ISEE per l’Università presentato dalla studentessa che non convive con madre e fratello e Reddito di cittadinanza fruito dal nucleo familiare di origine


Sono una studentessa di 26 anni, lavoratrice da ormai 6 anni (con reddito superiore a 6 mila e 500 euro) e a gennaio 2021 ho trasferito la mia residenza nel comune in cui vivo, che si trova in una regione diversa rispetto a quella del mio ex nucleo famigliare, composto da mia madre e mio fratello.

A seguito della variazione di residenza, mia madre è stata ammessa al RDC.

Dovendo iscrivermi ora nuovamente in università, dovrei presentare, entro il 30 p.v., l’iSEEU al fine di ottenere le agevolazioni per il pagamento della seconda rata. Tuttavia, dopo aver parlato con il CAF che cura le nostre pratiche, mi è stato detto che, non rispettando uno dei requisiti previsti dall’articolo 8 del DPCM del 5 dicembre 2013, n. 159, specificamente quello inerente alla residenza, non potrò essere considerata come studente autonomo e quindi il mio ISEEU dovrà essere fatto congiuntamente a quello del mio ex nucleo famigliare, con la possibile conseguenza che l’INPS possa bloccare il reddito a mia madre e mio fratello alla luce di questa discrepanza (con il loro ISEE).

Mi è stato anche detto che questa è una probabilità e non una certezza.
Esiste un modo specifico per presentare l’ISEU in questo caso ed evitare quindi che, alla luce di tale discrepanza, possa venire bloccato il RDC a loro?

Se la studentessa non convive con madre e fratello, abita in altra Regione (rispetto a quella di residenza di madre e fratello), in una casa non di proprietà di madre o fratello e percepisce un reddito annuo lordo da lavoro superiore di 6 mila e 500 euro, ha tutto il diritto che la DSU/ISEE da presentare per fruire delle agevolazioni universitarie, sia riferita ad un nucleo familiare autonomo dalla madre e dal fratello, come previsto dall’articolo 8 del DPR 159/2013.

Ma, anche qualora la studentessa non rispettasse i requisiti previsti dalla normativa vigente e fosse costretta, per accedere alle agevolazioni fiscali universitarie, a compilare una DSU/ISEE che avesse come nucleo familiare di riferimento quello composto dalla studentessa, da sua madre e da suo fratello (studentessa più nucleo familiare di origine), ciò non comprometterebbe il reddito di cittadinanza percepito da madre e fratello.

Infatti per aver diritto al reddito di cittadinanza bisogna compilare la DSU/ISEE ordinaria e la studentessa sarebbe comunque esclusa dal nucleo familiare di madre e fratello, facendo parte di una famiglia anagrafica diversa da quella formata da madre e fratello.

Concludendo, c’è stata sicuramente qualche inesattezza e/o distorsione nel riportare nel quesito la sua attuale condizione di studentessa non convivente con il nucleo familiare di origine oppure nel riferire le considerazioni dell’operatrice addetta al CAF.

9 Settembre 2021 · Roberto Petrella



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic ISEE per l’Università presentato dalla studentessa che non convive con madre e fratello e Reddito di cittadinanza fruito dal nucleo familiare di origine