Naspi anticipata e soliti problemi con Agenzia delle Entrate Riscossione

Ho chiesto in ottobre 2019 l'anticipo della Naspi perché ho aperto una partita iva per fare il consulente, la domanda è stata accolta. Adesso il direttore dell'Inps di Suzzara (MN) mi dice verbalmente che non vuole versarla perché ho problemi con Agenzia dell'Entrate.

Ho fatto la domanda tramite un patronato, il quale ha chiesto perché non viene elargita l'anticipo Naspi e un funzionario Inps gli ha risposto che prima devo risolvere i problemi con L'Agenzia dell'Entrate. Cosa devo fare?

L'INPS prima di effettuare, a qualunque titolo, il pagamento di un un importo superiore a cinquemila euro, verifica se il beneficiario è inadempiente all'obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento per un ammontare complessivo pari almeno a tale importo e, in caso affermativo, non procede al pagamento e segnala la circostanza all'agente della riscossione competente per territorio, ai fini dell'esercizio dell'attività di riscossione delle somme iscritte a ruolo (articolo 48 bis dpr 602/1973).

Ciò significa che, dopo essere stata allertata, Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) procederà, verosimilmente, al pignoramento dei crediti che il debitore vanta nei confronti di INPS (ovvero pignorerà la NASpI anticipata presso l'INPS).

Poichè si tratta di una versamento una tantum che l'INPS deve effettuare a favore del beneficiario debitore di ADER, per evitarne il pignoramento, la cosa da fare è chiedere un piano di rateizzazione del debito ad ADER e pagare le rate almeno fino a quando non si sblocca la situazione e la NASpI anticipata viene accreditata sul conto corrente del debitore.

L'alternativa, in caso di pignoramento fino a concorrenza del debito esattoriale accumulato ad oggi dal debitore beneficiario, è quella di affidarsi ad un avvocato per tentare un ricorso al giudice dell'esecuzione, del tribunale territorialmente competente, eccependo che se l'indennità di disoccupazione fosse stata erogata mensilmente (e non anticipata in unica soluzione) ciascun rateo sarebbe stato pignorato del 20% e solo per l'importo eccedente il minimo vitale, avendo la Consulta equiparato la NASpi ad una misura di natura previdenziale (con la sentenza 85/2015, infatti, la Corte costituzionale ha sancito che l'indennità di disoccupazione rientra tra le prestazioni previdenziali assimilate alle pensioni sotto il profilo delle tutele assicurate dall'articolo 38 della Costituzione).

4 dicembre 2019 · Tullio Solinas

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

indennità di disoccupazione
trattenute ex articolo 48 bis dpr 602/1973

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca