L’usucapione in un condominio

(Articoli 1102, 1158, 1159, 1163, 1164, 1165, 1166, 1167, del codice civile) – La proprietà dei beni mobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano in virtù del possesso continuato per venti anni (articolo 1158 del codice civile).

L’usucapione decennale non trova applicazione in un condominio, se non in casi sporadici.

Questo articolo può trovare la sua applicazione anche in un condominio. Si pensi solo ad una occupazione continuative di un sottotetto o alla appropriazione di una parte di un giardino comune.

Le premesse per una usucapione sono sempre il possesso effettivo della cosa e il trascorrere del tempo prescritto. Inoltre il possesso deve essere noto e visibile, non deve essere interrotto, non deve essere acquistato in modo violento o clandestino e l’esercizio del diritto di possesso non deve essere messo in dubbio.

Per il legittimo proprietario che non usa il bene , per non far scadere il ventennio di usucapione, vi è un solo modo: promuovere un’azione in giudizio per la reintegrazione nel possesso.

Comunque anche l’ultimo comma dell’articolo 1102 del codice civile, trova applicazione, il quale regolamenta l’uso della cosa comune e che prevede espressamente che il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

Naturalmente l’usucapione non ha luogo, se la durata del tempo è stata sospesa o interrotta. Inoltre occorre distinguere fra possesso e custodia, quest’ultima non permette l’usucapione.

La prescrizione viene interrotta, a norma dell’articolo 2943 del codice civile, dalla notifica dell’atto con il quale si inizia un giudizio, sia questo di cognizione ovvero conservativo o esecutivo.

La prescrizione viene pure interrotta da una domanda proposta nel corso di un giudizio.

L’Amministratore è chiamato ad intervenire se un proprietario occupa parti comuni, le chiude o le recinta.

———-
Articolo 1158 del codice civile – Usucapione dei beni immobili e dei diritti reali immobiliari
La proprietà dei beni immobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano in virtù del possesso continuato per venti anni.

2 Luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Condominio, condominio parziale e supercondominio
Secondo l'articolo 1117 del codice civile, si ha un condominio (quote di proprietà divise in uno stabile) quando esiste un collegamento strutturale fra le parti comuni di uno stabile e di un terreno e le proprietà individuali dei singoli piani o parte dei piani. Le parti comuni più importanti di un edificio sono: il suolo su cui sorge l'edificio le fondazioni e muri maestri i tetti e i lastrici solari e scale, i portoni d'ingresso, i vestiboli, gli anditi i portici e i cortili tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune (locale per il riscaldamento centrale, per l'ascensore , gli ...

Cosa è un condominio: definizione e regolamentazione
Definizione: Comunione e condominio (Articolo 1100 - 1116 - 1117 - 1138 - C.C.) La comunione Le norme che disciplinano la comunione trovano applicazione quando la proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone e se il titolo o la legge non dispone diversamente. La comunione viene disciplinata dagli articoli 1100 al 1116 del Codice civile. Le quote dei partecipanti si presumono uguali e i vantaggi e i pesi vengono suddivisi fra i partecipanti in proporzione delle rispettive quote. Ciascun partecipante può servirsi delle cosa comune, purchè non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri ...

Attribuzioni e competenze dell'amministratore del condominio
Le attribuzioni dell'amministratore del condominio come organo esecutivo sono elencate dall'articolo 1130 del codice civile. A queste si aggiungono i compiti demandati dal regolamento condominiale, dalle delibere assembleari, da leggi particolari o da provvedimenti in genere. In particolare provvede a: eseguire le deliberazioni dell'assemblea dei condomini e curare l'osservanza del regolamento di condominio; disciplinare l'uso delle cose comuni e la prestazione dei servizi nell'interesse comune: in esecuzione del regolamento condominiale l'amministratore deve provvedere affinchè ogni proprietario possa disporre liberamente delle parti comuni e può in questo ambito assumere i necessari provvedimenti; riscuotere i contributi ed erogare le spese occorrenti: l'amministratore ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l’usucapione in un condominio. Clicca qui.

Stai leggendo L’usucapione in un condominio Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 Luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 29 Novembre 2010 at 11:44

    Buongiorno, vi voglio proporre una questione.

    Mia cugina sta in fitto a Salerno, dentro un palazzo che ha una metà, la scala destra che ha appartamenti dentro cui ci abitano persone in fitto.

    Mi ha raccontato mia cugina che da più di dieci anni nella scala di destra ci vengono a stare persone di tanti colori. Per molto tempo ci ha abitato tipo, legato alla camorra e che è stato poi sotto processo, un tipo legato all’ambiente delle discoteche.

    Poi ci ha abitato una signora ke non camminava bene ( che non faccio il nome perchè scomparsa ) e
    ci abitava con due figli gemelli, uno fa il L S U, legata pure lei all’ambiente
    della droga e mi ha raccontato mia cugina che questa signora per molto tempo dopo ke se
    ne è andata via l’ hanno cercata via telefono, chiamando agli inquilini un sacco di volte.

    Dopo ci ha abitato un altro tipo che una volta si è cercato di collegare alla presa di corrente del palazzo per fregare la corrente a scrocco e ha fatto un corto circuito.

    Mia cugina mi dice che ancora ci vivono in quella scala persone dell’ambiente della discoteca, gente che scappa senza pagare i soldi del fitto e cose un poco strane.

    E’ possibile mi kiedo fare qualche cosa per parlare di questa situazione alla polizia? Se voglio fare qualche cosa di legale ditemi per piacere che cosa io o mia cugina possiamo fare, grazie a voi.

    • cocco bill 29 Novembre 2010 at 12:15

      Sua cugina può presentare un dettagliato esposto al più vicino commissariato di P.S. o stazione di carabinieri.