Mia figlia ha svolto attività di tutoraggio universitario – Il compenso lordo è di 2 mila euro: quanto le resterà in tasca?

Argomenti correlati: ,

Mia figlia ha svolto attività di tutoraggio universitario per 80 ore, con compenso orario lordo di Euro 26,13, esclusi oneri a carico dell’Amministrazione (così è scritto nel contratto) totale di euro 2 mila e 90 circa.

Ora, non avendo altri redditi, a quanto ammonterebbe il totale netto che percepirà?

Sembrerebbe di capire che dovrà pagare oltre il 33% di trattenute previdenziali e il 20% circa di trattenute fiscali.
Non c’è un’area esente dal pagamento anche per i lavoratori parasubordinati al pari dei lavoratori dipendenti? Anche perchè la segreteria che dovrebbe effettuare il pagamento pare non essere molto informata. Vista così la situazione sembrerebbe dover ricevere un pagamento di circa 1000 euro..possibile?

Nelle collaborazioni coordinate e continuative e figure assimilate, il contributo contributivo è per 2/3 a carico del committente e per 1/3 a carico del collaboratore. L’obbligo di versamento compete tuttavia al committente anche per la quota a carico del lavoratore, che viene pertanto trattenuta all’atto della corresponsione del compenso.

Poichè l’aliquota contributiva per la gestione separata in riferimento ai soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatori, per il 2018, si aggira intorno al 34%, dall’importo lordo spettante a sua figlia, occorrerà preventivare un prelievo contributivo intorno all’11%-11,5%.

Per quanto attiene l’imposta sul reddito, l’Amministrazione dovrà sicuramente effettuare una ritenuta d’acconto pari al 20% sull’importo lordo, dedotta la somma destinata a servire la contribuzione INPS.

Ciò è dovuto alla circostanza che l’Amministrazione, al momento dell’erogazione dei compensi, non conosce la situazione reddituale del percipiente (altre prestazioni nel corso dell’anno con altre parti datoriali). In pratica, non sa di quali redditi, ed in quale misura, sua figlia abbia già beneficiato e beneficerà fino a fine anno.

Anche sua figlia fruirà della NO TAX AREA (fino a 8 mila euro per i redditi da pensione e da lavoro dipendente o assimilato; fino a 4.800 euro per i redditi da lavoro autonomo occasionale;) e potrà recuperare l’imposta nel 2019 alla presentazione della dichiarazione Redditi Persone fisiche 2018.

Facendo i conti della serva, circa 230 euro andranno all’INPS ed altri 372 euro (più o meno) serviranno a pagare l’Imposta sul Reddito delle PErsone Fisiche; soldi, questi ultimi, che tuttavia verranno rimborsati nel 2019.

25 Settembre 2018 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contributi INPS non versati per una attività aperta nel 2010 e chiusa un anno e mezzo dopo » Come è possibile chiedere 8 mila euro per una attività che è durata solo 18 mesi?
Nel luglio 2010 ho aperto, con società snc, una agenzia di viaggi dove ero amministratore , attività chiusa nel dicembre 2011: mi vengono adesso richiesti 8 mila e rotti euri per contributi Inps mai versati. Peccato che la commercialista non mi ha mai detto o ricordato che bisognava pagare nelle scadenze, ad oggi non ho la possibilità di pagare, si possono annullare questi contributi? Come è possibile chiede 8 mila euro Per una attività che è durata 18 mesi? ...

Qualcuno potrebbe aiutarmi a capire qual é la convenienza da parte di un creditore di ipotecare un bene del valore di 30 mila euro circa su cui grava un'ipoteca di primo grado della banca di euro 150 mila euro?
Qualcuno potrebbe aiutarmi a capire qual é la convenienza da parte di un creditore di ipotecare un bene del valore di 30 mila euro circa su cui grava un'ipoteca di primo grado della banca di euro 150 mila euro? ...

Mi chiedono 12 mila euro per un debito di seimila risalente al 2011: ma ne guadagno 15 mila lordi in un anno e sono obbligato al mantenimento dei miei figli - Cosa mi succede se non pago?
Sono stato contattato da una società di recupero crediti FIRE Spa che mi sta chiedendo di rientrare di un debito bancario che risale al 2011. La separazione, la perdita del lavoro mi hanno impossibilitato a pagare un passivo di 6 mila euro, che era il mio tetto di max esposizione. Ho ricevuto altre richieste di rientro che però non ho seguito. La società in questione ora mi chiede il rientro di 12 mila e 500 euro (chi fa questo calcolo?) con piano di 150 euro mese per non so quanti anni. Io ho un lavoro che mi porta talvolta 15 ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Mia figlia ha svolto attività di tutoraggio universitario – Il compenso lordo è di 2 mila euro: quanto le resterà in tasca?