Contratto di comodato di beni mobili e pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore

Ho ricevuto una cartella esattoriale da Equitalia e non ho possibilità di pagarla: abito in una casa e ho un contratto di comodato esclusivamente di una cucina arredata al pianoterra, bagno arredato al secondo, camera arredata al terzo, registrato all'Agenzia delle Entrate.

Dovrei effettuare il pagamento entro 5 giorni dalla notifica, trascorso questo tempo procederanno ad esecuzione forzata.

La mia domanda è: il Comodante rischia che i suoi mobili e oggetti delle restanti parti dell'immobile siano pignorate?

Occorre innanzitutto sottolineare l'inefficacia dell'azione esecutiva consistente nel pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore: Equitalia vi ricorre solo, per quanto ci è dato conoscere, quando nella residenza o nel domicilio del debitore è ragionevolmente presumibile rinvenire beni di valore (quadri d'autore, gioielli, collezioni, mobili di antiquariato).

Tanto premesso, opera, per quanto attiene il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore, il principio della presunzione legale di proprietà: tutto quello che si trova nella casa in cui vive il debitore è di proprietà del debitore stesso.

La Corte di cassazione è intervenuta sul tema per precisare che spetta esclusivamente al giudice delle esecuzioni, adito dal terzo pignorato, esaminare la documentazione probante (qual è un contratto di comodato registrato all'Agenzia delle entrate) finalizzata a stabilire l'effettiva proprietà dei beni pignorati.

Ciò significa che l'ufficiale giudiziario potrebbe, anche a fronte dell'esibizione del contratto di comodato registrato da parte del debitore esecutato, procedere comunque al pignoramento (magari lasciando in custodia i beni pignorati al debitore stesso).

Al verificarsi di una simile circostanza, l'effettivo proprietario sarebbe costretto ad assoldare un avvocato per presentare al giudice delle esecuzioni istanza di liberazione dei beni pignorati dall'ufficiale giudiziario.

Non sempre accade: il più delle volte l'ufficiale giudiziario esaminato il contratto di comodato e ispezionati i locali, va via e redige verbale di pignoramento infruttuoso. Ma, non è escluso che la questione potrebbe complicarsi richiedendo l'intervento (e l'onorario) di un legale.

21 ottobre 2015 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale riscossione coattiva
contratto di comodato in previsione di pignoramento presso residenza debitore
pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Valenza giuridica di un contratto di comodato dei beni presenti presso la residenza del debitore in caso di pignoramento
In occasione di un pignoramento presso la propria residenza, il debitore esibisce all'ufficiale giudiziario un contratto di comodato, registrato in data anteriore al pignoramento, dal quale risulta che tutti i beni mobili, ivi presenti, appartengono ad un terzo. L'ufficiale giudiziario, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione numero 23625 ...
L'omesso preavviso determina l'illegittimità dell'iscrizione di ipoteca esattoriale sui beni del debitore
L'iscrizione ipotecaria esattoriale non costituisce atto dell'espropriazione forzata, ma va riferita ad una procedura alternativa all'esecuzione forzata vera e propria, sicché può essere effettuata anche senza la necessità di procedere alla notifica dell'intimazione prescritta per l'ipotesi in cui l'espropriazione forzata non sia iniziata entro un anno dalla notifica della cartella ...
Pignoramento immobiliare dopo trasferimento di residenza del debitore » Ecco quando non è più possibile
Per un proprietario di più immobili, titolare di debiti pregressi con Equitalia, è possibile, in caso di vendita di un'abitazione con trasferimento di residenza verso l'altra, sfuggire al pignoramento della casa? Nell'ipotesi in cui, un debitore, proprietario di due case (la prima, un'abitazione di lusso dove c'è l'effettiva residenza, mentre ...
Pignoramento dei beni mobili in comodato all'inquilino
Contratto di comodato e debiti dell'affittuario: esiste la possibilità che un ufficiale giudiziario effettui il pignoramento dei beni dell'inquilino, anche se sono di proprietà del padrone di casa? La normativa vigente, avvalorata da giurisprudenza consolidata, ritiene che il creditore possa tranquillamente procedere ad un pignoramento mobiliare anche quando i beni ...
Equitalia » Come fermare l'esecuzione forzata sull'immobile anche dopo la notifica dell'avviso di vendita
Se il contribuente onora il debito, ottiene la rottamazione o comunque vince un procedimento in tribunale per delle cartelle esattoriali illegittime, l'espropriazione (o pignoramento immobiliare) della sua casa deve essere fermata, anche se è già stato notificato l'avviso di vendita. Deve essere interrotta la vendita forzata immobiliare, avviata da Equitalia, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca