Atto di precetto con esecuzione forzata

Ho 32 anni, un'attività commerciale e un debito con un azienda, per una fornitura del valore di circa 15 mila euro. Purtroppo, nonostante io abbia cercato di sdebitarmi offrendo un pagamento dilazionato di circa 400-500 euro mensili, non è stata accettata questa forma di pagamento.

Ho ricevuto un atto di precetto nel quale c'è scritto che ho 10 giorni per pagare, 2 giorni fa. Vivo con i miei genitori ed ho paura che possano pignorare i loro mobili.

La mia domanda è, se cambiassi residenza durante questi 10 giorni, in un casa arredata non di mia proprietà, rischio lo stesso che vadano nella mia vecchia residenza?

Il rischio che l'ufficiale giudiziario si rechi al vecchio indirizzo di residenza del debitore esiste sempre: può darsi che egli ritenga non necessario accedere nuovamente ai dati registrati negli archivi anagrafici, prima di procedere al pignoramento presso la residenza del debitore, essendo andata a buon fine la recente procedura di notifica, in occasione della consegna del precetto.

Tuttavia se i soggetti che convivevano con il debitore al vecchio indirizzo sono in grado di esibire uno stato di famiglia, certificando la non presenza del debitore in quella casa, il pignoramento potrà essere evitato.

Resta il problema del pignoramento presso la nuova residenza del debitore, anche con contratto di locazione, con comodato d'uso di arredi, elettrodomestici e quant'altro, regolarmente registrato all'Agenzia delle entrate.

In questo caso, si presume che tutto quanto presente nell'abitazione in cui domicilia e risiede il debitore, sia di sua esclusiva proprietà, anche nonostante l'eventuale esibizione del contratto di comodato. Con quest'ultimo, il locatore e comodante, effettivo proprietario dei beni pignorati, dovrà allora adire il giudice delle esecuzioni e opporsi al pignoramento dei beni per ottenere la loro restituzione o la liberazione (qualora il debitore venisse nominato custode dei beni pignorati e non si desse luogo al loro trasporto presso un deposito convenzionato).

11 ottobre 2015 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni
precetto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento » Il precetto non deve essere rinnovato per più procedure di esecuzione forzata
Qualora fosse in atto più di un pignoramento, il creditore può utilizzare lo stesso precetto fino a che ha ottenuto il risanamento del debito: se non sono scaduti i 90 giorni, infatti, il precetto in rinnovazione è un atto che non ha alcuna utilità. Come chiarito in diversi interventi sul ...
Equitalia: esecuzione forzata » Ecco i confini che non vanno oltrepassati
Il nostro ordinamento giuridico, grazie anche a recenti aggiornamenti, ha posto una serie di limiti all'attività di riscossione esattoriale, restringendo i poteri di Equitalia riguardo l'esecuzione forzata. Dunque, a tutela del contribuente e dei suo diritti di difesa, scopriamo dove l'agente della riscossione non può arrivare riguardo le ipoteche, il ...
Efficacia del precetto - pignoramento infruttuoso e spese di esecuzione
Come in molti sanno, il precetto è l'atto a mezzo del quale il creditore manifesta la volontà di procedere ad esecuzione forzata in danno del debitore. L'atto di precetto è, quindi, prodromico all'avvio del procedimento di espropriazione e consiste nell'intimazione rivolta al debitore di adempiere l'obbligo risultante dal titolo ...
Pignoramento ed espropriazione immobiliare » Abitazione invenduta all'asta? Stop all'esecuzione forzata
Nell'ambito del pignoramento immobiliare ordinario (non da parte dello stato) riguardante l'espropriazione dell'abitazione, in caso di numerose aste improduttive, può esserci lo stop all'esecuzione coattiva. Pignoramento di un immobile con successiva vendita all'asta: qualora, dopo numerosi tentativi di vendita andati a vuoto, il valore del bene sia talmente diminuito, tanto ...
Il bonus bebé in caso di adozione
Com'è noto, la gestione e la liquidazione delle domande per ottenere il bonus bebè sono di competenza dell'INPS che provvede al pagamento mensile dell'assegno, il cui importo è pari a 80 euro se l'ISEE del nucleo familiare non è superiore a 25 mila euro annui, oppure 160 euro se l'ISEE ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca