Pignoramento » Il precetto non deve essere rinnovato per più procedure di esecuzione forzata

Qualora fosse in atto più di un pignoramento, il creditore può utilizzare lo stesso precetto fino a che ha ottenuto il risanamento del debito: se non sono scaduti i 90 giorni, infatti, il precetto in rinnovazione è un atto che non ha alcuna utilità.

Come chiarito in diversi interventi sul blog, l'atto di precetto è un documento che il creditore deve notificare al debitore prima di iniziare una procedura di esecuzione forzata, come ad esempio, un pignoramento.

Qualora il creditore intenda, pertanto, procedere ad un pignoramento mobiliare, immobiliare, o effettuare un pignoramento presso terzi, deve sempre provvedere prima a far pervenire, alla residenza del debitore, il cosiddetto di precetto.

Ma, d'ora in poi, è stato sancito lo stop alle notifiche di più atti di precetto.

Il creditore che voglia intraprendere un'esecuzione forzata, infatti, può restare coperto dalla notifica del primo precetto per poter effettuare più pignoramenti, fino a quando il suo credito non è stato integralmente realizzato.

Ciò è quanto disposto Tribunale di Reggio Emilia.

Cerchiamo di capirci qualcosa in più. Il codice di procedura civile stabilisce che il precetto diventa inefficace se, entro 90 giorni dalla data in cui lo stesso è stato notificato, non viene avviata l'esecuzione forzata.

Secondo quanto disposto dal giudice Emiliano, però, il rispetto di tale termine vale solo per il primo atto di precetto.

Dunque, basta la prima esecuzione, senza un successivo precetto, purché avviata entro 90 giorni dalla prima intimazione.

Infatti, il termine citato è di decadenza e non di prescrizione, con la conseguenza che non c'è bisogno di rinnovare la notifica del precetto ad ogni scadenza ed intimare un successivo precetto nel caso in cui occorra procedere a un'ulteriore esecuzione.

Praticamente, l'avvio della procedura di esecuzione forzata consente di utilizzare lo stesso titolo per tutte le successive esecuzioni fino al soddisfo del credito.

19 giugno 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Opposizione all'esecuzione del debitore esecutato e del terzo pignorato - ammissibile anche oltre il termine di cinque giorni dalla notifica del precetto
In materia di esecuzione forzata, il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione e l'opposizione agli atti esecutivi si individua considerando che, con la prima, si contesta il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del titolo esecutivo ovvero – nell'esecuzione per espropriazione – della ...
Efficacia del precetto - pignoramento infruttuoso e spese di esecuzione
Come in molti sanno, il precetto è l'atto a mezzo del quale il creditore manifesta la volontà di procedere ad esecuzione forzata in danno del debitore. L'atto di precetto è, quindi, prodromico all'avvio del procedimento di espropriazione e consiste nell'intimazione rivolta al debitore di adempiere l'obbligo risultante dal titolo ...
Opposizione al precetto - quando l'importo ingiunto contiene spese legali non conformi alle tariffe professionali
È giurisprudenza consolidata che l'opposizione a precetto può configurare sia opposizione all'esecuzione (articolo 615 del codice di procedura civile) sia opposizione agli atti esecutivi (articolo 617 del codice di procedura civile), a seconda che il debitore contesti l'ammontare della somma con esso ingiunta ovvero ne chieda la nullità per vizi ...
Precetto viziato - Il debitore che paga non può opporsi per eccepire la nullità dell'atto
I vizi della notifica del precetto e del titolo esecutivo devono considerarsi sanati per raggiungimento dello scopo, in virtù della proposizione dell'opposizione al precetto: opposizione che, appunto, costituisce la prova evidente del conseguimento della finalità di aver edotto il debitore del proposito del creditore di procedere ad esecuzione forzata in ...
Opposizione all'esecuzione da parte del terzo pignorato
Com'è noto, il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione e l'opposizione agli atti esecutivi si individua considerando che con l'opposizione agli atti esecutivi si contesta solo la legittimità dello svolgimento dell'azione esecutiva attraverso il processo, deducendosi l'esistenza di vizi formali degli atti compiuti o dei provvedimenti adottati nel corso del processo ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento » il precetto non deve essere rinnovato per più procedure di esecuzione forzata. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento » Il precetto non deve essere rinnovato per più procedure di esecuzione forzata Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 19 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria nozioni generali sul pignoramento Inserito nella sezione pignoramento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca