Pignoramento » Precetto non deve essere rinnovato per più procedure

Qualora fosse in atto più di un pignoramento, il creditore può utilizzare lo stesso precetto fino a che ha ottenuto il risanamento del debito: se non sono scaduti i 90 giorni, infatti, il precetto in rinnovazione è un atto che non ha alcuna utilità.

Come chiarito in diversi interventi sul blog, l’atto di precetto è un documento che il creditore deve notificare al debitore prima di iniziare una procedura di esecuzione forzata, come ad esempio, un pignoramento.

Qualora il creditore intenda, pertanto, procedere ad un pignoramento mobiliare, immobiliare, o effettuare un pignoramento presso terzi, deve sempre provvedere prima a far pervenire, alla residenza del debitore, il cosiddetto di precetto.

Ma, d’ora in poi, è stato sancito lo stop alle notifiche di più atti di precetto.

Il creditore che voglia intraprendere un’esecuzione forzata, infatti, può restare coperto dalla notifica del primo precetto per poter effettuare più pignoramenti, fino a quando il suo credito non è stato integralmente realizzato.

Ciò è quanto disposto Tribunale di Reggio Emilia.

Cerchiamo di capirci qualcosa in più. Il codice di procedura civile stabilisce che il precetto diventa inefficace se, entro 90 giorni dalla data in cui lo stesso è stato notificato, non viene avviata l’esecuzione forzata.

Secondo quanto disposto dal giudice Emiliano, però, il rispetto di tale termine vale solo per il primo atto di precetto.

Dunque, basta la prima esecuzione, senza un successivo precetto, purché avviata entro 90 giorni dalla prima intimazione.

Infatti, il termine citato è di decadenza e non di prescrizione, con la conseguenza che non c’è bisogno di rinnovare la notifica del precetto ad ogni scadenza ed intimare un successivo precetto nel caso in cui occorra procedere a un’ulteriore esecuzione.

Praticamente, l’avvio della procedura di esecuzione forzata consente di utilizzare lo stesso titolo per tutte le successive esecuzioni fino al soddisfo del credito.

19 Giugno 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Opposizione all'esecuzione del debitore esecutato e del terzo pignorato - ammissibile anche oltre il termine di cinque giorni dalla notifica del precetto
In materia di esecuzione forzata, il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione e l'opposizione agli atti esecutivi si individua considerando che, con la prima, si contesta il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del titolo esecutivo ovvero – nell'esecuzione per espropriazione – della pignorabilità dei beni, mentre, con la seconda, si contesta solo la legittimità dello svolgimento dell'azione esecutiva attraverso il processo, deducendosi l'esistenza di vizi formali degli atti compiuti o dei provvedimenti adottati nel corso del processo esecutivo e di quelli preliminari all'azione esecutiva. L'opposizione a precetto con la quale il debitore ...

Efficacia del precetto - pignoramento infruttuoso e spese di esecuzione
Come in molti sanno, il precetto è l'atto a mezzo del quale il creditore manifesta la volontà di procedere ad esecuzione forzata in danno del debitore. L'atto di precetto è, quindi, prodromico all'avvio del procedimento di espropriazione e consiste nell'intimazione rivolta al debitore di adempiere l'obbligo risultante dal titolo esecutivo e nel contestuale avvertimento che, in mancanza di tale adempimento, si procederà ad esecuzione forzata. ...

Emissione decreto ingiuntivo - Le spese legali sostenute successivamente non possono essere intimate tramite precetto
Qualora il debitore abbia pagato per intero la somma indicata nel titolo esecutivo, comprensiva delle spese processuali ivi liquidate, il creditore non può, successivamente a tale pagamento, intimare precetto, sulla base dello stesso titolo, per il pagamento delle spese processuali sostenute dopo l'emissione di quest’ultimo e necessarie per la sua notifica, dovendo, per tali spese, esperire l'azione di cognizione ordinaria; infatti, una volta che l'obbligazione derivante dal titolo sia stata adempiuta, il titolo medesimo perde la propria efficacia esecutiva, con conseguente impossibilità giuridica della notifica del precetto. A tale conclusione sono pervenuti i giudici della Corte di cassazione con la ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento » precetto non deve essere rinnovato per più procedure. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento » Precetto non deve essere rinnovato per più procedure Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 19 Giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria nozioni generali sul pignoramento Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 6 Luglio 2019 at 09:27

    Salve, gentilissima Sia.ra Ludmilla prima di tutto grazie per la risposta! Ha ragione non ho messo l’ente creditore convinto, nella mia ignoranza, che non facesse differenza. L’ente è il comune di Collegno (To). Pur non avendo granché sul conto corrente, potrebbero attaccarsi anche a quello?
    Grazie!

    • Simone di Saintjust 6 Luglio 2019 at 09:38

      Quando il creditore è la Pubblica Amministrazione, la riscossione del debitore è più semplice: con un ordine diretto alla banca e senza passare per il giudice il Comune può chiedere la consegna di quanto depositato sul conto corrente del debitore.

  • Anonimo 5 Luglio 2019 at 14:43

    Salve, ho ricevuto la visita dell’ufficiale giudiziario per un pignoramento. Guardando in casa (ho la residenza con mia moglie a casa di mia suocera) ha riscontrato che il pignoramento non era eseguibile. Ha scritto qualcosa sui suoi fogli ed io gli ho chiesto cosa. Mi ha risposto che aveva scritto che il pignoramento era ineseguibile. Gli ho chiesto cosa sarebbe successo dopo. Mi ha detto che “probabilmente ” avrebbero messo il debito nelle partite a perdere. È davvero così?
    Grazie per la risposta.

    • Ludmilla Karadzic 5 Luglio 2019 at 15:45

      Lei non ci dice chi è il creditore: comunque il debitore esecutato, anche se in modo infruttuoso, non può mai stare tranquillo. Il creditore ha già un titolo esecutivo e periodicamente controlla se il debitore apre un conto corrente o trova un lavoro. Gli basta notificare un precetto e poi un nuovo atto di pignoramento. Sia chiaro: un tentativo infruttuoso di pignoramento non estingue la possibilità di nuove azioni esecutive a carico del debitore.