L'usucapione in un condominio

(Articoli 1102, 1158, 1159, 1163, 1164, 1165, 1166, 1167, del codice civile) - La proprietà dei beni mobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano in virtù del possesso continuato per venti anni (articolo 1158 del codice civile).

L'usucapione decennale non trova applicazione in un condominio, se non in casi sporadici.

Questo articolo può trovare la sua applicazione anche in un condominio. Si pensi solo ad una occupazione continuative di un sottotetto o alla appropriazione di una parte di un giardino comune.

Le premesse per una usucapione sono sempre il possesso effettivo della cosa e il trascorrere del tempo prescritto. Inoltre il possesso deve essere noto e visibile, non deve essere interrotto, non deve essere acquistato in modo violento o clandestino e l'esercizio del diritto di possesso non deve essere messo in dubbio.

Per il legittimo proprietario che non usa il bene , per non far scadere il ventennio di usucapione, vi è un solo modo: promuovere un'azione in giudizio per la reintegrazione nel possesso.

Comunque anche l'ultimo comma dell'articolo 1102 del codice civile, trova applicazione, il quale regolamenta l'uso della cosa comune e che prevede espressamente che il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

Naturalmente l'usucapione non ha luogo, se la durata del tempo è stata sospesa o interrotta. Inoltre occorre distinguere fra possesso e custodia, quest'ultima non permette l'usucapione.

La prescrizione viene interrotta, a norma dell'articolo 2943 del codice civile, dalla notifica dell'atto con il quale si inizia un giudizio, sia questo di cognizione ovvero conservativo o esecutivo.

La prescrizione viene pure interrotta da una domanda proposta nel corso di un giudizio.

L'Amministratore è chiamato ad intervenire se un proprietario occupa parti comuni, le chiude o le recinta.

———-
Articolo 1158 del codice civile - Usucapione dei beni immobili e dei diritti reali immobiliari
La proprietà dei beni immobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano in virtù del possesso continuato per venti anni.

2 luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'usucapione in un condominio. Clicca qui.

Stai leggendo L'usucapione in un condominio Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca