Notifica di una cartella esattoriale tramite accesso agli atti

L'accesso agli atti amministrativi e la presa visione degli stessi può valere come notifica? Se si fa ricorso contro una cartella per difetto di notifica il giudice potrebbe opporre che l'interessato ne ha avuto conoscenza proprio tramite l'accesso agli atti?

Una cartella esattoriale, non notificata correttamente, può essere contestata, decorsi i 60 giorni dalla data di presunta notifica (quando vengono avviate automaticamente le azioni di riscossione coattiva), con procedura di opposizione all'esecuzione.

La cartella esattoriale e tutti i provvedimenti successivi sono nulli perchè non è stato comunque garantito il diritto di difesa del destinatario. E' naturale che prima o poi il destinatario venga a sapere dell'esistenza di un titolo esecutivo (tale è la cartella esattoriale) a proprio carico, ma questo non sana l'illegittimità della procedura di riscossione coattiva.

Il punto della questione è verificare se effettivamente la notifica della cartella esattoriale è viziata oppure se essa è stata effettuata, correttamente, per compiuta giacenza.

Può anche attendere la notifica del fermo amministrativo, ma deve anche considerare che il provvedimento potrebbe già essere stato disposto a sua insaputa.

13 luglio 2015 · Giuseppe Pennuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accesso agli atti - Equitalia deve produrre copia conforme della cartella esattoriale anche se è decorso un quinquennio dalla notifica
La legge prescrive che l'esattore deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione. A parere dell'agente della riscossione, dunque, dopo la notifica al debitore della ...
Accesso agli atti - obblighi di ostensione per Equitalia e concessionari della riscossione
Per i concessionari della riscossione in generale e quindi anche, in particolare, per Equitalia, vige la norma dell'articolo 26 comma 4 del dpr 602 del 1973 che li obbliga a conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso del ricevimento ...
Accesso agli atti - ammissibile richiesta ostensione di atti relativi ad accertamento e riscossione
Il contribuente vanta un interesse concreto ed attuale all'ostensione di tutti gli atti relativi alle fasi di accertamento, riscossione e versamento, dalla cui conoscenza possano emergere vizi sostanziali procedimentali tali da palesare l'illegittimità totale o parziale della pretesa impositiva (in tal senso, l'articolo 22, comma 1, lettera b) l. numero ...
Accesso agli atti - Anche se sono trascorsi più di cinque anni dalla data di notifica, il debitore deve poter prendere visione delle cartelle esattoriali non ancora prescritte
Come previsto dalla normative vigente, il concessionario della riscossione deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione. Infatti, il debitore vanta un interesse concreto ed ...
Riscossione coattiva esattoriale - Opposizione agli atti esecutivi ed opposizione all'esecuzione
Nell'ambito del procedimento di riscossione coattiva esattoriale, al fine di valutare se esperire opposizione all'esecuzione ovvero opposizione agli atti esecutivi, vanno considerati i motivi dell'opposizione. I rimedi di opposizione proponibili avverso la cartella esattoriale emessa per la riscossione di sanzioni amministrative pecuniarie sono l'opposizione all'esecuzione ex articolo 615 codice procedura ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca