Usucapione bene ereditato tra coeredi » Requisiti esclusiva proprietà

Bene ereditato tra più coeredi: un erede per averne il pieno possesso, tramite usucapione, deve manifestarne pubblicamente l’uso esclusivo.

Il coerede che dopo la morte del de cuius sia rimasto nel possesso del bene ereditario, può, prima della divisione, usucapire la quota degli altri eredi, senza necessità di interversione del titolo del possesso.

A tal fine, egli, che già possiede animo proprio ed a titolo di comproprietà, è tenuto ad estendere tale possesso in termini di esclusività, il che avviene quando il coerede goda del bene in modo inconciliabile con la possibilità di godimento altrui e tale da evidenziare una inequivoca volontà di possedere uti dominus e non più uti condominus, non essendo sufficiente che gli altri partecipanti si astengano dall’uso della cosa comune.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 24214/14.

Da ciò che si evince dalla suddetta pronuncia, il coerede può diventare esclusivo padrone del bene ereditato purché si comporti pubblicamente come se fosse il proprietario.

A parere degli Ermellini, infatti, l’erede che sia rimasto nel possesso dei beni entrati nella successione può usucapirne il possesso, e diventarne l’unico proprietario, a discapito degli altri coeredi.

Perché questo possa avvenire, tramite usucapione e a discapito degli altri eredi, però, è necessario che il possessore utilizzi il bene in questione impedendone l’uso agli altri.

Il coerede, dunque, deve godere del bene ereditato in modo tale che ciò sia inconciliabile con la possibilità che anche gli altri ne usufruiscono: bisogna, quindi, dimostrare una non equivoca volontà di possedere il bene come se si fosse l’unico ed esclusivo proprietario.

Non è sufficiente, pertanto, che gli altri coeredi si astengano volontariamente dall’uso della cosa comune. Anzi, è necessario che tale loro uso sia osteggiato e impedito dal comportamento del possessore, che appunto sottragga, il bene agli altri contitolari.

Naturalmente, poiché ciò avvenga, è necessario un altro fondamentale requisito per far sussistere l’usucapione: l’arco temporale.

Come noto, devono, infatti, trascorrere vent’anni perché intervenga l’usucapione.

Inoltre, il comportamento del possessore che si atteggi a proprietario esclusivo deve essere manifesto, non deve avvenire in modo non clandestino e non vi devono essere interruzioni nel corso del ventennio.

In parole povere, se il possessore ha solo nascosto il bene agli altri coeredi, o se nell’arco temporale dei 20 anni riceve una citazione a restituire il bene in questione, allora l’usucapione non si forma più.

Perciò, chiarisce piazza Cavour, il godimento esclusivo da parte di uno dei coeredi, del bene in comunione entrato in successione, non è sufficiente a far scattare l’usucapione, nemmeno se tale fattispecie è determinata dalla semplice tolleranza degli altri coeredi.

Al contrario, è necessario, ai fini dell’usucapione, la manifestazione del dominio esclusivo sul bene da parte dell’interessato attraverso un’attività durevole, apertamente contrastante e incompatibile con il possesso altrui.

Inoltre, concludono i giudici del Palazzaccio, l’onere della prova di tale situazione spetta sempre a chi invoca l’avvenuta usucapione del bene.

17 Novembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Usucapione del bene in comunione ereditaria
Per quanto attiene il possesso di un bene insieme ad altri soggetti, il godimento esclusivo della cosa comune da parte di uno dei possessori non è, di per sé, idoneo a far ritenere lo stato di fatto cosi determinatosi funzionale all'esercizio del diritto di usucapione. La circostanza venutasi a creare, infatti, può essere conseguenza di un atteggiamento di mera tolleranza da parte degli altri soggetti, risultando necessario, a fini della usucapione, la manifestazione del dominio esclusivo sulla cosa comune da parte dell'interessato attraverso un'attività durevole, apertamente contrastante ed inoppugnabilmente incompatibile con il possesso altrui, gravando l'onere della relativa prova su ...

Ciascun coerede può prelevare la quota di giacenza nel conto corrente del de cuius proporzionale a quella ereditaria » La banca non può opporre il mancato consenso degli altri coeredi.
L'ordinanza 27417/2017 della Corte di cassazione ha stabilito che ciascun coerede può agire nei confronti del debitore del de cuius per la riscossione della quota proporzionale a quella ereditaria vantata, senza la necessità del coinvolgimento degli altri coeredi, e soprattutto senza che venga in alcun modo precisato che l'iniziativa del coerede sia ammessa solo allorquando avvenga nell'interesse della comunione. Ora, atteso che la banca con cui il de cuius intrattiene, al momento della morte, un rapporto di conto corrente, o in conto titoli, è debitrice del defunto, ne discende che ciascun coerede può prelevare la quota di giacenza in conto ...

Usucapione – i requisiti del possesso e dell'animus possidendi
In materia di usucapione, è necessario dimostrare in giudizio sia il possesso continuato ed ininterrotto per il termine di legge, sia l'animus possidendi. Chi agisce in giudizio per essere dichiarato proprietario di un bene a seguito di usucapione, deve dimostrare tutti gli elementi costitutivi della fattispecie, ossia: il possesso continuato ed ininterrotto del bene per almeno venti anni. Il titolare del bene, convenuto in giudizio, potrà a sua volta dimostrare l'interruzione del termine ventennale attraverso il compimento di atti che comportino la perdita materiale del bene per il possessore. Tali sono ad esempio gli atti giudiziali a ciò finalizzati. Non ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su usucapione bene ereditato tra coeredi » requisiti esclusiva proprietà. Clicca qui.

Stai leggendo Usucapione bene ereditato tra coeredi » Requisiti esclusiva proprietà Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 17 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Agosto 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di eredità successione e donazioni Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)