Intrasmissibilità delle sanzioni amministrative e tributarie

La legge dispone che l’obbligazione al pagamento delle sanzioni amministrative e tributarie (restano escluse quelle civili irrogate dall’INPS) non si trasmette agli eredi: l’applicazione della norma è immediata per quel che riguarda le sanzioni amministrative (in particolare le multe per infrazione al Codice della strada) o le cartelle esattoriali originate esclusivamente da sanzioni amministrative non pagate dal defunto. L’erede non è tenuto a versare quanto richiesto dalla Pubblica Amministrazione o dal Concessionario della riscossione.

Ancora, non sussistono particolari problemi quando l’erede è chiamato al pagamento di rate di un piano di dilazione concordato dal defunto con Equitalia per far fronte a cartelle esattoriali originate esclusivamente dall’omesso pagamento di sanzioni amministrative. Il piano di rateazione decade semplicemente.

Per quanto attiene, invece, le cartelle esattoriali che si riferiscono a debiti di natura tributaria (e a piani di dilazione eventualmente concessi da Equitalia) è necessario che gli eredi presentino, all’ente creditore, istanza per la rideterminazione dell’importo iscritto a ruolo (o del debito residuo in caso di dilazione) in modo da escludere le sanzioni tributarie irrogate al defunto dall’importo preteso nei confronti degli eredi (restano naturalmente vivi gli interessi maturati per il ritardato pagamento dei tributi).

Se il piano di rateazione è stato concesso direttamente dall’Agenzia delle entrate, quest’ultima ha già disposto, con la risoluzione 29/E del 7 agosto 2015, che qualora nel corso di una rateazione si verifichi il decesso del debitore, in relazione alle residue rate ancora da versare, la competente struttura non potrà chiedere agli eredi il pagamento delle somme ancora dovute a titolo di sanzione; è altresì escluso il versamento delle somme dovute a titolo di sanzione per il ritardo nel pagamento delle rate ovvero in caso di decadenza dal beneficio del piano di rateazione.

L’ufficio, acquisita notizia del decesso del debitore direttamente o su comunicazione degli eredi, provvederà a predisporre e comunicare alle parti interessate il computo dei nuovi importi delle rate dovute al netto delle sanzioni gravanti sul defunto.

3 Settembre 2015 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sanzioni civili tributarie ed amministrative - trasmissibilità agli eredi
L'articolo 65, comma 1, del DPR 600/1973 (eredi del contribuente) recita gli eredi rispondono in solido delle obbligazioni tributarie il cui presupposto si è verificato anteriormente alla morte del dante causa. Ma, per fortuna l'articolo 8 del D.Lgs 472/1997, concernente "disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie", stabilisce che L'obbligazione al pagamento della sanzione non si trasmette agli eredi La norma è applicabile ai procedimenti in corso alla data del primo aprile 1998, per la specifica previsione dell'articolo 25 comma 2 del medesimo decreto legislativo. ...

Sanzioni amministrative trasmissibili agli eredi?
Ho ricevuto cartelle esattoriali contenenti sanzioni amministrative per infrazioni alle norme del codice della strada. Volevo sapere se, in caso di mio decesso, il debito è trasmissibile agli eredi. ...

Le sanzioni amministrative tributarie
La violazione di un obbligo tributario comporta l'applicazione di una sanzione, che può essere di due tipi: amministrativa o penale, a seconda che la violazione costituisca, in base alla legge, rispettivamente illecito amministrativo o illecito penale. Le sanzioni amministrative hanno carattere personale e riguardano solo chi ha commesso l'infrazione (principio di personalità): le sanzioni amministrative, quindi, non si trasmettono agli eredi. Inoltre, la somma irrogata a titolo di sanzione amministrativa non produce in nessun caso interessi. Nessuno può essere assoggettato a sanzioni se non in forza di una legge entrata in vigore prima della commissione della violazione (principio di irretroattività). ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su intrasmissibilità delle sanzioni amministrative e tributarie. Clicca qui.

Stai leggendo Intrasmissibilità delle sanzioni amministrative e tributarie Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 3 Settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 9 Febbraio 2019 Classificato nella categoria dilazione della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)