Recupero credito residuo da vecchia cessione del quinto

Argomenti correlati:

Il 14/10/2011 chiedo una cessione del quinto presso l’azienda in cui lavoro dal 2002 che mi viene concesso con una rata di 95 euro per 120 mesi: nel 2014 mi licenzio per cambiare città tutto il mio Tfr viene trattenuto per saldare la cessione. Io mi trasferisco tenendo conto che tutto è a posto e incomincio a lavorare per 3 mesi a Firenze da giugno 2014 a settembre 2014. Negli anni 2015 2016 rimango per motivi di salute senza lavoro per essere riassunto nel 2017 a Firenze sempre con la stessa azienda e sempre a tempo determinato fino a dicembre 2018 anno in cui vengo assunto a tempo indeterminato.

E proprio nel mio cedolino di dicembre mi vedo a mia insaputa una trattenuta per cessione del quinto di 251 euro: chiedo spiegazioni all’ufficio personale che mi risponde che era arrivata una richiesta di un residuo di cessione da parte di una società e loro pensando fosse una continuazione di cessione procedono al pagamento mandando a questa società (di recupero crediti) la mia busta paga e l’atto di benestare.

Tutto questo avviene senza che io ne sappia nulla. Vorrei sapere se era tenuto il mio datore di lavoro a pagare questa agenzia di recupero crediti e se non lo era posso chiedere il blocco dei pagamenti e la restituzione delle somme?

Se il vecchio prestito per cessione del quinto, contratto nel 2002, non risultò completamente estinto con il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) maturato dal debitore ceduto al tempo delle dimissioni volontarie o del licenziamento, la finanziaria che erogò il prestito (o la cessionaria del credito residuo) ha tutto il diritto di chiedere al nuovo datore di lavoro il prelievo dalla busta paga della rata finalizzata rimborsare quanto residuò nel 2014. Il datore di lavoro deve adempiere per legge senza chiedere autorizzazione al debitore ceduto.

Il nocciolo del problema è sapere, e lei tace su questo elemento fondamentale per poter rispondere al quesito, se con il prelievo dell’intero TFR maturato nel 2014, il prestito per cessione del quinto fu estinto o no.

Bisogna chiedere la documentazione al vecchio datore di lavoro o a al creditore che si è rivolto al nuovo datore di lavoro e fare i conti: non basta dimettersi e cambiare città semplicemente tenendo conto che tutto è a posto. I nodi, prima o poi, vengono al pettine.

21 Marzo 2019 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Recupero crediti su una cessione del quinto e una delega di pagamento
Nel 2006 ero assunto presso una Spa a tempo indeterminato con oltre 200 dipendenti, nel 2007 ho ottenuto una cessione del quinto per una durata di 10 anni e una rata di 271 euro, dopo un anno ho chiesto ed ottenuto un prestito con delega sempre per 10 anni e con una rata di 380 euro, nel 2010 sono stato licenziato per giusta causa e credevo che ci fosse l'assicurazione a pagare tutto. Dopo parecchi anni dove non ho trovato lavoro ad agosto di quest'anno sono stato assunto a tempo indeterminato presso una spa e dieci giorni fa l'ufficio personale ...

Cessione del quinto e debito residuo nonostante il prelievo da TFR in occasione della chiusura dell'azienda presso cui lavoravo
Circa 10 anni fa feci una cessione del quinto pagata sempre regolarmente poi la mia ditta ha chiuso ed ho pagato con Tfr nel frattempo la finanziaria ha venduto il credito a Barclays e poi a ibl ho pagato 1500 euro e ne vogliono altri mille minacciandomi di mettere la pratica a sofferenza: lo possono fare? La cessione non risulta neanche in crif ...

Cessione volontaria del quinto - Come funziona in caso di dimissioni e successiva riassunzione presso un nuovo datore di lavoro?
Ho sottoscritto un contratto di cessione dei quinto con una ditta nel 2014 e nel 2016 mi sono dimessa e mi ha riassunta un'altra società: adesso la finanziaria dopo aver incassato il mio TFR rimane scoperta di 4000 euro di debito e ha fatto richiesta al nuovo datore di lavoro il proseguo della cessione. La mia domanda è: il nuovo datore è obbligato? Io posso oppormi? Proponendo un rientro con bonifico bancario e non con cessione? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero credito residuo da vecchia cessione del quinto