Come verificare il superamento della soglia del tasso di usura per un contratto di prestito?

E' stato applicato il 10% di interesse dal 1996 ad oggi a fronte di un prestito tra un privato e un'azienda: come si può verificare se si tratta di tasso usura durante questo periodo?

Naturalmente possiamo fornirle solo indicazioni di massima, giusto per darle la possibilità di capire se sia, o meno, il caso di affidare la questione che la riguarda ad una associazione di consumatori specializzata nell'accertare il superamento del tasso di usura nei prodotti bancari e finanziari (prestiti, carte di credito e revolving, conti correnti) e che possa supportarla nella contestuale richiesta di rimborso delle somme pagate in violazione della legge antiusura.

Infatti, nel caso di superamento del tasso soglia di usura la banca (la finanziaria o Poste Italiane) è tenuta, su richiesta del cliente, al ricalcolo degli interessi dovuti e a restituirgli la differenza tra l'importo degli interessi addebitati e il tasso soglia di usura vigente pro-tempore.

Il tasso soglia di usura vigente pro-tempore viene determinato dalla Banca d'Italia con cadenza trimestrale sulla base dei tassi medi rilevati per il comparto considerato.

Si parte dunque da queste tabelle trimestrali. Per ciascun trimestre di interesse si individua il tasso soglia su base annua relativo alla tipologia di finanziamento ottenuto (aperture di credito in conto corrente, scoperti senza affidamento, Crediti personali e via dicendo). Il tasso soglia di usura su base annua va quindi confrontato con il TAEG applicato dal creditore.

Facciamo un esempio: supponiamo che il debitore abbia ottenuto un credito personale con tasso di interesse TAEG applicato pari al 19%. Per verificare se nel trimestre che va dal primo ottobre al 31 dicembre 2016 sia stato superato il tasso soglia di usura nel finanziamento che lo riguarda, il debitore deve consultare la tabella Banca d'Italia relativa a quel trimestre. Da tale tabella si evince che il tasso soglia di usura su base annua per il comparto "crediti personali" è stato del 17,15%. Quindi, in questo caso, siamo in presenza di usura sopravvenuta (con il termine usura sopravvenuta ci si riferisce all'ipotesi di superamento del tasso soglia di usura intervenuto nel corso del rapporto di finanziamento.) ed il debitore ha diritto, per quel trimestre, al rimborso dell'1,85% di interessi versati in più.

16 febbraio 2017 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tasso soglia di usura

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutui » interessi moratori e corrispettivi non vanno sommati per confrontarli con soglia di usura
Alcuni recenti provvedimenti dei Tribunali, sia di merito che di Cassazione, hanno disatteso le aspettative di migliaia di clienti che volevano rivalersi nei confronti delle banche, accusate di aver applicato tassi a usura sui mutui ipotecari. Alcune pronunce giurisprudenziali hanno confermano, purtroppo, che i tassi moratori, promessi in contratto, non ...
Superamento soglia di usura nei contratti di mutuo stipulati prima del 24 marzo 1996
Con la sentenza 603/13, la Corte di Cassazione ha stabilito che tutte le clausole che prevedevano tassi ultralegali, se maturati prima della vigenza della legge 108/96 (disposizioni in materia di usura - legge entrata in vigore il 24 marzo 1996) pur se vessatorie, sono legittime, mentre dopo quella data si ...
Il concetto di usura sopravvenuta non esiste ed il creditore non è tenuto a restituire al debitore il differenziale fra gli interessi pattuiti in sede contrattuale e quello soglia vigente al momento del pagamento
Secondo la sentenza 24675/2017 della Corte di cassazione a sezioni unite, va negata la configurabilità dell'usura sopravvenuta dal momento che è priva di qualsiasi fondamento la tesi della illiceità della pretesa del pagamento di interessi a un tasso che, pur non essendo superiore, alla data della pattuizione (con il contratto ...
Mutuo a tasso misto - vantaggi e svantaggi
Il mutuo a tasso misto è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso misto consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto tra le parti. Il mutuo a ...
TAN - Tasso Annuo Nominale
Nei messaggi promozionali che propongono pagamenti rateali siamo abituati alla specificazione del TAN (Tasso Annuo Nominale). Anche nei contratti di mutuo il Tasso Annuo Nominale gioca il ruolo principale. Ciò perché il TAN è il tasso più semplice a cui si possa fare riferimento. Rappresenta l'interesse annuo applicato ad un ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca