Segnalato al Cerved per mancato pagamento cambiale emessa da Srl di cui ero socio amministratore

Ho fatto parte in qualità di amministratore al 50% di una SRL, andata poi in liquidazione ed ora in fase di cancellazione dal registro imprese.

La suddetta SRL è stata protestata e, quindi è finita nel registro CERVED, per diverse cambiali non pagate.

L'ultimo protesto è stato iscritto a Dicembre 2013 per una cambiale che andava pagata a Novembre 2013.

Pur essendo stata protestata solo la società, io che ne ero socio amministratore risulto essere un creditore non affidabile e pertanto non posso accedere a prestiti, finanziamenti e qualsiasi altra forma di credito compresi assegni e carte di credito. Tra le altre cose una nuova società di faccio parte oggi risulta anch'essa non affidabile sempre a causa di queste cambiali per una sorta di effetto a cascata.

Volevo sapere quando andranno in prescrizione queste cambiali e se una volta che andranno in prescrizione dovrò andare in Tribunale a chiedere la riabilitazione.

Dimenticavo...non so se possa essere utile ma le cambiali furono emesse per l'acquisto di attrezzature da un privato.

Si tratta di informazioni commerciali che le centrali rischi possono erogare agli aderenti: la cancellazione della segnalazione interverrà automaticamente decorsi dieci anni dal verificarsi dell'evento pregiudizievole. Nella fattispecie, nel novembre 2023.

Essendo stata protestata la società, non non è richiesta, nè sarebbe ammissibile, una sua personale riabilitazione giudiziale: peraltro la segnalazione in RIP (Registro Informatico dei Protesti), riguardante il protesto societario, verrà eliminata fra un mese, nel novembre 2018.

Lei è coinvolto indirettamente nell'informativa, in quanto, al tempo dell'evento pregiudizievole riguardante la srl, svolgeva il ruolo di socio amministratore della compagine societaria. Della circostanza che, poi, le conseguenze del protesto impattino direttamente sulla sua persona, dovrà farsene, purtroppo, una ragione.

Analogamente, nell'informativa riguardante la società di nuova costituzione, viene segnalato che un socio è stato, in passato, amministratore di una srl che aveva emesso cambiali poi non onorate alla scadenza: mi sembra legittimo che del fatto venga messo, consapevolmente, al corrente chi intenda allacciare rapporti commerciali con la nuova società.

4 ottobre 2018 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cambiale protestata
centrale rischi experian cerved

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riabilitazione da protesto di assegno e cambiale
L'articolo 17 della legge 108/1996, prevede che il debitore protestato che abbia adempiuto all'obbligazione per la quale il protesto è stato levato e non abbia subito ulteriore protesto ha diritto ad ottenere, trascorso un anno dal protesto, la riabilitazione. La riabilitazione è accordata con decreto del presidente del Tribunale, territorialmente ...
Risponde per omesso versamento di quanto dovuto all'erario l'amministratore entrato in carica poco prima della scadenza del termine di pagamento
L'assunzione della carica di amministratore comporta, per comune esperienza, una minima verifica della contabilità, dei bilanci e delle ultime dichiarazioni dei redditi. Ove ciò non avvenga, è evidente che colui che subentra nelle quote e assume la carica si espone volontariamente a tutte le conseguenze che possono derivare da pregresse ...
L'amministratore del condominio
In un condominio l'amministratore rappresenta il “governo della casa”: giuridicamente, a norma dell'articolo 1703 del codice civile, esegue un mandato, cioè si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dei condomini. Nomina e revoca L'articolo 1129 del codice civile prevede la nomina di un amministratore quando i ...
Quando l'amministratore della società può essere ritenuto responsabile di bancarotta fraudolenta
L'accensione di un ingente mutuo, al fine dichiarato del consolidamento di posizione debitoria nei confronti di due istituti di credito; il pagamento delle sole due prime rate del piano di ammortamento, nonostante la società avesse liquidità per farvi fronte; la custodia, assolutamente imprudente ed irragionevole di tali liquidità non già ...
L'amministratore che riscuote i propri crediti di lavoro verso la società fallita integra gli estremi della bancarotta preferenziale e non di quella fraudolenta
L'amministratore che si ripaghi dei suoi crediti verso la società fallita relativi a compensi per il lavoro prestato, prelevando, ovvero comunque ottenendo, dalla cassa sociale una somma congrua rispetto a tale lavoro, risponde di bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione? Al quesito hanno risposto i giudici della sezione penale della Corte ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca