Comodato di una porzione di immobile a favore di mio marito separato legalmente e debitore in odore di azioni esecutive


Comodato, contratto di comodato in previsione di pignoramento presso residenza debitore

Sono proprietaria di un immobile sul quale mio marito possiede il diritto di abitazione: ci siamo separati legalmente da oltre un anno e mio marito è andato a vivere e ha preso la residenza presso un parente, ora che il parente è morto, non avendo altre possibilità vorrebbe che gli concedessi una PORZIONE del mio immobile nel quale trasferire la propria residenza, siccome ha grossi problemi di debiti vorrei cortesemente sapere se concedendogli la porzione di immobile nel caso di pignoramento l’ufficiale giudiziario potrebbe pignorare tutti i mobili dell’intera abitazione o potrebbe limitarsi a pignorare solo quelli presenti nella porzione di immobile in cui vive.

Con l’assegnazione in comodato di una pozione di immobile (una stanza identificata nella piantina dell’unità abitativa allegata al contratto) unitamente alla possibilità di utilizzare gratuitamente i servizi accessori (cucina e bagno), in caso di pignoramento presso la residenza del comodatario, l’ufficiale giudiziario può pignorare esclusivamente i beni che sono collocati nel locale concesso in comodato e la cui proprietà è giudizialmente presunta in capo al debitore.

Il contratto di comodato può addirittura prevedere la concessione in comodato di una porzione di immobile arredata, per cui l’eventuale azione dell’ufficiale giudiziario dovrà limitarsi al pignoramento del contenuto di armadi e cassetti.

Per essere opponibile a terzi (nella fattispecie, l’ufficiale giudiziario), il contratto di comodato andrà registrato all’Agenzia delle Entrate con modello 69, e nel quadro C andrà indicato l’identificativo dell’atto a cura del notaio che l’ha redatto oppure a cura dell’ufficiale comunale rogante adibito ad autenticare gli atti pubblici e le scritture private, o, infine, a cura dell’ufficio dell’Agenzia delle entrate preposto a registrare le scritture private non autenticate (per risparmiare sulle spese notarili o di autenticazione dell’atto da parte dei funzionari comunali, si può scegliere quest’ultima opzione al costo, tuttavia, dei tempi di attesa presso la sede dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente).

Solo per inciso, va aggiunto che suo marito non è più detentore del diritto di abitazione se, dopo la concessione di tale diritto (presumibilmente in seguito ad accordo dispositivo contestuale alla separazione giudiziale), aveva acquisito la residenza altrove, come ci viene riferito nel quesito.

28 Settembre 2020 · Piero Ciottoli

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 215 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Comodato di una porzione di immobile a favore di mio marito separato legalmente e debitore in odore di azioni esecutive. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.