Spese condominiali straordinarie – deve contribuire il padre dei nostri figli con me conviventi?


Argomenti correlati:

Vivo in una casa di mia proprietà con i miei due figli (entrambi minorenni).

Il padre dei bambini, con cui non mai stata legata in matrimonio, vive altrove e mensilmente mi corrisponde un assegno di mantenimento per i figli.

A breve sarà necessario sostenere delle onerose spese condominiali straordinarie per lavori di manutenzione al fabbricato.

Il padre dei miei figli è tenuto ad accollarsi una parte di queste spese in quanto nell’appartamento vivono anche i suoi figli che lui ha l’obbligo di legge di mantenere?

Potrebbe essere utile fare un’analogia con i coniugi separati.

Con la sentenza n. 18476 del 19.09.2005 la Cassazione ha specificato che, quando la casa familiare è assegnata al coniuge non proprietario, questi, nonostante tale assegnazione sia gratuita, è tenuto a sostenere le spese condominiali (spese ordinarie), poiché collegate all’uso dell’abitazione.

Di conseguenza rimangono a carico dell’ex coniuge proprietario dell’immobile solo le spese straordinarie.

E’ evidente allora, che pur riconoscendo a lei uno status equivalente a quello di coniuge separato, non potrebbero essere imputate al padre dei suoi bambini quote di partecipazione alle spese condominiali straordinarie.

23 Luglio 2014 · Ornella De Bellis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Spese condominiali straordinarie – deve contribuire il padre dei nostri figli con me conviventi?