Prenotazione di un viaggio online e strane commissioni di addebito su carta prepagata – Come difendersi?

Ho risparmiato molto per poter prenotare un tanto agognato viaggio negli Stati Uniti con la mia compagna attuale: era il sogno di una vita e finalmente dopo tanti sacrifici abbiamo potuto realizzarlo.

Ho prenotato un pacchetto all inclusive presso uno dei più famosi siti internet adibiti a questo scopo.

Al momento del pagamento, però, oltre al prezzo precedentemente pattuito, mi sono stati scalati dalla carta prepagata ulteriori 30 euro.

Non è per i soldi, dato l’importo del viaggio complessivo, ma sono stato infastidito per una questione di principio.

Cosa ho pagato praticamente?

Come difendersi la prossima volta?

Caro Giacinto, lei non è né il primo né l’ultimo: per questo tipo di commissioni, diciamo occulte, ultimamente L’Antitrust ha multato ben 6 portali di viaggi.

L’Agcm, infatti, ha concluso sei procedimenti istruttori nei confronti dei professionisti che operano come agenzie e comparatori turistici online.

Le indagini sono state avviate anche sulla base di segnalazioni pervenute da associazioni di consumatori e ad esito dello Sweep 2016, cioè dell’attività di verifica di 352 siti web di comparatori turistici nell’UE coordinata dalla Commissione europea.

Sui citati siti internet, l’Autorità ha riscontrato la presenza di informazioni non sufficientemente trasparenti e di immediata comprensione per il consumatore, che ostacolavano l’esercizio dei relativi diritti, riferite alle responsabilità del soggetto che offre il servizio di intermediazione, all’identità della piattaforma per le prenotazioni alberghiere, ai criteri in base ai quali sono calcolati gli sconti praticati.

Le contestazioni hanno riguardato, inoltre, l’applicazione di un supplemento di prezzo in relazione alla tipologia di carta di pagamento utilizzata per l’acquisto di voli (credit card surcharge).

Continua così l’azione di contrasto ad una pratica che frena lo sviluppo del commercio elettronico e impone un costo di transazione al quale i consumatori non sono in grado di sottrarsi, se non scegliendo forme di acquisto e pagamento più disagevoli.

In taluni casi, è stata ritenuta illecita anche la previsione di un numero per l’assistenza telefonica post vendita a tariffazione maggiorata e l’assenza di un indirizzo elettronico che il consumatore può utilizzare per comunicare efficacemente con il professionista.

Dunque, per cominciare, segnali le strani commissione all’Agcm: per le prossime volte, se intende prenotare un viaggio su internet, punti sul fai da te.

17 Gennaio 2018 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prenotazione vacanza estiva online? - Ecco come evitare le truffe
Per Agosto vorrei partire con la mia ragazza per un viaggio, rimanendo sempre in Italia: vorrei prenotare online, visto che sto verificando offerte molto convenienti. Ho paura, però, di incorrere in qualche truffa. Come evitare le frodi? ...

I creditori possono procedere al pignoramento di una carta prepagata con International Bank Account Number (IBAN)?
Come è noto la carte con IBAN sono anch'esse inserite nella anagrafe tributaria e rintracciabili dai creditori tramite l'istituto emittente, essendo trattate come se fossero un normale conto corrente. Nel caso di giacenza positiva, quali ulteriori problematiche e costi incontrerebbe il creditore Italiano nel pignorare il debitore italiano che possiede una carta prepagata estera, in confronto a quanto dovrebbe fare normalmente in Italia: -se la carta con iban è Svizzera (dopo il 2018)? -se la carta è con iban paese UE -se la carta è con iban extra UE ...

Carta di credito prepagata – una soluzione percorribile per chi ha subito un protesto
La carta prepagata è uno strumento rilasciato a fronte di un versamento anticipato di fondi effettuato all'emittente. Essa incorpora il potere d'acquisto pagato in via anticipata dal titolare della carta e viene emessa da banche, nel caso in cui la carta sia spendibile presso una molteplicità di esercenti (carta a spendibilità generalizzata), ovvero direttamente da fornitori di beni e servizi (es. pedaggi autostradali, servizi di telefonia); in questo ultimo caso, la carta può essere utilizzata esclusivamente per il pagamento di acquisti effettuati presso lo stesso emittente (carta fidelity o monouso). Per il rilascio della carta prepagata non è necessaria la ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prenotazione di un viaggio online e strane commissioni di addebito su carta prepagata – Come difendersi?