Shopping online problematico? – Il modulo di reclamo della commissione europea


Argomenti correlati:

Ho comprato un prodotto di abbigliamento su un noto sito di shopping online: il capo mi è arrivato fallato e non ho avuto nessuna istruzione per operare il reso, insomma una specie di truffa.

C’è un modo di risolvere questo tipo di controversie?

A chi posso fare reclamo?

L’Unione europea ha implementato un modulo per effettuare un ricorso nell’ambito delle controversie legate allo shopping online.

Dati alla mano, in Europa, circa un acquirente online ogni tre si lamenta del suo acquisto.

Consegne, prodotti difettosi e diversi dall’ordine, prezzo o fatturazione.

Come funziona?

L’utente deposita il reclamo online.

Se l’azienda di e-commerce lo accetta, propone il nome di un mediatore per risolvere il caso.

Ce ne sono 350 in Europa e si può scegliere liberamente.

Questi negoziatori possono essere associazioni di consumatori, camere di commercio o società private di gestione extragiudiziale.

Quando c’è accordo sul mediatore, scatta la mediazione.

L’obiettivo è risolvere la questione prima che finisca in tribunale, sgravandoli di casi di scarso valore economico che ingolferebbero il lavoro dei giudici.

Il procedimento deve essere chiuso in 120 giorni.

9 Luglio 2018 · Giovanni Napoletano



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Shopping online problematico? – Il modulo di reclamo della commissione europea