Indice del post pignoramento per recupare credito da ex datore di lavoro

Ho dato mandato al sindacato di recuperare un mio credito nei confronti del mio ex datore di lavoro (avanzo circa 6000 euro). La ditta risulta ancora aperta (dalle visure camerali) ma nemmeno il decreto ingiuntivo ha ottenuto nulla (questo dopo 2 anni di tira e molla). Ora l'avvocato mi richiede 150 euro di spese per poter procedere ad un tentativo di pignoramento (ma come, non è tutto compreso nella causa sindacale?). Ho fatto presente che il titolare della ditta (una SAS) molto furbescamente non si è fatto intestare nulla. C'e' una qualche possibilità che si possa pignorargli la pensione [ ... leggi tutto » ]

Se l'attività è ancora in piedi potrebbe giocare la carta del pignoramento dei crediti di lavoro. Differentemente saranno soldi buttati al vento... Le chiedo però questa riflessione: Sta trattando con un furbetto o c [ ... leggi tutto » ]

13 novembre 2012 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Più difficile per il lavoratore il recupero del TFR se il datore di lavoro insolvente non è assoggettabile a fallimento
Com'è noto, il pagamento al lavoratore del Trattamento di Fine rapporto (TFR) viene effettuato attingendo dal fondo di garanzia gestito dall'INPS qualora non vi adempia il datore di lavoro. Tuttavia, se il datore di lavoro inadempiente non risulta assoggettabile alle procedure fallimentari, requisito indispensabile per accedere al fondo di garanzia ...
Infortuni sul lavoro » Il datore non ne risponde se il rischio non era specifico
Il datore di lavoro non risponde dell'infortunio del dipendente se il rischio non è specifico e connesso all'attività imprenditoriale svolta. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 39491/13, ha sancito che: Il datore di lavoro non risponde dell'infortunio del dipendente se il ...
Recupero del TFR quando il datore di lavoro è fallibile ma non può essere dichiarato il fallimento
La legge prevede il pagamento del TFR da parte dell'INPS qualora il datore di lavoro, non soggetto a fallimento, non adempia, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro, a detto pagamento, ma requisito indispensabile è che il lavoratore abbia infruttuosamente esperito l'esecuzione forzata per la realizzazione del credito. Ricordiamo, ...
Omissione contributiva - il datore di lavoro è tenuto anche al versamento della quota a carico del dipendente
Nel caso di omissione del versamento o dell'adempimento tardivo dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dal datore di lavoro, quest'ultimo resta tenuto al pagamento dei contributi o delle parti di contributi non versate, tanto per la quota a proprio carico che per la quota a carico del lavoratore. Il datore ...
Licenziamento per scarso rendimento del dipendente - Onere della prova per il datore di lavoro
Nel licenziamento per scarso rendimento del lavoratore, rientrante nel tipo di licenziamento per giustificato motivo soggettivo, il datore di lavoro, non può limitarsi a provare solo il mancato raggiungimento del risultato atteso o l'oggettiva sua esigibilità. Il datore di lavoro deve anche provare che la causa di esso derivi da ...

Spunti di discussione dal forum

Pignoramento stipendio e pignoramento conto corrente
Temendo a breve un pignoramento presso terzi, presumibilmente presso il datore di lavoro per debiti ordinari (finanziarie), chiedo se lo stipendio verrà preventivamente decurtato di un quinto da parte del datore di lavoro e quindi accantonato; per versarlo successivamente al creditore e il restante viene normalmente accreditato in banca così…
Una società di recupero crediti può chiedere direttamente il pignoramento al datore di lavoro senza prima dotarsi di un decreto ingiuntivo?
Avendo vari debiti con banche e finanziarie, vengo contattata dopo mesi di silenzio da un agguerrito (e maleducato) operatore che mi dice che mi contatta prima di inviare decreto ingiuntivo all'Azienda nella quale lavoro, con il quale chiederà il pagamento direttamente al datore di lavoro di quanto da me dovuto.…
A mesi dal licenziamento il datore di lavoro non mi ha ancora corrisposto il TFR – Cosa posso fare?
Sono stato licenziato da una ditta da cui dovrei prendere dei soldi del mese di luglio ma il datore di lavoro sta facendo finta di niente insomma non me li vuole dare e sicuramente non mi vorrà dare neanche il tfr. Premetto che nell'anno in cui vi ho lavorato non…
TFR non corrisposto dal datore di lavoro e proposta di conciliazione stragiudiziale
Volevo ottenere un consiglio pratico su come ottenere il TFR dalla ditta per cui lavoro dato che tale ditta dal 2007 ha cambiato nome della società senza dichiarare fallimento e quindi sono stato licenziato e immediatamente riassunto senza percepire il suddetto TFR. In seguito la ditta mi ha proposto un…
Mi hanno notificato un decreto ingiuntivo ma non ho i soldi per pagare – e adesso?
Dopo la notifica del decreto ingiuntivo lei ha 40 giorni di tempo per scegliere se pagare o contestare il credito mediante una opposizione al decreto ingiuntivo, avviando così una causa ordinaria. Trascorsi i 40 giorni, il creditore, con il decreto ingiuntivo non opposto potrà chiedere all’ufficiale giudiziario il precetto e…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post pignoramento per recupare credito da ex datore di lavoro. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Pignoramento per recupare credito da ex datore di lavoro Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 13 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Vuoi fare una domanda?