Tornare nel nucleo familiare dei miei genitori senza cambiare ISEE – E’ possibile?

Dopo un breve periodo in cui ho provato a vivere da solo in affitto, per esigenze economiche, vorrei tornare a vivere da miei genitori trasferire a casa loro la residenza.

Al momento, però, il mio Isee è molto basso e sto usufruendo di una serie di agevolazioni sociali come, ad esempio, l’esenzione dal ticket sanitario e gli sconti sulla mensa dell’università.

Tornando, invece, a vivere con i miei genitori, tutto cambierebbe e i benefici di cui fino ad oggi ho goduto mi verrebbero negati.

Dunque, mi chiedevo, è possibile abitare coi genitori senza entrare nel loro nucleo familiare e pertanto mantenendo il mio Isee?

Come lei credo sappia, ma vale la pena ribadire il concetto, quando si compila l’ISEE si deve far riferimento al reddito del proprio nucleo familiare.

Per nucleo familiare si intende quel gruppo composto da tutti coloro che risiedono nella stessa abitazione, per come risulta dal certificato anagrafico dello stato di famiglia, rilasciato dal Comune, legate da matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi.

Sussistono dei casi in cui è possibile avere due stati di famiglia nella stessa abitazione e, quindi, costituire due diversi nuclei familiari nonostante la residenza congiunta.

Ciò, però, è possibile esclusivamente solo se i conviventi non sono legati dai rapporti predetti, ossia non si tratti di coniugi, parenti, affini, ecc.

Si può infatti avere uno stato di famiglia diverso nella stessa abitazione con un coinquilino con il quale non ci sono legami di parentela o di affinità.

Ciascuno dei due avrà quindi il proprio certificato di stato di famiglia e il proprio ISEE nonostante la residenza comune.

Al contrario, invece, invece, non è possibile avere due stati di famiglia se si abita con i familiari stretti come possono essere, ad esempio, i propri genitori, il proprio marito o la moglie.

Dunque, se lei volesse tornare a vivere dai suoi genitori, fissando da loro la sua residenza, rientrerà automaticamente nel loro nucleo familiare e quindi non potrà avere un ISEE diverso, rinunciando a tutti i benefici fruiti fin ora.

In conclusione, avendo la residenza presso la stessa abitazione dei propri genitori, si rientra nel loro nucleo familiare e i redditi vengono sommati ai fini ISEE.

1 Dicembre 2017 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

DSU ISEE per l'università - Perché devo rientrare nel nucleo familiare dei miei genitori e non in quello di uno dei miei fratelli?
Devo fare l'Isee universitario e devo precisare che io sono a carico di uno dei miei fratelli. ...

ISEE per l'Università » Devo escludere dal nucleo familiare i miei genitori di cui non ho notizie ormai da anni - Come fare?
Vivo con mio fratello da molti anni, mi è possibile richiedere l'Isee e l'Iseeu non potendo includere i miei genitori? (di cui non ho notizie da anni, quindi mi è fisicamente impossibile poterli includere). Mi sembra assurdo che non ci siano soluzioni per situazioni familiari simili. Grazie anticipatamente per la risposta. ...

Nucleo familiare e figlio maggiorenne - Perchè, pur non convivendo con i mie genitori, devo far parte del loro nucleo familiare?
Ho 21 anni e sono studente, non ho redditi: non abito con i miei genitori, avendo la residenza anagrafica in un altro comune. I miei genitori non mi aiutano economicamente. Ai fine ISEE faccio per forza parte del nucleo familiare dei miei genitori, ripetendo che non mi aiutano economicamente in nulla? Come posso fare per avere un mio nucleo familiare? Grazie Marco ...

Dove mi trovo?