Famiglia fortemente sovraindebitata - Come risolvere?

Mio marito ha acceso un prestito con la Banca alcuni anni fa ma nel tempo ha dovuto aumentarlo per far fronte a spese impreviste: non riuscendo più a pagare, la Banca lo ha costretto ad accendere un prestito con l'Agos per coprire le rate e gli interessi non pagati oltre al debito residuo con un tasso a mio parere molto alto (taeg 18%). Premetto che io ero all'oscuro di tutto.

Mio marito percepiva uno stipendio di 1500€ netti, io non lavoro e abbiamo una figlia di 8 anni, la rata da pagare è di 460€. Mio marito ha anche delle cartelle da pagare con Equitalia relative a bolli auto per un totale di 1200 euro. Viviamo nella casa dei miei genitori ma paghiamo tutte le utenze e le varie tasse. Il conto corrente di mio marito è in rosso. Io non possiedo nulla e mio marito lo stesso, a parte l'automobile che ha ormai 9 anni.

Per far fronte al problema nel maggio dello scorso anno mio marito ha richiesto l'anticipo del TFR ma gli è stato negato, quindi il consulente del datore di lavoro gli ha proposto di farsi licenziare per avere il pagamento del TFR e successivamente sarebbe stato riassunto. Mio marito, con l'acqua alla gola, ha accettato ma il TFR ha coperto solo parzialmente le rate insolute e la situazione è peggiorata in quanto lo stipendio mensile si è abbassato a 1300€ perchè ha perso gli scatti di anzianità.

La situazione attuale è questa: mio marito ed io entrambi nullatenenti, stipendio di 1300€ mensili (pagamenti sempre in ritardo in quanto la ditta per cui lavora mio marito è in crisi), rata del prestito di 460€ ma che con gli interessi per mancato pagamento, abbiamo una figlia di 8 anni, cartelle Equitalia per un totale di circa 1200 euro.

Dateci un consiglio per favore, abbiamo contattato un avvocato che però ci ha chiesto 400 euro per prendere in carico la nostra situazione, ma noi non abbiamo il denaro e soprattutto non sappiamo se poi riusciremo a ricavarne qualcosa sicuramente.

Andrebbe valutata l'ipotesi di interrompere tout court, il rimborso del prestito: se tutto andasse male - qualora, cioè, la finanziaria non cedesse il credito, con la possibilità conseguente di raggiungere un accordo a saldo stralcio con la cessionaria (una società di recupero crediti) - a suo marito verrebbe pignorato il 20% dello stipendio netto, vale a dire 260 euro/mese. Un bel risparmio rispetto alla rata attuale, anche se gli anni di rimborso aumenteranno in ragione degli interessi di mora e delle spese legali che andranno a gravare sull'importo attuale del credito residuo. Ma, se il creditore non concede la ristrutturazione del debito ormai incompatibile con i redditi percepiti dal debitore e con le sue primarie esigenze familiari, c'è pochissimo altro da fare. In più, non avrete più i patemi d'animo per i ritardi di accredito dello stipendio: si tratterà di una questione riservata a creditore e datore di lavoro.

Per quanto riguarda il debito esattoriale di mille e duecento euro (quello per il quale agisce Agenzia delle Entrate Riscossione, ex Equitalia), assai esiguo, si può rimediare con una semplice istanza di rateazione.

In alternativa (ad esempio se suo marito si vergognasse a subire un pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro) si può tentare di percorrere la strada della legge 3/2012 (composizione delle crisi da sovraindebitamento) con la presentazione di un piano del consumatore (in pratica una ristrutturazione del debito imposta dal giudice, con rimodulazione della rata mensile in linea con le reali capacità di rimborso del debitore), ma i tempi si allungheranno e comunque sarà necessario farvi assistere (e pagare) un organismo di composizione.

Questo link consente di accedere al registro gestito dal Ministero della Giustizia dove è possibile reperire l'elenco degli organismi abilitati alla composizione della crisi da sovraindebitamento, nonché tutti i dati di contatto, per ottenere adeguata assistenza nella presentazione di un piano del consumatore presso il Tribunale territorialmente competente.

27 marzo 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio
sovraindebitamento e legge per la composizione delle crisi da sovraindebitamento - esdebitazione o esdebitamento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di prestito - Il prestito delega
Il prestito delega (o delegazione di pagamento), è una forma di prestito personale di cui possono usufruire i lavoratori dipendenti. Tale forma di prestito è regolata dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Per capire di cosa si tratta possiamo partire dalla cessione ...
Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...
Cessione del quinto » Piccolo prontuario per il debitore
La Cessione del quinto è un prestito personale con massima libertà di utilizzo della somma ricevuta. Il richiedente in cambio “cede” una parte del suo stipendio o della sua pensione (al massimo di un quinto) autorizzando il suo datore di lavoro a trattenere ogni mese dalla busta paga o dalla ...
Separazione » No all'assegno divorzile se ex moglie si può permettere il mercedes
No all'assegno divorzile se l'ex coniuge si può permettere un'auto di lusso in leasing. L'uso di una vettura di grossa cilindrata è indicativo di una situazione di benessere. Infatti, non spetta l'assegno divorzile all'ex coniuge che acquisisca in leasing un'autovettura di lusso. L'uso di un'auto di grossa cilindrata dimostra l'insussistenza ...
Equitalia » Inutile vendere casa al marito per sfuggire al debito
Disfarsi in extremis della proprieta` del bene fingendosi incapiente, non e` un rimedio valido che salva da quanto dovuto a Equitalia per non aver pagato la cartella esattoriale notificata. L'agente della riscossione, ai sensi dell'articolo 49, comma 1, del Dpr 602/1973, può mettere in pratica ogni azione cautelare e conservativa ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande