Mia figlia ha svolto attività di tutoraggio universitario - Il compenso lordo è di 2 mila euro: quanto le resterà in tasca?

Mia figlia ha svolto attività di tutoraggio universitario per 80 ore, con compenso orario lordo di Euro 26,13, esclusi oneri a carico dell'Amministrazione (così è scritto nel contratto) totale di euro 2 mila e 90 circa.

Ora, non avendo altri redditi, a quanto ammonterebbe il totale netto che percepirà?

Sembrerebbe di capire che dovrà pagare oltre il 33% di trattenute previdenziali e il 20% circa di trattenute fiscali.
Non c'è un'area esente dal pagamento anche per i lavoratori parasubordinati al pari dei lavoratori dipendenti? Anche perchè la segreteria che dovrebbe effettuare il pagamento pare non essere molto informata. Vista così la situazione sembrerebbe dover ricevere un pagamento di circa 1000 euro..possibile?

Nelle collaborazioni coordinate e continuative e figure assimilate, il contributo contributivo è per 2/3 a carico del committente e per 1/3 a carico del collaboratore. L'obbligo di versamento compete tuttavia al committente anche per la quota a carico del lavoratore, che viene pertanto trattenuta all'atto della corresponsione del compenso.

Poichè l'aliquota contributiva per la gestione separata in riferimento ai soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatori, per il 2018, si aggira intorno al 34%, dall'importo lordo spettante a sua figlia, occorrerà preventivare un prelievo contributivo intorno all'11%-11,5%.

Per quanto attiene l'imposta sul reddito, l'Amministrazione dovrà sicuramente effettuare una ritenuta d'acconto pari al 20% sull'importo lordo, dedotta la somma destinata a servire la contribuzione INPS.

Ciò è dovuto alla circostanza che l'Amministrazione, al momento dell'erogazione dei compensi, non conosce la situazione reddituale del percipiente (altre prestazioni nel corso dell'anno con altre parti datoriali). In pratica, non sa di quali redditi, ed in quale misura, sua figlia abbia già beneficiato e beneficerà fino a fine anno.

Anche sua figlia fruirà della NO TAX AREA (fino a 8 mila euro per i redditi da pensione e da lavoro dipendente o assimilato; fino a 4.800 euro per i redditi da lavoro autonomo occasionale;) e potrà recuperare l'imposta nel 2019 alla presentazione della dichiarazione Redditi Persone fisiche 2018.

Facendo i conti della serva, circa 230 euro andranno all'INPS ed altri 372 euro (più o meno) serviranno a pagare l'Imposta sul Reddito delle PErsone Fisiche; soldi, questi ultimi, che tuttavia verranno rimborsati nel 2019.

25 settembre 2018 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contributi inps
gestione separata

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Pignoramento quinto stipendio » Anche per agenti di commercio
Non sussistono differenze tra dipendenti subordinati e parasubordinati: anche per gli agenti di commercio il pignoramento dello stipendio è valido solo nei limiti di un quinto. Gli emolumenti degli agenti di commercio possono essere sottoposti solo nel limite di un quinto e non per l'intera misura della retribuzione dovuta dal ...
Rateazione Equitalia - per debiti fino a 50 mila euro possibile chiederla con semplice richiesta motivata
Passa da 20 a 50 mila euro la soglia massima che permette di chiedere la rateizzazione con una semplice richiesta motivata.  E' possibile ottenere fino a 72 rate (6 anni), fermo restando che l'importo di ciascuna rata dovrà essere pari almeno a 100 euro. Per gli importi superiori resta invece ...
Limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore - La soglia sale a 3 mila euro
Dal 1° gennaio 2016 è vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore ...
Pensioni: tutte le novità dopo l'ultima riforma » Ecco quanto si perderà con l'Ape (anticipo pensionistico)
Per quanto riguarda le pensioni, scopriamo quali sono tutte le novità dopo l'ultima riforma, che di fatto ha introdotto l'anticipo pensionistico (Ape). L'Ape, acronimo che sta per Anticipo pensionistico è il progetto sperimentale che consentirà dal 2017, a chi ha raggiunto almeno i 63 anni di età di andare in ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca