Decreto ingiuntivo precetto ed esecuzione forzata

Quello che lei possiede basta ed avanza al creditore: la casa comune è sicuramente ipotecabile e teoricamente espropriabile.

Suo marito, se nella scrittura privata non è stato indicato come garante, non entra nella vicenda e, dunque, il suo stipendio ne resta escluso.

Il creditore esibendo la scrittura privata chiede al giudice un decreto ingiuntivo.

Se il giudice ritiene motivata la richiesta, le ingiungerà - con decreto motivato emesso entro 30 giorni dalla richiesta - di pagare la somma dovuta entro 40 giorni dalla notifica, facendo presente che nello stesso termine potrà presentare ricorso allo stesso tribunale, e che in assenza di pagamento o di opposizione, provvederà all'esecuzione forzata (pignoramento).

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 settembre 2010 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su decreto ingiuntivo precetto ed esecuzione forzata. Clicca qui.

Stai leggendo Decreto ingiuntivo precetto ed esecuzione forzata Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca