Accordo transattivo con la banca per estinguere il capitale residuo di un mutuo ipotecario a saldo stralcio - Segnalazione in centrale rischi

Ho avanzato alla mia banca la richiesta del saldo e stralcio di un mutuo ipotecario di un immobile il quale è sfitto e in vendita da ormai quasi 3 anni. Ho avanzato la richiesta proponendo una proposta di acquisto di un privato che mi ha trovato l'agenzia immobiliare a cui mi sono rivolta un anno fa.

Nel caso la richiesta venisse accettata, la banca mi ha già informata che comunque verrei iscritta come cattiva debitrice alla centrale dei rischi. Vorrei sapere per quanto tempo rimango iscritta e se decade dopo un lasso di tempo. Ho letto in qualche forum che con questa transazione di saldo e stralcio, la banca non dovrebbe segnalare il debitore come cattivo pagatore. E' vero?

Il problema è questo: per evitare l'obbligo di segnalazione in centrale rischi la banca dovrebbe accettare la soluzione a saldo stralcio spacciandola per estinzione integrale del mutuo, il che costituirebbe falso in bilancio.

Oppure, la banca dovrebbe rinunciare al debito residuo ex articolo 1236 del codice civile (debito rinunciato), ma in questa ipotesi qualcuno dovrebbe assumersi la responsabilità di sottoscrivere l'accordo in nome e per conto della banca, esponendosi a gravi rischi. Infatti, al momento di perfezionare l'accordo il credito è in bonis, cioè non si sono verificati ritardi nel rimborso rateale ed il debitore è solvibile.

In pratica non esistono, per questa fattispecie, politiche aziendali che autorizzino la cessione del credito o un accordo a saldo stralcio.

Potrebbe sembrare paradossale che un debitore puntuale nel pagamento delle rate del mutuo ipotecario possa essere penalizzato rispetto ad un debitore inadempiente: consideri tuttavia che, nel caso di mutuo ipotecario, la banca, a fronte di inadempimento del debitore, non cede il credito e nemmeno tenta di raggiungere un accordo a saldo stralcio: semplicemente espropria l'immobile per il cui acquisto è stato concesso il mutuo.

Tornando a bomba, dovrà rassegnarsi a 3 anni di permanenza in centrale rischi decorrenti dalla data di perfezionamento dell'accordo, con una posizione di debitrice insolvente per il debito residuo (valore del capitale ancora da saldare diminuito dell'importo offerto, e accettato, a saldo stralcio).

5 novembre 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo a saldo stralcio e debito rinunciato
segnalazione centrale rischi - situazioni particolari

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...
Centrale Rischi » E' illegittima la segnalazione dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca
E' illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca La segnalazione di una posizione in sofferenza presso la Centrale Rischi, infatti, richiede la valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente, e non può quindi scaturire dal mero ritardo nel pagamento del debito ...
La quietanza liberatoria a seguito di un accordo transattivo a saldo stralcio serve davvero ad ottenere la cancellazione dalle Centrali Rischi o ad abbreviare i tempi di permanenza?
Prima di approfondire l'argomento indicato dal titolo, occorre svolgere alcune preliminari considerazioni sui Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC) comunemente e sinteticamente indicati come centrali rischi. In Italia operano fondamentalmente tre soggetti in ambito privato (CRIF, CTC ed Experian Cerved) e uno in ambito pubblico, la Centrale Rischi (CR) gestita da ...
CRIF EURISC – Centrale Rischi Intermediazione Finanziaria
Fra i SIC privati assume una importanza rilevante la crif (Centrale Rischi Intermediazione Finanziaria), nota anche come EURISC. CRIF La crif gestisce un archivio dati privato (EURISC appunto)  a cui aderiscono le principali banche italiane. La crif è specializzata nella realizzazione e gestione di sistemi di referenziazione del credito, anche noti semplicemente come ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca