Ingiunzione di pagamento per un verbale del 2011

In data odierna 24 luglio 2015 ricevo una raccomandata (atti giudiziali) da parte di TRENITALIA intestata a mio figlio che mi impone di pagare 240 euro relativi ad un verbale che gli era stato rilasciato nell'anno 2011 per il mancato pagamento del biglietto.

Preciso che mio figlio rientrante in caserma per motivi di collegamenti treni prese il BS-MI senza fare il biglietto in quanto in ritardo; e vabbè quì si ha torto.

Ma il giorno dopo io ebbi cura di telefonare all'ufficio (allora esistente a Milano per chiedere come procedere al pagamento limitandone le infrazioni, parlai allora con una Sig.ra Marotta che attualmente NON riesco più a rintracciare, la quale mi disse di aspettare che mi venisse inviata l'infrazione a casa e di presentarmi c/o gli ufficio di Milano per vedere il da farsi).

Ma dai 23 euro di biglietto + 13 euro di sanzione nella raccomandata indicano anche un ulteriore addebito di penali ed altre per 206 euro che mi portano ad un totale di 240,00 euro.

Ora chiedo che alternative ho?

Possibile che dal 2011 ad oggi non abbiano comunicato nulla? Ed io con che mezzo potevo limitare il danno se non sapevo nulla della cifra esatta da pagare?

La contestazione dell'infrazione (soggetto sprovvisto di titolo di viaggio) è stata immediata e dunque il verbale di infrazione fu certamente rilasciato a suo figlio ed in esso indicato l'importo da pagare. Se eventualmente suo figlio si rifiutò di sottoscrivere e ritirare il documento, la notifica del verbale va comunque considerata come correttamente perfezionata.

Peraltro lei stessa scrive ... 240 euro relativi ad un verbale che gli era stato rilasciato nell'anno 2011 per il mancato pagamento del biglietto ....

Pertanto, è difficile comprendere quale verbale di infrazione avrebbe dovuto essere inoltrato ancora al trasgressore da Trenitalia, come asserito dalla fantomatica sig.ra Marotta.

24 luglio 2015 · Giuseppe Pennuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rimborso del biglietto » E' considerata vessatoria qualunque clausola richieda al consumatore di attivarsi in breve tempo per chiedere il rimborso del ticket
E' considerata vessatoria qualunque clausola richieda al consumatore di attivarsi in breve tempo per chiedere il rimborso del ticket o la spedizione dell'originale del biglietto, acquistato tramite web. In caso la scadenza del termine per chiedere il rimborso del biglietto acquistato via internet sia troppo breve, come nel caso di ...
Multa da autovelox e fallaci indicazioni nel modello - Il termine dei 90 giorni per la notifica del verbale decorre dal momento in cui viene scattata la fotografia e non da quando l'agente della polizia municipale ne prende visione
Alcuni comuni, nei modelli di verbale di multa per violazione dei limiti di velocità rilevata da dispositivi elettronici autovelox hanno adottato la cattiva (oltre che illegittima) prassi di indicare che il termine dei 90 giorni per la notifica del verbale di infrazione decorre dalla lettura della foto da parte dell'agente ...
Il verbale della multa – trasgressore ed eventuali obbligati
Quando viene notificato un verbale presso il domicilio, l'originale viene trattenuto presso l'ufficio o il comando che ha elevato la multa (ad esempio Vigili urbani, Polizia stradale ecc.) mentre al trasgressore o obbligato in solido viene consegnata una copia conforme. Il trasgressore è colui che effettivamente ha commesso la violazione, ...
Nel verbale di multa sono sufficienti le sole indicazioni del giorno dell'ora e della località in cui è stata commessa l'infrazione al codice della strada
In tema di sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada, il verbale di contestazione della infrazione deve contenere gli estremi dettagliati e precisi della violazione con riguardo al giorno, ora e località, prescrizioni dirette entrambe a garantire l'esercizio del contraddittorio da parte del presunto contravventore, ed a fronte delle ...
Tempi duri per chi utilizza tram, metro e bus senza comprare (e annullare) il biglietto - Ai trasgressori sarà notificata una cartella esattoriale
Con la conversione in legge del decreto 113/2016, recante misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio, è stata adottata una nuova norma finalizzata a contrastare il fenomeno dell'utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici senza comprare (e annullare) il biglietto. Infatti, con l'articolo 18, comma 1 bis, è ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca