Acquisti a rate, gli italiani sono i più insolventi d'Europa

Acquistare a rate e poi non riuscire a pagarle: capita sempre più spesso in situazioni di crisi economica generalizzata. Anche a chi quelle rate aveva tutta l'intenzione di pagarle e anche la convinzione di farcela.

Purtroppo ben il 10,5% delle famiglie italiane si trovano in queste condizioni, portando il nostro Paese al top della classifica europea per insolvenza nel credito al consumo. I più affezionati agli acquisti a rate e anche i più affidabili sono gli inglesi (solo il 2,3% delle famiglie è insolvente). È quanto emerge da uno studio pubblicato sul sito di Bankitalia ed elaborato da tre ricercatori, Silvia Magri, Raffaella Pico e Cristiana Rampazzi. L'indagine mette a confronto i dati sul credito al consumo in Italia e in altri 8 Paesi europei (Regno Unito, Finlandia, Germania, Irlanda, Portogallo, Francia, Olanda e Spagna).

I dati, riferiti al 2008 quando la crisi era solo agli albori, indicano che «la percentuale di famiglie inadempienti sul credito al consumo variano considerevolmente da Paese a Paese. La più bassa si registra nel Regno Unito (2,3%) e la più alta in Italia (10,5% ma in calo rispetto al 2005)». Negli altri Paesi coperti dallo studio, la quota è tra il 5 e l'8%». L'Italia quindi è l'unica a mostrare una doppia cifra. Nel 2008 andavano meglio persino altri due Paesi poi dimostratisi molto deboli, come Spagna (8,4%) e Portogallo (7,8%).

Ma in che fascia di reddito sono gli insolventi? Solo il 30% delle famiglie italiane risultava ”povera”, il che significa essenzialmente che anche famiglie nella fascia benestante si sono trovate in temporanea difficoltà. In Inghilterra, invece, le famiglie che non riescono a ripianare il debito sono per circa il 50% tecnicamente povere.

Nonostante il basso reddito, comunque, molte famiglie europee non rinunciano ad avvalersi di questo strumento: una quota significativa (tra l'8,4% della Francia e il 15,5% dell'Olanda, passando per il 14,8% dell'Italia) è infatti classificabile come ”povera”. Ma il credito al consumo, e quindi il pagamento a rate dilazionato nel tempo, aiuta ad accrescere il benessere anche di queste famiglie, quando riescono a fronteggiare gli impegni assunti.

Le famiglie italiane, povere o no, sono comunque quelle che fanno più fatica, ma anche quelle che scelgono con più resistenza questa forma di pagamento: sono infatti appena il 14,8% del totale, superate in negativo solo dall'Olanda (14,5%).

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Elenchi italiani dei cattivi pagatori, dei debitori insolventi e dei crediti inesigibili o in sofferenza
Fra i sistemi di informazioni creditizie (spesso indicati con il termine SIC o anche Centrali Rischi) operanti in Italia, che registrano segnalazioni relative ai cattivi  pagatori (ovvero debitori non puntuali nel pagamento delle  rate di mutui e prestiti in genere) ai debitori inadempienti o insolventi e ai crediti inesigibili o ...
Sovraindebitamento » Un aiuto per chi non ce la fa più
Sovraindebitamento: nel nostro paese, purtroppo, questo fenomeno sta crescendo e coinvolge sempre di più le famiglie italiane. Ma forse, qualcosa, in senso positivo, si sta muovendo. Le storie sono molteplici: si va dal consumatore costretto a rivolgersi alla finanziaria per pagare il conguaglio di una bolletta fino al lavoratore dipendente ...
L'evoluzione del microcredito
Il potenziale contributo del microcredito alla lotta alla povertà è ora riconosciuto anche dalle grandi istituzioni mondiali deputate a sostenere lo sviluppo: Banca Mondiale; Fondo Monetario Internazionale; Nazioni Unite. La sempre maggiore attenzione al microcredito ha portato all'organizzazione del primo Microcredit Summit tenutosi a Washington tra il 2-4 febbraio 1997, ...
Sistemi di informazioni creditizie (SIC) – cosa sono questi elenchi di cattivi pagatori
L'accesso al credito per le imprese, così come per le famiglie avviene in base ad alcuni principi molto semplici, che informano il processo di valutazione di concessione. Principalmente, laddove si tratti di credito personale (mutui, credito al consumo, affidamento di conto corrente ecc.), vengono considerati due elementi: la “storia” del ...
Consolidamento debiti – estinguere i vecchi debiti, unificare le rate e pagare di meno
Ah, le rate di fine mese! Quante sono le famiglie italiane che mensilmente fanno i conti con i debiti da pagare? Il mutuo, l'automobile, ma anche il televisore o più banalmente l'ultima settimana di vacanza in montagna. Piccoli e grandi prestiti che si sommano a fine mese in altrettanto piccole ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca