Prospettive di applicazione del pignoramento presso la PA e di evoluzione normativa

Per quanto sopraesposto, risulta indispensabile, nei singoli casi concreti, una rigorosa verifica circa l'effettiva sussistenza dei presupposti di legittimità della procedura in esame, e l'esatta individuazione delle concrete fattispecie ad essa assoggettabili.

Ciò al fine di evitare che la procedura di la riscossione diretta possa essere applicata su presunti crediti oggetto, in realtà, di cartelle eventualmente saldate, non esecutive, inesigibili o annullate in sede amministrativa o giudiziaria.

In effetti, è possibile che il soggetto privato, indiretto destinatario di una illegittima procedura di verifica e di riscossione diretta, possa subire dei danni derivanti dal mancato versamento delle somme legittimamente dovutegli, o dall'eventuale ritardo nel pagamento delle stesse, e di conseguenza sono ipotizzabili diverse forme di responsabilità amministrativa.

Al fine di non incorrere in equivoci, potrebbe essere utile l'introduzione dell'obbligo, a carico dell'agente della riscossione, di allegare, all'atto della richiesta di riscossione diretta, prova dell'effettiva notifica del privato debitore sull'avvio della procedura di riscossione diretta, applicando le norme processual-civilistiche in tema di notifiche e di compiuta giacenza, in modo che egli possa eventualmente opporsi tempestivamente all'esecuzione qualora vi siano i presupposti.

Una volta delimitato l'ambito di applicazione della procedura, è tuttavia auspicabile l'istituzione di una analoga fattispecie procedurale anche in tema di pignoramenti presso terzi ex articoli 543 seguenti codice di procedura civile, quantomeno per quanto riguarda i procedimenti esecutivi instauratisi nei confronti di debitori che siano a loro volta creditori dello Stato.

Difatti, la possibilità per i creditori privati di conoscere se i loro debitori siano o meno titolari di crediti immediatamente esigibili nei confronti della Stato, analogamente a quanto previsto per Equitalia Servizi spa, nonché, una volta muniti di un titolo esecutivo ed autorizzati dall'Autorità giudiziaria, di chiedere direttamente l'incasso delle somme ai soggetti pubblici, produrrebbe l'effetto di ridurre notevolmente i tempi dell'esecuzione civile presso terzi, e di aumentarne l'efficacia ed i risultati positivi, spesso compromessi da eccessivi passaggi burocratici, da tempi spesso non definibili, dalle numerose garanzia poste a tutela del debitore e dal notevole appesantimento della procedura qualora si debba iniziare il giudizio di accertamento.

Per porre una domanda sulla riscossione diretta prevista nel pignoramento esattoriale presso terzi, clicca qui e accedi al forum.

Per ulteriori approfondimenti sulla riscossione diretta prevista nel pignoramento esattoriale presso terzi, consulta questa sezione.

28 agosto 2013 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • ramonn 16 ottobre 2013 at 09:09

    Salve avrei bisogno di un’informazione.
    Equitalia ha fatto un pignoramento presso terzi ad un precedente datore di lavoro. Rapporto di lavoro interrotto da oltre due anni.
    E’ possibile in questo caso rischiedere un risarcimento danni ad Equitalia per violazione della privacy avendo loro fornito informazioni relative all’indebitamento ad un soggetto non interessato?

    • Simone di Saintjust 16 ottobre 2013 at 10:38

      Può provare senz’altro a presentare un ricorso al Garante della Privacy.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca