Notifica degli atti impositivi - Domicilio fiscale e residenza anagrafica

Prima che il contribuente abbia conoscenza degli atti che incidono sulla sua posizione debitoria o ereditaria nei confronti del fisco, gli atti stessi non possono produrre effetti (cfr. Cassazione 2001/4760 e soprattutto, con riguardo alla sanatoria dei possibili vizi della notifica e ai suoi effetti, Cassazione sezioni unite 2004/19854).

Ora, è vero che, con la locuzione "effettiva conoscenza", il legislatore non ha inteso garantire al contribuente l'assoluta certezza della conoscenza, avendo la disciplina della notifica da sempre legato a essa la conoscibilità legale. E tuttavia resta inteso che a tutti gli atti dell'amministrazione destinati al contribuente (compresi, quindi, a quelli notificati) deve essere garantito un grado di conoscibilità il più elevato possibile.

Ampia traccia di una simile lettura è possibile rinvenire, d'altronde, nella sentenza con cui la Corte costituzionale (sentenza 2003/360) ha dichiarato illegittimo l'articolo 60, ultimo comma, del dpr 29 settembre 1973 numero 600, nella parte in cui prevedeva che le variazioni e le modificazioni dell'indirizzo del contribuente non risultanti dalla dichiarazione annuale avessero effetto, ai fini delle notifiche, dal sessantesimo giorno successivo a quello della avvenuta variazione anagrafica. Obiettivo di tale pronuncia è stata l'esigenza di garantire al destinatario della notifica l'effettiva possibilità di una tempestiva conoscenza dell'atto notificato e, quindi, l'esercizio del suo diritto di difesa.

Pertanto, a fronte di una scelta del contribuente (poiché la stessa norma a prevederlo), nel caso in cui vi sia stata una valida elezione di domicilio non resta, per l'Amministrazione, altra possibilità in sede di notifica che effettuarla presso l'indirizzo indicato dal dichiarante, risultando invalida la notifica effettuata ai sensi dell'articolo 140 codice di procedura civile, che è, e dunque resta, una forma di notifica eventuale e comunque residuale.

La Corte di cassazione con la sentenza 6114/2011, di cui abbiamo riportato in apertura i passi essenziali, ha affrontato la delicata questione afferente alla notifica degli atti impositivi, e in particolar modo, alla notifica degli avvisi di accertamento effettuata ai sensi dell'articolo 140 codice di procedura civile (irreperibilità o rifiuto di ricevere copia degli atti) in un luogo diverso dal domicilio eletto.

Al riguardo i giudici di piazza Cavour, con la sentenza a cui si è accennato, hanno formulato il seguente principio di diritto: In caso di elezione di domicilio dal parte del contribuente, nel Comune di domicilio fiscale, ai fini della notifica degli atti e degli avvisi che lo riguardano, ai sensi del DPR numero 600 del 1973, articolo 60, comma 1, lettera d), la notifica al domicilio eletto è, per l'amministrazione fiscale, obbligatoria; pertanto è invalida la notifica dell'atto impositivo eseguita in luogo diverso dal domicilio eletto ai sensi dell'articolo 140 c.p.c.

Come è noto, la nullità della notifica dell'atto impositivo comporta l'invalidità derivata degli atti conseguenti, compresa la successiva cartella esattoriale.

30 aprile 2013 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Notifica degli atti – conoscenza legale e conoscenza fattuale
La Cassazione nella sentenza numero 13970 del 26 luglio 2004 ha precisato: ... deve ritenersi operante nell'ordinamento vigente un principio generale secondo il quale, qualunque sia la modalità di trasmissione, la notifica di un atto processuale, almeno quando debba compiersi entro un determinato termine, si intende perfezionata, dal lato del ...
Notifica degli atti attraverso il servizio postale - momento in cui deve considerarsi perfezionata la notifica del'atto
La notifica degli atti con il servizio postale è regolato dalle norme di cui alla legge 20 novembre 1982, numero 890. L'articolo 10 della legge 3.8.1999, numero 265 ha apportato modifiche al primo comma dell'articolo 12 della legge 20 novembre 1982, stabilendo che: "Le norme sulla notifica degli atti giudiziari ...
Legittima la notifica della cartella esattoriale effettuata presso la residenza del debitore e non al domicilio fiscale trattandosi di procedura più garantista per il contribuente
La disciplina delle notifica degli atti tributari (compresa la cartella esattoriale originata da mancato o insufficiente pagamento dei tributi) si fonda sul criterio del domicilio fiscale al quale, tuttavia, è connesso l'onere preventivo del contribuente di indicare all'Ufficio tributario il proprio domicilio fiscale e di tenere detto ufficio costantemente informato ...
Valenza del domicilio fiscale per la notifica degli atti da parte dell'Agenzia delle Entrate e casi di difformità con la residenza anagrafica del contribuente - Comunicazioni di elezione e di variazione del domicilio fiscale
A norma dell'articolo 58 del decreto presidente repubblica 600/1973 le persone fisiche residenti nel territorio dello Stato italiano hanno il domicilio fiscale nel Comune nella cui anagrafe sono iscritte. In tutti gli atti, contratti, denunzie e dichiarazioni che vengono presentati agli uffici finanziari deve essere indicato il Comune di domicilio ...
Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza
La notifica nelle mani del destinatario, anche se effettuata in luogo diverso da quello in cui lo stesso destinatario ha la normale residenza o il domicilio, è perfettamente valida, per avere raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato. Infatti il riferimento ai criteri della residenza, domicilio, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su notifica degli atti impositivi - domicilio fiscale e residenza anagrafica. Clicca qui.

Stai leggendo Notifica degli atti impositivi - Domicilio fiscale e residenza anagrafica Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 30 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria notifica della cartella esattoriale e degli atti impositivi in generale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti