Indice del post equitalia - regolamento di accesso agli atti

Ai sensi del presente regolamento si intende per: "diritto di accesso", il diritto di prendere visione e di estrarre copia dei documenti di cui alla lettera e) del presente articolo da parte di soggetti portatori di un interesse qualificato; "interessati", tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto ed attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento del quale è chiesto l'accesso. La richiesta può essere, altresì, presentata da pubbliche amministrazioni che abbiano uno specifico interesse, per lo svolgimento delle funzioni ad esse attribuite, in attuazione [ ... leggi tutto » ]

Il presente regolamento disciplina le modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti, conformemente alle disposizioni contenute nella legge 7 agosto 1990, numero 241 e successive modificazioni, e nel decreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006, numero 184, nonché ai princìpi espressi nel decreto legislativo 30 giugno 2003, numero 196. Equitalia Servizi S.p.A. orienta la propria azione al perseguimento degli obiettivi di imparzialità, trasparenza ed economicità, garantendo la partecipazione della collettività all'azione amministrativa. A tale scopo Equitalia Servizi S.p.A. consente l'accesso ai propri documenti anche mediante strumenti informatici, elettronici e telematici, in applicazione della normativa vigente in [ ... leggi tutto » ]

Il diritto di accesso si esercita secondo le modalità di cui agli articoli 6 e seguenti del presente regolamento, con riferimento ai documenti materialmente esistenti al momento della richiesta e detenuti alla stessa data da Equitalia Servizi S.p.A., ad eccezione di quelli sottratti all'accesso per espressa disposizione di legge o per regolamento. Il diritto di accesso è esercitabile sino a quando Equitalia Servizi S.p.A. ha l'obbligo di detenere i documenti ai quali si chiede di accedere. Equitalia Servizi S.p.A. non è tenuta ad elaborare dati in suo possesso al fine di soddisfare le richieste [ ... leggi tutto » ]

I documenti di cui al presente regolamento sono accessibili ad eccezione di quelli indicati dall'articolo 24 della legge 7 agosto 1990, numero 241. Il diritto di accesso è altresì escluso con riferimento a: pareri legali non finalizzati all'adozione dell'atto e provvedimento amministrativo, rilasciati a beneficio delle strutture interne di Equitalia Servizi S.p.A. e delle società del gruppo Equitalia S.p.A.; informazioni e documenti riguardanti le strategie aziendali di Equitalia Servizi S.p.A. e delle società del gruppo Equitalia S.p.A.; corrispondenza inerente l'attività istituzionale, in qualsiasi forma, non finalizzata all'adozione dell'atto e provvedimento amministrativo; denunce, esposti, verbali di accertamento relativi a violazioni [ ... leggi tutto » ]

Il Responsabile del procedimento di accesso è il Responsabile dell'unità organizzativa competente per l'atto oggetto di accesso, fermo restando quanto previsto in ordine all'accesso agli atti relativi alle procedure di affidamento di contratti pubblici dal successivo articolo 16. Il Responsabile dell'adozione del provvedimento è il Responsabile dell'unità organizzativa competente per l'atto oggetto di accesso. Resta a carico del richiedente ogni responsabilità per l'uso improprio delle informazioni acquisite rispetto alle finalità per le quali [ ... leggi tutto » ]

La richiesta di accesso ai documenti deve essere motivata. L'interessato, per esaminare e/o estrarre copia dei documenti, può: formulare una istanza formale via e-mail, all'indirizzo di posta elettronica assistenzaclienti@equitaliaservizi.it ; formulare una istanza formale a mezzo posta, da indirizzare a Equitalia Servizi S.p.A. - Servizio Help Desk AdR ed Enti, Via Benedetto Croce, numero 124 Roma ; presentare una richiesta informale presso la sede di Roma di Equitalia Servizi S.p.A., Via Benedetto Croce numero 124. Il richiedente deve specificare nell'istanza il canale di risposta prescelto. Alla suddetta istanza Equitalia Servizi S.p.A. fornisce riscontro indicando il consenso o il diniego [ ... leggi tutto » ]

Il diritto di accesso può essere esercitato in via informale mediante richiesta, anche verbale, qualora, in base alla natura del documento richiesto, non risulti l'esistenza di controinteressati e non sorgano dubbi in merito alla legittimazione, all'identità ed ai poteri rappresentativi del richiedente, nonché in ordine alla sussistenza dell'interesse sotteso. Nella domanda si devono indicare: i dati identificativi dell'interessato o dell'eventuale soggetto delegato; l'interesse sotteso alla richiesta; gli estremi del documento o gli elementi che ne consentono l'individuazione. La richiesta viene esaminata senza formalità e può essere evasa anche successivamente, comunque entro trenta giorni. Conclusasi con esito positivo la valutazione, [ ... leggi tutto » ]

Il diritto di accesso deve essere esercitato in via formale qualora: non sia possibile l'accoglimento della richiesta in via informale; sia rilevata la presenza di controinteressati; vi siano dubbi in riferimento all'identità e/o alla legittimazione del richiedente, o circa la sussistenza dell'interesse vantato sotteso alla richiesta o in merito all'accessibilità del documento. Nella domanda si devono indicare: i dati identificativi del richiedente o dell'eventuale soggetto delegato; l'interesse connesso all'oggetto della richiesta; gli estremi del documento o gli elementi che ne consentono l'individuazione. Qualora vi siano controinteressati, il Responsabile del procedimento deve comunicare loro l'avvio del procedimento di accesso, mediante [ ... leggi tutto » ]

Equitalia Servizi spa, nei limiti del presente regolamento e nel rispetto delle disposizioni contenute nel decreto legislativo 30 giugno 2003, numero 196 e successive modificazioni, garantisce ai richiedenti l'accesso ai documenti nella misura in cui la conoscenza dei medesimi sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici. Nel caso di documenti contenenti dati sensibili o giudiziari, l'accesso è consentito nei limiti in cui sia strettamente indispensabile per le prerogative difensive dell'interessato e, in caso di dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, nei limiti previsti dall'articolo 60 del decreto legislativo [ ... leggi tutto » ]

Il procedimento di accesso deve concludersi nel termine di trenta giorni, decorrenti dalla ricezione dell'istanza, con provvedimento [ ... leggi tutto » ]

Il Responsabile del procedimento può differire l’accesso nei casi previsti dall'articolo 9, comma 2 del decreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006, numero 184. Il provvedimento che dispone il differimento dell'accesso ne indica la motivazione e la durata ed è comunicato al richiedente entro il termine stabilito per l’accesso. È fatta salva la possibilità di proroga del differimento nei casi previsti dall'articolo 9 del decreto del Presidente della Repubblica [ ... leggi tutto » ]

In caso di accoglimento della richiesta, il Responsabile del procedimento adotta il relativo provvedimento e lo comunica al richiedente, nelle modalità di cui all'articolo 6, comma 3 del presente regolamento, specificando l'ufficio a cui rivolgersi, i giorni e gli orari di ricevimento, nonché ogni altro elemento utile ai fini dell'esercizio del diritto di accesso. I documenti per i quali è disposto l'accesso restano a disposizione del richiedente per la visione e/o estrazione di copia per un periodo pari a quindici giorni, prorogabili per un periodo equivalente in caso di comprovate esigenze. È fatto espresso divieto di prelevare documenti dal [ ... leggi tutto » ]

Le richieste oggetto dell'istanza di accesso possono essere parzialmente accolte, laddove la limitazione dell'accesso ai documenti costituisca una misura necessaria e sufficiente per tutelare la riservatezza di soggetti terzi o per salvaguardare specifiche esigenze di Equitalia Servizi S.p.A., specie nella fase preparatoria dei provvedimenti, in relazione a documenti la cui conoscenza possa compromettere il buon andamento dell'attività istituzionale. Il Responsabile del procedimento può esibire o rilasciare copia parziale del documento richiesto. Le copie parziali devono comprendere la prima e l'ultima pagina del documento eventualmente con parti oscurate; le pagine omesse devono essere indicate. La limitazione dell'accesso deve essere [ ... leggi tutto » ]

Il Responsabile del procedimento dispone l'inammissibilità o il rigetto dell'istanza mediante atto motivato, con riferimento specifico alla normativa vigente, al presente regolamento ed alle circostanze di fatto per cui la domanda [ ... leggi tutto » ]

Decorsi inutilmente trenta giorni dalla ricezione dell'istanza, in mancanza di riscontro ovvero in assenza di comunicazione di differimento da parte di Equitalia Servizi [ ... leggi tutto » ]

Nelle procedure di affidamento di lavori, di fornitura di beni e servizi, si applicano le disposizioni di cui all'articolo 13 del decreto legislativo 12 aprile 2006, numero 163 " Codice dei contratti pubblici" con le eccezioni dal medesimo Codice previste per i contratti la cui esecuzione richieda speciali misure di sicurezza. Fermi i divieti e i differimenti previsti dall'articolo 13 del D. Lgs. numero 163/2006 e s.m.i., l'accesso informale ai documenti del procedimento in cui sono adottati i provvedimenti oggetto di comunicazione ai sensi dell'articolo 79 del predetto Decreto legislativo, è consentito entro dieci giorni dalla comunicazione dei medesimi [ ... leggi tutto » ]

L'esercizio del diritto di accesso in forma telematica, nonché la presa visione dei documenti sono gratuiti. La trasmissione via posta elettronica certificata dei documenti richiesti è gratuita. Per il rilascio di copie cartacee di documenti è dovuto il rimborso dei costi di riproduzione: euro 0.26 per ciascuna copia in formato A4; euro 0.52 per ciascuna copia in formato A3; Le spese occorrenti per i costi di riproduzione sono a carico del richiedente e devono essere corrisposte contestualmente al ritiro delle copie. La ricevuta di pagamento deve essere presentata all'atto [ ... leggi tutto » ]

In caso di inerzia nel riscontro dell'istanza da parte del Responsabile del procedimento e decorso infruttuosamente il termine previsto dal presente regolamento per l'evasione dell'istanza, il richiedente può rivolgersi al Direttore Generale affinché concluda il procedimento attraverso le strutture preposte, entro un termine pari alla metà di quello originariamente previsto. In caso di diniego espresso o tacito o di differimento del diritto all'accesso, il richiedente, nel termine di trenta giorni dalla comunicazione, può presentare richiesta finalizzata al riesame della determinazione assunta alla Commissione per l'accesso ai documenti amministrativi, istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, [ ... leggi tutto » ]

29 aprile 2013 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accesso agli atti - obblighi di ostensione per Equitalia e concessionari della riscossione
Per i concessionari della riscossione in generale e quindi anche, in particolare, per Equitalia, vige la norma dell'articolo 26 comma 4 del dpr 602 del 1973 che li obbliga a conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso del ricevimento ...
Accesso agli atti - ammissibile richiesta ostensione di atti relativi ad accertamento e riscossione
Il contribuente vanta un interesse concreto ed attuale all'ostensione di tutti gli atti relativi alle fasi di accertamento, riscossione e versamento, dalla cui conoscenza possano emergere vizi sostanziali procedimentali tali da palesare l'illegittimità totale o parziale della pretesa impositiva (in tal senso, l'articolo 22, comma 1, lettera b) l. numero ...
Accesso agli atti - Equitalia deve produrre copia conforme della cartella esattoriale anche se è decorso un quinquennio dalla notifica
La legge prescrive che l'esattore deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione. A parere dell'agente della riscossione, dunque, dopo la notifica al debitore della ...
Equitalia non può negare l'accesso alle cartelle non notificate al contribuente
Equitalia non può negare l'accesso alle cartelle non notificate al contribuente che teme pignoramento presso terzi Equitalia deve tirar fuori le cartelle non notificate al contribuente che teme pignoramenti presso terzi: il divieto di accesso nei procedimenti tributari non vale dopo l'accertamento. Infatti, sebbene l'articolo 24 della legge 241/90 escluda ...
Cartelle esattoriali di equitalia » I trucchi più comuni per impugnarle
Quali sono gli espedienti e i trucchi più comuni per poter impugnare le cartelle esattoriali? Vediamoli insieme nel prosieguo dell'articolo. La raccomandata più odiosa che potete ricevere? Quella relativa alla notifica di una o più cartelle esattoriali. Una visita inaspettata e molto scomoda. Vi forniamo, allora, un piccolo prontuario contente ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post equitalia - regolamento di accesso agli atti. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Equitalia - Regolamento di accesso agli atti Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 29 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 27 settembre 2017 Classificato nella categoria autotutela sgravio rimborso sospensione rottamazione sanatoria condono della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande