Studente Universitario ventiseienne – Requisiti per richiedere reddito di cittadinanza


Sono uno studente universitario fuorisede, ho compiuto il 26esimo anno di età e attualmente sono in possesso di regolare contratto d’affitto registrato in abitazione sita nel comune in cui studio, pertanto vorrei trasferire la mia residenza anagrafica presso tale comune.

In seguito a tale trasferimento di residenza anagrafica presenterò autonomamente la domanda per richiedere il beneficio reddito di cittadinanza attraverso il sito web dell’INPS in quanto ritengo di possedere i requisiti previsti per effettuare tale richiesta e a tal fine vorrei chiederVi maggiori informazioni per avere delucidazioni circa l’argomento.

Considerando che attualmente sono in possesso della documentazione ISEE 2021 (riferiti ai redditi prodotti nel 2019), richiesta mesi fa dal mio nucleo famigliare di origine e pertanto all’interno della suddetta documentazione sono presenti dati riferiti anche ad altri componenti del mio nucleo famigliare, qualora cambiassi residenza anagrafica sulla base dei requisiti posseduti (26esimo anno di età e canone di locazione registrato e di tutti gli altri requisiti previsti) quale documentazione ISEE dovrò presentare in fase di richiesta del beneficio reddito di cittadinanza?

Per produrre un ISEE riferito al nucleo famigliare composto solo da me medesimo entro la cifra di 9360 euro annui di quanto deve essere il massimo patrimonio mobiliare (considerando la soglia massima di 6000 euro prevista per il single)? A logica dovrebbe essere di 6000 euro, potreste confermarmelo? Vi ringrazio per l’attenzione.

La domanda di Reddito di Cittadinanza dovrà essere basata su una DSU/ISEE ordinaria relativa al nucleo familiare costituito dal solo beneficiario (non va bene quella relativa al nucleo familiare di origine).

Per poter accedere al beneficio, nel caso specifico (unico componente del nucleo familiare) l’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non deve superare i novemila e 360 euro; il valore del patrimonio immobiliare, come definito ai fini ISEE, diverso dalla casa di abitazione, non deve essere superiore a una soglia di 30 mila euro; il valore del patrimonio mobiliare, come definito ai fini ISEE, non può superare i seimila euro.

Nel caso di un single, l’ISEE è pari all’ISE (Indicatore della Situazione Economica). L’ISE, a sua volta viene determinato dalla somma dell’indicatore della situazione reddituale ISR e dal 20% dell’indicatore della situazione patrimoniale ISP.

L’ISP è la somma del patrimonio mobiliare e di quello immobiliare. Per l’ISP, gli immobili sono considerati in base al valore definito ai fini IMU, al netto del mutuo residuo, quale definito al 31 dicembre del secondo anno precedente a quello di presentazione della DSU. Il valore del patrimonio è quello determinato ai fini IMU anche in caso di esenzione dal pagamento dell’imposta.

Non è facile, pertanto, rispondere alla sua domanda: tuttavia, qui, è disponibile un simulatore che potrà soddisfare le sue curiosità.

Anche un CAF può offrirle, a pagamento, una simulazione dell’ISEE in base ai dati da lei forniti relativamente al patrimonio immobiliare detenuto

6 Settembre 2021 · Roberto Petrella



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Studente Universitario ventiseienne – Requisiti per richiedere reddito di cittadinanza