Reddito di cittadinanza e variazioni delle disponibilità in conto corrente – Vanno segnalate?

Il comma 11 dell’articolo 3 del decreto legge 4/2019 inerente Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni” sancisce che è fatto obbligo al beneficiario di comunicare all’ente erogatore, nel termine di quindici giorni, ogni variazione patrimoniale che comporti la perdita dei requisiti di cui all’articolo 2, comma 1, lettere b) e c).

Tali lettere fanno riferimento ai requisiti reddituali e patrimoniali che il nucleo familiare deve possedere (lettera b) e le caratteristiche relative al godimento di beni durevoli che devono essere rispettare per poter accedere al RDC (lettera c).

In particolare il punto 3) della lettera b) indica il limite, che tutti conosciamo, del valore del patrimonio mobiliare da non superare per avere diritto al beneficio.

Combinando le disposizione dell’articolo 3 comma 11 con quelle dell’articolo 2, comma 1, lettere b) e c) sembrerebbe che vadano comunicate (tra le altre cose) le successive variazioni delle proprie disponibilità liquide avvenute nel 2019 che facciano superare i limiti sopra richiamati.

La mia domanda è la seguente: prendiamo un soggetto che poniamo possedeva al 31/12/2018 un patrimonio mobiliare definito ai fini ISEE di 5.900 euro e quindi non superava il limite, se una volta chiesto e ottenuto il reddito ci cittadinanza nel corso del 2019 dovesse a titolo di esempio versare 1.000 euro nel suo conto andando a superare tale limite, perderebbe il diritto a mantenere l’assegno? Dovrà, come sembrerebbe dal DL comunicare tale variazione? Con quale modulo andrà eseguita tale comunicazione?

Oppure come mi sembra correttamente di interpretare, al contrario, il punto 3 della lettera b) dell’articolo 2 quando dice “un valore del patrimonio mobiliare, come definito a fini ISEE” si farà comunque SEMPRE riferimento alla giacenza e saldo al 31/12 dell’anno prima in quanto, appunto ai fini ISEE, non è previsto di determinare tale valore con le disponibilità e giacenze medie del 2019. Ritenete tale interpretazione corretta?

Crediamo che vada presa in considerazione la circolare INPS 43/2019, in base alla quale in relazione alla comunicazione delle variazioni patrimoniali si dispone che è fatto obbligo al beneficiario di comunicare all’INPS, tramite il modello RdC/PdC – Com Esteso, nel termine di 15 giorni, ogni variazione relativa a patrimonio immobiliare e beni durevoli intervenuta rispetto a quanto è presente nell’attestazione ISEE in corso di validità, che comporti il venir meno dei requisiti di legge. In particolare, per il patrimonio immobiliare la perdita del requisito si verifica al superamento della soglia pari a 30.000 euro, senza considerare la casa di abitazione. Pertanto, andrà comunicato ad esempio l’acquisto di una seconda casa che comporti il superamento della predetta soglia. Relativamente ai beni durevoli, dovranno essere comunicati l’acquisto di autoveicoli, motoveicoli ecc., intervenuti dopo la presentazione della domanda e che non rispettino i requisiti illustrati sopra.

Nel documento citato si tace a ragione, secondo noi, su qualsiasi obbligo di comunicare all’INPS qualsiasi eventuale variazione infrannuale riferita alle disponibilità del patrimonio mobiliare ed in particolare riguardo alle fluttuazioni (spesso temporanee e/o aleatorie) di disponibilità in conto corrente. Infatti, ai fini ISEE, per i depositi e i conti correnti bancari e postali, va assunto il valore del saldo contabile attivo, al lordo degli interessi, al 31 dicembre dell’anno precedente a quello di presentazione della DSU, ovvero, se superiore, il valore della consistenza media annua riferita al medesimo anno.

Qualora, inoltre, nell’anno precedente si sia proceduto all’acquisto di componenti del patrimonio immobiliare ovvero a variazioni ad incremento di altre componenti del patrimonio mobiliare per un ammontare superiore alla differenza tra il valore della consistenza media annua e del saldo al 31 dicembre, può essere addirittura assunto il valore del saldo contabile attivo al 31 dicembre dell’anno precedente, anche se inferiore alla consistenza media. Ai soli fini di successivi controlli, nella DSU il valore della consistenza media annua va comunque indicato.

In altre parole, solo al 31 dicembre si possono apprezzare eventuali significative variazioni (medie) del patrimonio mobiliare.

16 Maggio 2019 · Roberto Petrella

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Reddito di cittadinanza e giacenza in conto corrente - Perché nella DSU/ISEE 2020 si fa ancora riferimento all'estratto conto al 31 dicembre 2018?
Io convivo con il mio compagno entrambi disoccupati e abbiamo due figli minorenni: lo scorso anno non abbiamo potuto accedere al reddito di cittadinanza solo perché il valore del patrimonio mobiliare superava di poco il limite di euro 10 mila, secondo le giacenze del 2018 (isee 2019). A gennaio di quest'anno rifaccio isee ma ancora una volta si fa riferimento alle giacenze del 2018 e ancora una volta naturalmente supero il limite dei 10 mila anche se la situazione reale è differente nel corso dell'anno abbiamo inevitabilmente dovuto utilizzare i nostri risparmi, quindi se avessimo presentato le giacenze al 2019 ...

Variazioni patrimonio mobiliare e Reddito di cittadinanza - Esonero dall'obbligo di Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID)
La mia è famiglia (che vive in affitto di 3 mila e 600 euro annui) è composta da: - Padre lavoratore Part-time - Madre Casalinga - Figlio minore di 3 anni Abbiamo chiesto il reddito di cittadinanza a Marzo e a partire dal Mese di Maggio ci è stata consegnata la carta del RDC con un importo di circa 280 euro (immagino per via dell'affitto). A oggi rispettiamo ancora tutti i requisiti richiesti dalla normativa (abitiamo ancora in affitto, la mia situazione lavorativa è pressoché la stessa e il patrimonio mobiliare è inferiore a 10.000 euro, niente imbarcazione e immatricolazioni ...

Patrimonio mobiliare e reddito familiare ai fini ISEE - Ho diritto a percepire il reddito di cittadinanza?
Ho un invalidità civile del 75%, quindi iscritto al collocamento mirato e quindi credo esonerato dal patto per il lavoro. Dall'Isee ho questi importi: redditi componenti del nucleo 5.821 reddito figurativo patrimonio mobiliare 339.25 isr 6160,25 Patrimonio mobiliare 22.945 detrazione patrimonio mobiliare - 6.000 Patrimonio immobiliare 18.533 detrazione patrimonio immobiliare -16.132 ISP 19.166 ISE 9.933,45 ISEE: 6662,30 Anzitutto non ho capito bene la differenza fra reddito familiare e patrimonio mobiliare ed essendo disabile il limite è fino a 20 mila euro per poter chiedere il reddito di cittadinanza? E la franchigia di 6.000 va tolta nel calcolare tale reddito familiare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Reddito di cittadinanza e variazioni delle disponibilità in conto corrente – Vanno segnalate?