Recupero affitti non pagati in Romania


Ho affittato casa a una famiglia di rumeni, mi devono circa 20 mila euro di affitti e spese varie. Sto pensando di recuperare i miei soldi. Il mio avvocato ha già contattato alcune banche e qualcosa si può recuperare in Italia. Ma da indagini molto lo posso riprendere in Romania: mi conviene portare avanti la pratica? A spaventare il mio avvocato è il fatto di dover andare a fare il pignoramento in Romania.

Ma a parte questo, vale la pena tentare?

Nessuno, meglio del suo avvocato, può rispondere alla domanda da lei posta.

In generale si può solo considerare che, se il contratto di affitto era registrato c/o l’ADE, se il conduttore inadempiente nei confronti degli obblighi previsti nel contratto di locazione possiede beni pignorabili in Romania, se l’avvocato a cui si è rivolto è nelle condizioni di poter affidare la pratica ad un corrispondente studio legale rumeno a costi ragionevoli (non riesco a pensare ad un avvocato italiano che si sposti in Romania per chiedere qualcosa di equivalente ad un decreto ingiuntivo nei tribunali locali secondo le procedure colà vigenti), se il preventivo dei costi certi da sostenere è inferiore ad una pur prudente stima del recuperabile, allora sì, vale la pena tentare.

20 Luglio 2014 · Simone di Saintjust



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero affitti non pagati in Romania