Reddito di cittadinanza a 5 stelle – Come sarà (se ci sarà)?

Sono un ragazzo napoletano disoccupato da molti anni: in vista delle elezioni politiche, io e molti ragazzi nella mia stessa situazione abbiamo votato il partito che ha proposto la misura del reddito di cittadinanza.

Visto che hanno, in teoria, vinto, vorrei saperne di più su questa forma di assistenzialismo che sta facendo molto clamore.

Come funzionerà?

Il famoso, o famigerato, reddito di cittadinanza proposto dal partito M5S (Movimento Cinque Stelle) ha scosso dalle fondamenta il Belpaese in vista delle tanto agognate elezioni politiche avvenute recentemente.

Come è ben noto a tutti gli scrutini delle politiche non hanno configurato una maggioranza totale in Parlamento, per cui chi sarà a governare, quando e come è ancora del tutto un enigma.

Unica certezza, però, è che il partito che ha preso più voti, il M5S, ha fatto una compagna elettorale fondata principalmente su una misura di assistenzialismo (o quasi) che ha fatto gola a parecchi cittadini italiani.

Parliamo, appunto, del reddito di cittadinanza.

Non ci pronunciamo sulla possibilità di approvazione della proposta, anche perché, come detto, il futuro della politica italiana è ancora pieno di foschia: non sappiamo peraltro se il M5S salirà al governo o meno.

Intanto, però, facciamo un piccolo focus sulla proposta (quella originale) promossa dal partito.

Se la proposta sarà approvata, ben 9 milioni di italiani avranno diritto al reddito di cittadinanza, cioè tutti coloro che non hanno reddito o hanno redditi molto bassi.

E questo vale per i componenti di tutta la famiglia: una famiglia di 4 persone può arrivare a percepire anche 1950 euro.

Naturalmente esenti da tasse, ed esenti anche da pignoramenti.

Una famiglia di tre persone, con genitori disoccupati a reddito zero e figlio maggiorenne a carico: il reddito di cittadinanza per la famiglia sarà pari a 1560 euro al mese.

Una coppia di pensionati con pensioni minime da 400 euro ciascuno: il reddito di cittadinanza sarà pari ad altri 370 euro per la coppia, come integrazione al reddito.

Per poter chiedere il reddito di cittadinanza, sono sufficienti questi requisiti:

  • avere più di diciotto anni ed essere inoccupato
  • percepire un reddito di lavoro inferiore alla soglia di povertà
  • percepire una pensione inferiore alla soglia di povertà

Ricordiamo che la soglia di povertà, in Italia, per nuclei familiari composti da un unico individuo è di 780 euro.

Detta soglia varia in funzione del numero di persone che compongono il nucleo familiare.

Se potrai percepire il reddito, per conservarlo ti verrà richiesto di adempiere ad alcune regole:

  • Iscriverti presso i centri per l’impiego e renderti subito disponibile a lavorare
  • Iniziare un percorso per essere accompagnato nella ricerca del lavoro dimostrando la reale volontà di trovare un impiego
  • Offrire la propria disponibilità per progetti comunali utili alla collettività (8 ore settimanali)
  • Frequentare percorsi per la qualifica o la riqualificazione professionale
  • Effettuare ricerca attiva del lavoro per almeno 2 ore al giorno
  • Comunicare tempestivamente qualsiasi variazione del reddito
  • Accettare uno dei primi tre lavori che ti verranno offerti

Se hai un lavoro a tempo pieno, ma sei sottopagato, avrai diritto all’integrazione del reddito.

La legge prevede infatti anche l’introduzione di un salario minimo contrattuale.

Nessuno potrà più essere pagato meno di 9 euro l’ora.

Se invece hai un lavoro part time, il tuo salario sarà integrato fino ad arrivare a 780 euro al mese.

Ricordiamo che siamo ancora lontani da qualsivoglia disegno di legge o discussione alle Camere: il reddito di cittadinanza esposto, dunque, si basa meramente sul programma elettorale del M5S.

9 Marzo 2018 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Reddito di cittadinanza - Come viene determinato l'importo del beneficio?
Riguardo il beneficio economico del reddito di cittadinanza, vorrei saperne di più in merito alla sua composizione, all'importo dei versamenti e alle tempistiche di erogazione. Sapete darmi informazioni precise? ...

Naspi e reddito di cittadinanza - Il reddito di cittadinanza dovrebbe aumentare al diminuire dell'indennità di disoccupazione percepita
Percepisco la Naspi e anche il RDC: come ben sappiamo la Naspi si riduce del 3% dal 4° mese in poi, per cui, in teoria il RDC dovrebbe aumentare. Qual è secondo voi la procedura da adottare? Secondo fonte Inps, in questo caso c'è una lacuna del Decreto e secondo una loro empirica teoria non dimostrata mi hanno risposto che molto probabilmente la mensilità del RDC si aggiorna in automatico, man mano che la Naspi diminuisce. Io ci credo poco. Voi cosa ne pensate? ...

Reddito di cittadinanza - Concessi numerosi importi mensili molto bassi: ecco perché
Sto leggendo con molto stupore i commenti di molti cittadini che hanno richiesto l'accesso al beneficio del reddito di cittadinanza: in diversi casi gli importi concessi mensilmente sono scandalosamente bassi, al limite del ridicolo. Come è possibile? ...

Dove mi trovo?