Impugnazione dell'avviso di addebito Inps

Per poter impugnare l'avviso di pagamento, il contribuente deve agire alternativamente tramite:

  1. ricorso in via amministrativa all'Inps entro novanta giorni dalla notifica;
  2. ricorso al giudice del lavoro entro quaranta giorni dalla notifica dell'accertamento.

L'impugnazione, comunque, non sospende automaticamente l'esecutività dell'avviso. Questo significa che, dopo sessanta giorni dalla notifica dell'avviso, in assenza di pagamento, l'Inps potrà avviare l'esecuzione forzata.

Il contribuente, tuttavia, una volta impugnato l'atto, può chiederne la sospensione sulla base di validi motivi. Infatti, legittimato ad impugnare l'avviso, oltre che nelle ipotesi di assenza di un requisito essenziale, anche qualora intenda contestare le somme addebitate perché, per esempio, sono già state pagate, o l'errore sul destinatario dell'atto.

Il contribuente può anche impugnare l'atto qualora la sua notifica non sia avvenuta correttamente.

31 gennaio 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca