Sanzione amministrativa assegno protestato

Io ero uno dei soci di una SRL Semplificata che abbiamo deciso di mettere in liquidazione a partire dal dicembre scorso. Purtroppo, dovendoci arrivare dei pagamenti, che evidentemente non sono arrivati, un assegno è stato respinto per mancanza di fondi. Nel mese di dicembre sono scaduti i 60 gg. Io, avendo firmato in nome della società, ho posto sull'assegno anche il timbro e la denominazione di tale società. Tralasciando il fatto che non eravamo stati informati precedentemente di tale uso, essendo nuovi nell'ambiente imprenditoriale, né dalla banca, né dal nostro consulente, questa volta il timbro è stato messo.

Non ci sono arrivate altre comunicazioni fino a quando è arrivata a me la comunicazione del prefetto dell'avvenuto illecito.

Controllando non risulta nessun protesto nè sulla società, ne a mio nome.

Ecco le mie domande:
Essendoci il timbro della società, la banca può elevare il protesto anche sulla mia persona?

Essendomi arrivata la lettera dal prefetto, suppongo che sia lecita anche se ho agito a nome della società, ma se mi trovassi nell'impossibilità di pagare?

Essendo l'illecito a mio nome, naturalmente ci sono delle conseguenze anche sulla mia capacità di effettuare azioni in banca, immagino. Ma se il protesto, da quello che ho letto, non può essere fatto sulla mia persona, proprio per non ledere queste capacità, avendo io agito per conto della società, in questo modo non si ottiene la stesa cosa?

Mi scuso della poca chiarezza e poca sintesi, ma per me è veramente difficile capire certe cose.

Chiariamo innanzitutto che per un assegno non trasferibile scoperto, la banca non deve necessariamente elevare il protesto, se non vi sono giranti.

C'è, invece, sicuramente, la segnalazione al CAI in assenza di pagamento tardivo (o, in seconda presentazione) decorsi 60 giorni dalla presentazione allo sportello. E c'è la segnalazione al Prefetto.

Il debitore è senz'altro la società e del debito derivante dal mancato pagamento dell'assegno ne risponderanno i soci nei limiti e secondo le modalità previste dalla natura della compagine sociale (società di persone o di capitali).

La segnalazione coinvolge la società e comporta la revoca di sistema, ovvero l'inibizione ad emettere assegni tratti dal conto corrente del soggetto giuridico per almeno sei mesi.

Ma la sanzione prefettizia riguarda colui che firma l'assegno, che, per quanto amministratore o socio, ha la responsabilità di verificare che sul conto corrente della società ci siano i fondi disponibili per il pagamento dell'importo promesso.

Come per tutte le sanzioni amministrative, in caso di inadempienza, seguirà la solita cartella esattoriale.

Per quanto attiene le altre conseguenze, emergerà senz'altro il suo nome come amministratore e socio con potere di firma di una società segnalata in CAI, e potrebbe, pertanto, avere problemi ad ottenere un prestito personale.

7 febbraio 2015 · Marzia Ciunfrini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condominio: assegno non pagato » A chi deve essere elevato il protesto?
In caso di mancato pagamento di un assegno del condominio, a chi va elevato il protesto: all'amministratore condominiale, al condominio in se per se o ai singoli inquilini? Chiariamo la questione. Come chiarito in nostri precedenti interventi, la riforma del condominio ha obbligato l'amministratore condominiale a far transitare tutte le ...
Protesto di un assegno segnalato come rubato presentato al pagamento con firma di traenza non conforme a quella depositata
In tema di protesto di assegno bancario segnalato come rubato e presentato per il pagamento, nel caso in cui la firma di traenza indichi un nome completamente diverso da! titolare del conto corrente, tale che non sia in alcun modo possibile ingenerare nella banca trattaria il dubbio dell'apparente riferibilità dell'assegno ...
Assegni rubati o smarriti - chi deve essere protestato se la firma di traenza non è quella del correntista
Nel caso in cui le firme apposte sugli assegni non risultano apocrife, ma indicano nomi diversi da quelli dei titolari del conto, la giurisprudenza ha già avuto modo di precisare che se, all'esito dell'esame esterno della firma di traenza, è evidente la non corrispondenza della conformità documentale di essa allo ...
Protesto illegittimo - Assegno rubato con firma di traenza recante generalità diverse da quella del correntista
Il caso è quello, un pò particolare, di un carnet di assegni rubato al correntista e regolarmente denunciato. Successivamente uno di questi assegni veniva presentato all'incasso con firma di traenza non solo diversa da quella depositata dal correntista (specimen), ma addirittura recante generalità diverse da quelle del correntista. In pratica, ...
Assegno non trasferibile scoperto ed omesso protesto - E' sufficiente la segnalazione in CAI
La segnalazione nella Centrale d'Allarme Interbancaria (CAI) è sufficiente a tutelare adeguatamente l'interesse del portatore del titolo emesso con clausola “non trasferibile”, dal momento che l'assenza di obbligati in via di regresso esclude che la mancanza di protesto possa pregiudicare il diritto del portatore del titolo nell'ottenerne il pagamento. Per ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca