Agenzia Entrate Riscossioni pignora il conto corrente per un avviso di addebito INPS – Il tribunale sospende l’esecutività dell’avviso di addebito, ma il concessionario non libera le somme pignorate

A seguito dell’applicazione dell’articolo 48 bis del DPR 602/1973 sono state pignorate delle somme relative ad un avviso di addebito INPS, impugnato innanzi al tribunale ordinario sezione lavoro. A circa 10 giorni dal pignoramento abbiamo ottenuto la sospensione dell’esecutività dell’avviso di addebito, Tuttavia l’agenzia riscossioni non vuole liberare le somme. Come è possibile procedere?

La questione è semplice: Agenzia delle Entrate Riscossione agisce per nome e per conto del creditore INPS e se quest’ultimo non gli comunica l’intervenuta sospensiva dell’avviso di addebito, le somme pignorate non vengono liberate.

Bisogna quindi agire nei confronti dell’INPS, per sollecitare l’Istituto ad ordinare ad Agenzia Entrate Riscossione di sospendere l’esecutività immediata dell’avviso di addebito e di estinguere l’azione esecutiva in corso. Naturalmente, INPS dovrà corrispondere ad Agenzia Entrate Riscossione i costi del pignoramento infruttuoso sostenuti dal concessionario: per questo motivo, la situazione è ancora in fase di stallo.

11 Dicembre 2018 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Avviso di addebito INPS dopo avviso di accertamento IRPEF di Agenzia delle Entrate - Ma io ho già pagato tutto
Nel 2017 ho ricevuto un avviso da Agenzia delle Entrate che accertava un maggior reddito IRPEF: ho pagato entro 60 giorni, rinunciando al ricorso e approfittando dello sconto praticato per acquiescenza, seguendo il consiglio del mio commercialista. Però qualche mese fa mi è arrivato un avviso di addebito, con il quale l'INPS mi chiede ancora soldi in relazione all'avviso di accertamento di Agenzia delle Entrate. E' legittimo tutto ciò? ...

Pignoramento del conto corrente » A partire dal 1° luglio 2017 sarà Agenzia Entrate Riscossioni a procedere al posto di Equitalia
Come già preannunciato in articoli precedenti, in merito al pignoramento del conto corrente da parte del fisco sarà molto più facile dal prossimo 1 luglio 2017: scopriamo perché. A partire dal primo luglio 2017 sarà Agenzia Entrate Riscossioni, in caso di debiti fiscali e cartelle esattoriali non pagate, a disporre il pignoramento del conto corrente. La nuova Agenzia delle Entrate-Riscossione (che ha preso il posto di Equitalia), infatti, avrà la facoltà di accedere a diverse banche dati, procedendo al pignoramento dei conti correnti, in modo diretto senza dover richiedere l'apposita autorizzazione al giudice. Ma soprattutto le somme saranno immediatamente bloccate ...

Pignoramento del conto corrente per un avviso di addebito INPS - Non ho impugnato l'accertamento immediatamente esecutivo, ora cosa posso fare?
Vorrei un chiarimento sulla risposta che ho ricevuto a questa domanda in cui mi si dice Tuttavia, poichè si tratta, comunque, di un errore evidente di formazione del titolo esecutivo su cui è basato il pignoramento, deve rivolgersi ad un avvocato serio che promuova ricorso al giudice dell'esecuzione presso il Tribunale competente territorialmente (quello in cui lei risiede) per l'annullamento dell'avviso di addebito e la restituzione delle disponibilità di conto corrente prelevate con il pignoramento. Il ricorso al giudice dell'esecuzione di cui parlate è quindi l'opposizione al pignoramento o si tratta di altra procedura? Perché questa mattina ho sentito l'avvocato ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Agenzia Entrate Riscossioni pignora il conto corrente per un avviso di addebito INPS – Il tribunale sospende l’esecutività dell’avviso di addebito, ma il concessionario non libera le somme pignorate