Condominio: assegno non pagato » A chi deve essere elevato il protesto?

In caso di mancato pagamento di un assegno del condominio, a chi va elevato il protesto: all'amministratore condominiale, al condominio in se per se o ai singoli inquilini? Chiariamo la questione.

Come chiarito in nostri precedenti interventi, la riforma del condominio ha obbligato l'amministratore condominiale a far transitare tutte le somme, incassate e spese, in un conto corrente unico intestato al condominio.

Ma cosa avviene e se un assegno emesso dallo stesso amministratore non viene pagato? In questi casi, la normativa vigente dispone che nell'elenco dei protesti deve indicarsi, in caso di persona fisica, il nome e il domicilio del soggetto destinatario del protesto mentre, in caso di persona giuridica, la denominazione e la sede.

Pertanto, il problema va risolto andando a guardare la firma apposta sopra l'assegno. Le opzioni sono due:

  • l'amministratore ha firmato l'assegno apponendo il timbro del condominio
  • l'amministratore ha firmato l'assegno senza apporre il timbro condominiale

Infatti, se un assegno bancario risulta sottoscritto da un rappresentante, in questo caso l'amministratore di condominio, ed è tratto su un conto corrente intestato a un rappresentato, cioè il condominio, il protesto va elevato in capo al rappresentante solo nel caso in cui nell'assegno non vi siano elementi tali da far comprendere il rapporto di rappresentanza.

Al contrario, se l'assegno condominiale rimasto insoluto sia stato firmato dall'amministratore con la specificazione della sua qualità, il protesto andrà elevato nei confronti del condominio

In ogni caso è decisamente da escludere che il mancato pagamento dell'assegno emesso dall'amministratore per conto del condominio possa comportare l'elevazione del protesto verso tutti gli inquilini, singolarmente considerati.

In parole povere, se il condominio ha emesso un assegno scoperto, i proprietari degli appartamenti non saranno iscritti nel registro dei protesti.

2 settembre 2014 · Stefano Iambrenghi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Protesto legittimo per l'amministratore che non specifica di avere agito per il condominio
E' valido il protesto nei confronti dell'amministratore condominiale, come persona fisica, che, nell'emettere un assegno scoperto, non ha specificato di avere agito per conto del condominio. Infatti, è legittimo il protesto emesso nei confronti dell'ex amministratore che emette un assegno senza specificare la spendita della qualità di legale rappresentante del ...
Condominio » Recupero crediti dai morosi
Condominio e morosi: a causa della crisi economica sta aumentando il numero di persone che non riesce a pagare le rate. Con la riforma del condominio, la famosa legge 220/2012, è stato introdotto il principio di solidarietà sussidiaria del debito del condominio, ma è stato anche previsto un meccanismo per ...
Estratto del conto corrente condominiale - Ciascun condomino può richiederlo direttamente alla banca
Prima della recente riforma della disciplina del condominio, era riconosciuto ai singoli condomini il diritto di ottenere copia della documentazione bancaria relativa al conto corrente condominiale, trattandosi di un ente sprovvisto di personalità giuridica ed operando l'amministratore condominiale quale rappresentante dei singoli partecipanti al condominio stesso. A seguito della riforma ...
Chiusura unilaterale conto corrente e conseguente protesto assegno - la banca deve risarcire
La clausola di buona fede nell'esecuzione del contratto di conto corrente opera come criterio di reciprocità, imponendo a ciascuna delle parti del rapporto di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra e costituisce un dovere giuridico autonomo a carico delle parti contrattuali, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali ...
Qualsiasi condomino ha il diritto di ottenere dalla banca un estratto del conto corrente condominiale
L'articolo 1229, settimo comma, del codice civile dispone che L'amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su condominio: assegno non pagato » a chi deve essere elevato il protesto?. Clicca qui.

Stai leggendo Condominio: assegno non pagato » A chi deve essere elevato il protesto? Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 2 settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 14 agosto 2017 Classificato nella categoria assegni scoperti e protestati - ricorso ad ingiunzione prefettizia ed esercizio azione regresso Inserito nella sezione protesti e protestati.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca