Trasferimento di residenza e reddito di cittadinanza – Cosa fare se cambia il nucleo familiare percettore del beneficio


Sono percettore di RDC da circa 6 mesi e tra un paio di giorni dovrò spostare la mia residenza presso un’altra abitazione in un altro comune.
Dovrò comunicare lo spostamento per non perdere il beneficio?

Ai sensi dell’articolo 3, comma 12, del decreto legge 4/2019, in caso di variazione del nucleo familiare rispetto a quanto dichiarato ai fini ISEE, il nucleo stesso che trasferisce la propria residenza (o ciascun nucleo formatosi a seguito della variazione, se percettori di RDC) sono tenuti a presentare una DSU aggiornata, entro due mesi dalla variazione, pena la decadenza dal beneficio.

Nelle sole ipotesi di variazione del nucleo diversa da nascita o decesso di un componente è necessario presentare una nuova domanda di Rdc/Pdc, affinché il nucleo modificato (o ciascun nucleo formatosi a seguito della variazione) possa continuare a beneficiare della prestazione. Tale domanda può essere presentata senza la necessità di un intervallo temporale minimo. In tale caso, la durata residua del beneficio si applica (sottraendo ai 18 mesi il numero di mensilità già erogate) al nucleo modificato ovvero a ciascun nucleo formatosi a seguito della variazione.

Qualora il trasferimento di residenza non comportasse alcuna variazione dei nuclei familiari percettori di RDC formatisi a seguito del cambio, non bisognerà effettuare alcuna comunicazione all’INPS.

11 Novembre 2021 · Genny Manfredi



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Trasferimento di residenza e reddito di cittadinanza – Cosa fare se cambia il nucleo familiare percettore del beneficio