Assegno protestato più di cinque anni fa – Perché il dato pregiudizievole risulta ancora censito?


Argomenti correlati:

Il giorno 8 aprile del 2016 mi è stato levato un protesto per un assegno di 250 euro, ora trascorsi i 5 anni mi sono recato presso la camera di commercio facendo una visura che è risultata pulita: il giorno 13 aprile 2021 mi reco presso un istituto bancario diverso da quello con cui avevo avuto il protesto, per aprire un conto corrente, mentre facevano la pratica nella loro banca dati esce questo assegno! Come mai è possibile nonostante in camera di commercio risulti pulito .. che loro abbiano ancora questo dato?

Probabilmente l’assegno fu emesso da soggetto professionista, non consumatore: in pratica un imprenditore o un operatore commerciale. In tale ipotesi le società specializzate che si occupano di redigere report informativi – nei settori commerciale, industriale e del lavoro autonomo – che forniscono a pagamento ai propri clienti che ne facciano richiesta (banche ed altri professionisti) possono conservare i dati pregiudizievoli (protesti, ed in genere dati provenienti dai Pubblici Registri e dai Tribunali) fino a dieci anni.

20 Aprile 2021 · Ornella De Bellis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Assegno protestato più di cinque anni fa – Perché il dato pregiudizievole risulta ancora censito?