Debiti – cosa fare quando non si può pagare

La decisione di sospendere i pagamenti è nel Vostro caso – extrema ratio – condivisibile: non si umanamente pretendere che una famiglia si spinga al di sotto della soglia di sussistenza per rispettare gli impegni assunti.

Tuttavia, la conseguenza più probabile di questa situazione saranno, a lungo andare, il pignoramento di un quinto dello stipendio dei contraenti. Il quinto pignorabile nel Vostro caso sarà solo uno, trattandosi di debiti della medesima specie (verso banche e finanziarie). A conti fatti, il pignoramento graverà comunque meno sul Vostro budget mensile che non pagare tutte le rate. Non si può escludere la possibilità che qualcuno dei creditori possa apporre ipoteca giudiziaria sul terreno di Sua proprietà, anche se da quel che dice la cosa non dovrebbe interessarLa più di tanto. Più improbabili il pignoramento delle auto (di scarso valore) o un pignoramento mobiliare, sono prassi “passate di moda” e poco praticate dalle finanziarie.

I miei consigli:

  1. sospendere in toto i pagamenti (pagare “a casaccio”, o “per simpatia”, non serve);
  2. accantonare per quanto possibile un po’ di liquidità che Le servirà in un secondo momento per avviare una trattativa con i creditori: i migliori risultati sarebbero ottenibili se durante il percorso qualcuno dei crediti fosse ceduto a società terze cessionarie;
  3. verificare la legittimità contrattuale delle spese applicateLe dalla finanziaria: 60 eur per insoluto sono molti, forse troppi. A riguardo mi vengono dei dubbi sulla legittimità della richiesta.. ad ogni modo verifichi per prima cosa che tale pretesa sia riportata sul contratto.

Per fare una domanda agli esperti vai al forum

20 Dicembre 2010 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cosa fare quando non si può pagare – consigli per gestire il sovraindebitamento
Si dimentichi mutui od ulteriori prestiti per consolidamento a Suo nome, le segnalazioni negative in SIC che ha accumulato sono ostative per qualsiasi tipo di accesso al credito, e lo saranno almeno per 36 mesi da quando sarà riuscito a saldare per intero i Suoi debiti. L'unica possibilità potrebbe essere un terzo (un parente, un amico) disposto ad aiutarLa che prenda il prestito a Suo nome. Dia la priorità all'assegno di mantenimento di Suo figlio, diversamente potrebbe avere conseguenze anche penali. ...

Debiti ed eredità – cosa fare quando un nostro congiunto ci lascia debiti e cartelle esattoriali da pagare
Accade talvolta che, successivamente alla morte di un proprio caro, i parenti ricevano degli avvisi di accertamento o delle cartelle esattoriali relative a debiti del defunto nei confronti dell'erario. A tal proposito può essere utile ricordare preliminarmente che soltanto gli eredi possono essere chiamati a rispondere dei debiti di persone defunte e che si diventa eredi soltanto con l'accettazione dell'eredità. In altre parole, senza la qualifica di erede nessuno può essere obbligato a pagare i debiti tributari di soggetti defunti. ...

Debiti derivanti dall'eredità - Cosa fare se gli altri eredi non vogliono pagare i debiti del de cuius?
In eredità ho ricevuto una casa con altri eredi e dei debiti: tra gli eredi c'è uno in pignoramento e solo io e mia sorella siamo dipendenti rischiando il pignoramento; gli altri eredi non sono intenzionati a pagare la loro quota di debiti poiché consci di non rischiare alcun pignoramento. Abbiamo l'intenzione di vendere l'immobile. Vorrei sapere se è possibile, in seguito all'ipotetica vendita, suddividere il ricavato in due assegni: 1) il primo da intestare all'inps per coprire i debiti 2) il secondo per eventuale ricavo da spartire tra gli eredi. La mia situazione è particolare poiché ho intenzione di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti – cosa fare quando non si può pagare. Clicca qui.

Stai leggendo Debiti – cosa fare quando non si può pagare Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 20 Dicembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria debitori insolventi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • ion 29 Ottobre 2013 at 11:16

    Ciao,vorrei un consiglio,sono citadino straniero,ho avuto una ditta in italia da 2007,lavorando nel settore di commercio.Dal 2010 non sono stato piu in grado di pagare i debiti verso lo stato,ho continuato a lavorare,facendo altri prestiti anche in banca.Ora ho dovuto chiudere la ditta,ho debiti verso equitalia di cca 12000€, l’agenzia delle entrate 24000 e alla banca di 37000€.Non posso piu trovare un lavoro in italia per mantenermi la famiglia e sono costretto a tornare nel mio paese,che e nel unione europea.Non penso che sara possibile pagare questi debiti in questa vita,se nn vinco superenalotto(che fra l’altro nn gioco).Cosa mi succedera se mi trovo un lavora nel mio paese?Non ho una casa da nessuna parte,solo un furgone vecchio con quale spero di lavorare per fare mangiare i miei figli.Grazie

    • Simonetta Folliero 29 Ottobre 2013 at 11:50

      Ci limitiamo ad esaminare solo i debiti verso Equitalia e quelli reclamati dall’Agenzia delle Entrare, che, prima o poi, saranno anch’essi affidati ad Equitalia. Infatti, è assai inverosimile che la banca possa ritenere conveniente l’escussione coattiva dei propri crediti nei confronti di un debitore nullatenente ritornato nella terra di origine.

      L’Agenzia delle Entrate italiana, attraverso Equitalia, ha la possibilità di riscuotere, in Italia, un credito sorto in uno stato straniero. Così come gli stati stranieri possono riscuotere, per conto dell’Agenzia delle Entrate italiana, nonché di Equitalia, crediti contratti in Italia da cittadini stranieri.

      Gli Stati o territori con i quali sono in vigore accordi bilaterali per lo scambio di informazioni e per l’assistenza al recupero crediti di tipo esattoriale, sono quelli indicati nel seguente elenco:

      – Austria
      – Belgio
      – Bulgaria
      – Cipro
      – Danimarca
      – Estonia
      – Finlandia
      – Francia
      – Germania
      – Grecia
      − Irlanda
      − Islanda
      − Lettonia
      − Lituania
      − Lussemburgo
      − Malta
      − Norvegia
      − Paesi Bassi
      − Polonia
      − Portogallo
      − Regno Unito
      − Repubblica ceca
      − Romania
      − Slovacchia
      − Slovenia
      − Spagna
      − Svezia
      − Ungheria

      E’ possibile, pertanto, che il debitore straniero che abbia accumulato debiti di tipo esattoriale in Italia, possa essere escusso in patria con azioni coattive, tipo “pignoramento del quinto dello stipendio” oppure “pignoramento del conto corrente”, compatibilmente, è ovvio, con la normativa vigente nel suo paese di origine.