Cessione del quinto e debito residuo nonostante il prelievo da TFR in occasione della chiusura dell’azienda presso cui lavoravo

Circa 10 anni fa feci una cessione del quinto pagata sempre regolarmente poi la mia ditta ha chiuso ed ho pagato con Tfr nel frattempo la finanziaria ha venduto il credito a Barclays e poi a ibl ho pagato 1500 euro e ne vogliono altri mille minacciandomi di mettere la pratica a sofferenza: lo possono fare? La cessione non risulta neanche in crif

Il creditore attuale può sicuramente esigere i mille euro se, in occasione della chiusura della ditta presso cui prestava attività di lavoro dipendente, nonostante il trasferimento del TFR fino ad allora maturato alla società cessionaria del quinto, il credito, ora vantato, non risultò essere stato integralmente soddisfatto.

Che la cessione non risulti visibile in CRIF (e non potrebbe esserlo dopo tanti anni) non significa nulla rispetto all’obbligo di rimborsare completamente il credito non prescritto: è’ lei che dovrebbe sapere se è sopravvissuto un debito residuo rispetto a quanto già versato, consultando il piano di ammortamento al tempo concordato con la finanziaria originaria e i prelievi sulle buste paga oppure esigendo un estratto conto cronologico dall’attuale sedicente creditore (che dovrebbe pure mostrarle la documentazione di avvenuta cessione del credito).

La società cessionaria, titolare dell’eventuale credito residuo, se vigilata da Bankitalia e/o soggetto alimentante una centrale rischi in qualità di membro aderente, può aggiornare un appostare in sofferenza se la posizione esiste ed è visibile, ma non può creare una posizione ex novo (come se stesse contestando l’inadempimento rispetto ad un nuovo prestito).

25 Aprile 2019 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cessione del quinto e debiti alimentari - Posso chiedere una riparametrazione al ribasso della rata?
Ho in corso, dal 2013, un finanziamento assistito da cessione del quinto dello stipendio: poiché dal 2017 sono civilmente separato con obbligo di alimenti mensili di mille euro la mia domanda è: - considerato che il mio stipendio attuale è di €2 mila euro, posso ottenere una riparametrazione al ribasso della cessione del quinto dagli attuali € 363 in ragione del nuovo impegno giudizialmente stabilito? - il finanziamento è a 30 anni: è vero che al decimo anno non sarà più operata cessione se non con rinnovo bilaterale? ...

Recupero credito residuo da vecchia cessione del quinto
Il 14/10/2011 chiedo una cessione del quinto presso l'azienda in cui lavoro dal 2002 che mi viene concesso con una rata di 95 euro per 120 mesi: nel 2014 mi licenzio per cambiare città tutto il mio Tfr viene trattenuto per saldare la cessione. Io mi trasferisco tenendo conto che tutto è a posto e incomincio a lavorare per 3 mesi a Firenze da giugno 2014 a settembre 2014. Negli anni 2015 2016 rimango per motivi di salute senza lavoro per essere riassunto nel 2017 a Firenze sempre con la stessa azienda e sempre a tempo determinato fino a dicembre ...

Il debitore va in pensione (anticipata) con quota cento - Come verrà rimborsato il debito residuo da cessione del quinto, da delega di pagamento e da pignoramento che gravano in busta paga?
Sono un pubblico dipendente e sto per andare in pensione con quota 100: sulla busta paga gravano una cessione del quinto dello stipendio, una delega di pagamento di un quinto e un pignoramento. Cosa succede se vado in pensione? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cessione del quinto e debito residuo nonostante il prelievo da TFR in occasione della chiusura dell’azienda presso cui lavoravo