt'oggi. ...

Nucleo familiare - Marito convivente con moglie e figli ma legalmente separato e attuale componente con trasferimento di residenza in corso
Ho appena fatto la mia dichiarazione isee necessaria per la mensa dei miei due bambini, ma ora ho un dubbio. Mia sorella ha chiesto a luglio (ora siamo ad ottobre) il cambio di residenza dal Comune di Cormano a Comune di Milano ma tutt'ora, per lunghezze burocratiche (dicono che se cambi comune possono trascorrere 6 mesi dalla richiesta), risulta ancora nel mio Stato di famiglia per cui l'ho considerata nella mia DSU. Mi sono imbattuta in una pagina del Comune proprio riguardo alla richiesta del cambio di residenza la quale dice: "Gli effetti giuridici delle iscrizioni anagrafiche hanno inizio dalla ...

Immobile all'asta con comodato d'uso registrato a favore del padre del debitore
Casa all'asta con comodato d'uso gratuito senza scadenza a favore del padre del debitore (piu di 80 anni). Comodato registrato per l'uso di camera, poltrona, uso del bagno e cucina. La casa non è la residenza dell'esecutato ma non so se lo è del padre. Al momento della perizia l'immobile risultava non occupato. Ho 2 domande: 1) Una volta aggiudicata l'asta che ostacoli potrei incontrare con questo comodato? 2) Dovessi incontrare ostacoli e quindi non entrare in casa per tempo non definito, come funzionano le agevolazioni prima casa? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Comodato di una porzione di immobile a favore di mio marito separato legalmente e debitore in odore di azioni esecutive