Come formare un nucleo familiare ISEE disgiunto da quello di mia madre per tentare di avere accesso al reddito di cittadinanza?


Partiamo dal presupposto che il figlio abbia compiuto i 26 anni, altrimenti il ragionamento che seguirà non avrà, in linea di massima, alcun senso

Sono nullatenente non ho veicoli o conti bancari o carte prepagate e non percepisco reddito da circa 5 anni, vivo purtroppo sulle spalle della pensione minima di mia madre: ho fatto domanda di Reddito di cittadinanza e tutto andrebbe bene se non fosse che mia madre ha una casa di proprietà e così sforo la soglia economica per avere il rdc. Mi hanno detto che devo togliere mia madre dal mio ISEE. Il problema è che tutti mi hanno detto che devo cambiare residenza ma come detto pocanzi non percepisco nessun reddito per potermelo permettere. Chiedo se ci sarebbe un’altra alternativa o qualche altro passaggio da fare per poter fare domanda rimanendo nei canoni. Ringrazio anticipatamente cordiali saluti

Partiamo dal presupposto che lei abbia compiuto i 26 anni, altrimenti il ragionamento che seguirà non avrà, in linea di massima, alcun senso: sua madre potrebbe assegnarle il comodato d’uso o il diritto di abitazione per l’immobile di cui e proprietaria e lei acquisirebbe la residenza nell’immobile attualmente detenuto in piena proprietà dalla genitrice.

Qualora l’immobile fosse invece occupato attraverso un contratto di locazione, il conduttore potrebbe accettare di ospitarla come famiglia anagrafica disgiunta da quella propria: in questo modo lei potrebbe formare comunque, come ospite del conduttore, un nucleo familiare formato da un unico elemento, presso l’unità abitativa che sua madre ha concesso in locazione.

In entrambe le opzioni lei formerebbe un nucleo familiare disgiunto da quello di sua madre, con pieno diritto al reddito di cittadinanza (500 euro/mese). Articolando la propria posizione, oltre al reddito di cittadinanza potrebbe anche arrivare a percepire parte del contributo locazione (fino ad un massimo di 280 euro/mese).

Concedendo il diritto di abitazione al figlio che va a risiedere nell’unità abitativa di proprietà della madre, inoltre, l’immobile non sarà soggetto ad IMU e anche l’ISEE della genitrice subirà una notevole riduzione perché nella DSU/ISEE sarà il figlio a dover indicare la casa su cui detiene diritto di abitazione (e non la madre che assumerà il ruolo di nuda proprietaria dell’immobile): ma la casa sulla quale il dichiarante DSU/ISEE detiene il diritto di abitazione e in cui ha stabilito la propria residenza, non va ad incidere sull’ISEE complessivo.

19 Luglio 2022 · Genny Manfredi

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 198 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Come formare un nucleo familiare ISEE disgiunto da quello di mia madre per tentare di avere accesso al reddito di cittadinanza?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.